Mangiare e bere

Donne con un debole per i dolci sono più in sintonia con il proprio corpo

Le donne che bramano sensazioni di gusto dolce sono più in sintonia con i loro corpi – e sono più in grado di capire quando si sentono piene – rispetto alle donne con un’avversione per le cose dolci. Questo secondo una nuova ricerca degli psicologi dell’Università del Sussex, pubblicata sulla rivista Appetite .

Questa scoperta controintuitiva proviene da uno studio del Prof Martin Yeomans e del Dr. Vasiliki Iatridi, esperti di sazietà e psicologia alimentare, che hanno condotto uno studio con 64 partecipanti.

Pubblicità e progresso

Lo studio ha osservato persone a ciascuna delle estremità dello spettro dei golosi, confrontando i “dolcissimi” con i “dolci”. I partecipanti sono stati classificati come “dolcissimi” o “dolci-antipatici” dopo che gli è stato chiesto di assaggiare e valutare soluzioni zuccherine di intensità variabile.

I partecipanti sono stati inizialmente dotati di tracker del battito cardiaco. Si è scoperto che i “dolcissimi” sono più in grado di percepire i propri battiti cardiaci, senza effettivamente misurare i propri impulsi, rispetto ai “dolci non piace”. Dopo questo, i partecipanti sono stati invitati a bere acqua finché non si sentivano pieni. Si è scoperto che quelli classificati come “dolci likers” erano più in grado di dire quando erano pieni, cioè avevano migliori capacità “gastriche interocettive”.

I dolcissimi hanno anche ottenuto punteggi più alti su scale alimentari consapevoli e intuitive. Ciò significa che è stato scoperto che hanno meno probabilità di essere influenzati dalle tentazioni del nostro “ambiente obesogenico” moderno, che è abbondante nel cibo.

Il dottor Vasiliki Iatridi, che era uno studente di dottorato della School of Psychology presso l’Università del Sussex durante lo studio, è l’autore principale del documento di ricerca . Lei disse:

“Questo studio è interessante perché è contrario a ciò che molte persone potrebbero pensare. Se sei appassionato di cibi molto zuccherini, non significa che sei al capriccio delle tue voglie. Potrebbe significare il contrario: che tu è meno probabile che ceda al richiamo del barattolo di caramelle in assenza di fame o di un fabbisogno metabolico, cioè reale, di carboidrati “.

“Secondo ricerche precedenti nel nostro laboratorio, se sei una persona a cui non piacciono i dolci bolliti, potresti essere classificato come” antipatico ai dolci “. Queste sono le persone, che abbiamo trovato qui, che sono meno in grado di frenare le loro voglie “.

“Questa ricerca potrebbe nel tempo aprire nuove strategie nutrizionali personalizzate per aiutare le persone a perdere peso”.

Il professor Martin Yeomans della School of Psychology dell’Università del Sussex ha supervisionato lo studio. Egli ha detto:

“Può sembrare controintuitivo per alcune persone, ma abbiamo scoperto che le donne classificate come golose sono più in sintonia con i loro corpi e hanno maggiori probabilità di sapere quando sono piene.

“Da una prospettiva scientifica, sappiamo che gli individui variano ampiamente in quanto a loro piace il cibo dolce. Ma non è noto se questo cambiamento si riferisca a differenze sottostanti nelle capacità interocettive delle persone, cioè la capacità di leggere il proprio stato interno. Che copre cose come quanto è pieno il loro stomaco e se il loro corpo dice loro che hanno bisogno di mangiare.

“Il nostro studio mostra che le persone a cui piacciono i cibi dolci sono in grado di rilevare le sensazioni fisiche che segnalano quando sono sazi. Ciò è in contrasto con l’idea che il gusto dolce provochi l’eccesso di cibo, poiché suggerisce che i gusti dolci sono più in grado di sapere quando sono affamati o sazi, e che sorprendentemente sono quelli a cui non piacciono i sapori dolci che potrebbero essere meno in grado di autoregolare il loro mangiare. Quello che ancora non sappiamo è cosa rende qualcuno un simpatico o antipatico, ed è quello che stiamo esaminando ora “.

Questo studio ha esaminato solo le partecipanti di sesso femminile, ma si spera che ulteriori studi possano includere anche uomini.

Categorie:Mangiare e bere

Con tag:,