Terapie

I produttori di farmaci si affrettano a entrare nel mercato della salute degli animali domestici

Le aziende farmaceutiche coreane si stanno affrettando a entrare nel mercato del trattamento degli animali domestici, concentrando la ricerca e lo sviluppo in particolare su malattie come il diabete e il deterioramento cognitivo di cui tendono a soffrire i vecchi animali domestici.

Nel 2019, 5,9 milioni di famiglie coreane, ovvero il 26,4% del totale, hanno allevato un animale domestico. Funzionari del settore hanno affermato che il mercato degli animali domestici dovrebbe crescere fino a raggiungere i 6 trilioni di won (5,39 miliardi di dollari) nel 2027.

Pubblicità e progresso

Le aziende farmaceutiche hanno affermato che la domanda di trattamenti per animali domestici anziani è in aumento. Il loro ingresso nel mercato della cura degli animali amplierà anche le opzioni di trattamento per gli animali domestici, hanno affermato.

Giovedì, Daewoong Pharmaceutical ha divulgato i risultati di uno studio clinico su Enavogliflozin (DWP16001), un inibitore del cotrasportatore sodio-glucosio-2 (SGLT-2) per l’effetto antidiabetico, per un animale domestico, in una conferenza ospitata dalla Società coreana di scienza veterinaria .

Daewoong sta sviluppando Enavogliflozin anche come trattamento per il diabete di tipo 2 per gli esseri umani. La società mira a lanciare il farmaco in Corea nel 2023.

Secondo Daewoong, uno su 300 cani da compagnia e uno su 200 gatti da compagnia sono diabetici. La maggior parte del diabete negli animali da compagnia è diabete insulino-dipendente o diabete di tipo 1 .

Tuttavia, non esiste un farmaco orale per animali diabetici. La maggior parte degli animali con diabete riceve iniezioni di insulina per il trattamento.

Cinque istituzioni, tra cui il gruppo di ricerca del professor Youn Hwa-young presso il College of Veterinary Medicine della Seoul National University, hanno confermato l’effetto di controllo della glicemia e la sicurezza di Enavogliflozin nei cani il cui livello di zucchero nel sangue non era sufficientemente controllato con l’insulina.

Nello studio, il team di ricerca ha confrontato fruttosamina, glucosio a digiuno e cambiamenti di insulina tra il gruppo trattato con insulina giornaliera+Enavogliflozina e il gruppo con la combinazione una volta ogni tre giorni per otto settimane. Quindi, il team di ricerca ha anche osservato cambiamenti nel peso e nella pressione sanguigna.

I risultati hanno mostrato che la concentrazione di fruttosamina è diminuita di circa il 20% nel gruppo di terapia combinata una volta al giorno e del 15% nel gruppo di una volta ogni tre giorni. In entrambi i gruppi, il farmaco candidato ha dimostrato un controllo significativo della glicemia.

La dose di insulina era inferiore del 25% nel gruppo una volta al giorno e del 15% inferiore nel gruppo una volta ogni tre giorni. La cifra nel gruppo una volta al giorno era statisticamente significativa, ha detto Daewoong.

Non c’era alcuna differenza statisticamente significativa nel glucosio a digiuno tra i due gruppi. I due hanno mostrato una tendenza a diminuire.

Il primo gruppo ha avuto una riduzione del peso del 5% e il secondo una riduzione del 2%. Il primo ha anche mostrato una pressione sanguigna più bassa di 20 mmHg, che era statisticamente significativa, ha affermato la società.

Non ci sono state reazioni avverse gravi come chetoacidosi diabetica o ipoglicemia grave durante la somministrazione di Enavogliflozin.

Il CEO di Daewoong Pharmaceutical Jeon Seng-ho ha affermato che lo sviluppo di un medicinale veterinario per animali domestici diabetici potrebbe essere una nuova opzione di business. Non esiste un farmaco antidiabetico orale per animali domestici oltre alle iniezioni di insulina.

All’inizio di questo mese, Yuhan Corp. ha rilasciato GedaCure (ingrediente: crisdesalazina) per il trattamento di cani con sindrome da disfunzione cognitiva (CDS) in collaborazione con GNT Pharma.

Sviluppato da GNT Pharma, GedaCure è il primo trattamento nazionale per cani con CDS. A febbraio ha ottenuto l’approvazione dell’Agenzia per la quarantena degli animali e delle piante.

Supportata dal Ministero della Scienza e dal Brain Frontier Project dell’ICT, GNT Pharma ha sviluppato la crisdesalazina come un nuovo farmaco sintetico che proietta le cellule nervose del cervello. Il farmaco è progettato per prevenire i radicali liberi e l’infiammazione, che svolgono un ruolo importante nell’insorgenza e nella progressione di malattie degenerative del cervello come il morbo di Alzheimer.

Secondo Yuhan, la CDS nei cani non solo abbassa la qualità della vita dei cani, ma influisce negativamente sulla vita dei guardiani perché i cani potrebbero urinare o defecare nel posto sbagliato o abbaiare nel cuore della notte senza alcun motivo.

Yuhan ha sottolineato che la somministrazione di crisdesalazina a un modello animale di Alzheimer, placche amiloidi e morte delle cellule nervose cerebrali, nota come causa della demenza di Alzheimer, è stata significativamente ridotta e la funzione cognitiva è stata migliorata.

Categorie:Terapie

Con tag:,,

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.