Equilibrio

Gli umani dormivano in due turni e forse dovremmo farlo di nuovo

dream, clouds, sleep

Photo by BiljaST on Pixabay

Circa un terzo della popolazione ha difficoltà a dormire, comprese difficoltà a mantenere il sonno durante la notte.

Mentre i risvegli notturni sono angoscianti per la maggior parte dei malati, ci sono alcune prove del nostro recente passato che suggeriscono che questo periodo di veglia che si verifica tra due periodi di sonno separati fosse la norma.

Pubblicità e progresso

Nel corso della storia, ci sono stati numerosi resoconti di sonno segmentato, da testi medici, a documenti e diari di tribunale, e persino nelle tribù africane e sudamericane, con un riferimento comune al “primo” e “secondo” sonno.

In Barnaby Rudge (1840) di Charles Dickens scrive:

“Lo sapeva, anche nell’orrore con cui era partito dal suo primo sonno, e aveva alzato la finestra per scacciarlo dalla presenza di qualche oggetto, al di là della stanza, che non era stato, per così dire, il sognare.”

Gli antropologi hanno trovato prove che durante l’Europa preindustriale, il sonno bimodale era considerato la norma. L’inizio del sonno non era determinato da un’ora stabilita per andare a dormire, ma dal fatto che ci fossero cose da fare.

Il libro dello storico A. Roger Ekirch At Day’s Close: Night in Times Past descrive come le famiglie in quel momento si ritirassero un paio d’ore dopo il tramonto, si svegliassero poche ore dopo per una o due ore, e poi dormissero in un secondo frangente fino all’alba.

Durante questo periodo di veglia, le persone si rilassano, meditano sui propri sogni o fanno sesso. Alcuni si dedicavano ad attività come cucire, tagliare la legna o leggere, basandosi sulla luce della luna o sulle lampade a olio.

Ekirch ha scoperto che i riferimenti al primo e al secondo sonno iniziarono a scomparire durante la fine del XVII secolo. Si pensa che questo sia iniziato nelle classi superiori del Nord Europa e sia filtrato fino al resto della società occidentale nei successivi 200 anni.

È interessante notare che la comparsa dell’insonnia da mantenimento del sonno nella letteratura alla fine del XIX secolo coincide con il periodo in cui i resoconti del sonno diviso iniziano a scomparire. Pertanto, la società moderna può esercitare pressioni inutili sugli individui affinché ogni notte debbano ottenere una notte di sonno continuo e consolidato, aumentando l’ansia per il sonno e perpetuando il problema.

Basi biologiche Bifasiche

Forme meno drammatiche di sonno bifasico sono evidenti nella società odierna, ad esempio nelle culture che fanno una siesta pomeridiana. Il nostro orologio biologico si presta a tale programma, avendo una riduzione della vigilanza nel primo pomeriggio (il cosiddetto ‘calo post pranzo’).

All’inizio degli anni ’90, lo psichiatra Thomas Wehr condusse un esperimento di laboratorio in cui esponeva un gruppo di persone a un breve fotoperiodo, ovvero venivano lasciate al buio per 14 ore al giorno invece delle tipiche 8 ore, per un mese.

 

Ci è voluto del tempo prima che il loro sonno si regolasse, ma alla quarta settimana è emerso un modello di sonno distinto in due fasi. Hanno dormito prima per 4 ore, poi si sono svegliati da 1 a 3 ore prima di cadere in un secondo sonno di 4 ore. Questa scoperta suggerisce che il sonno bifasico è un processo naturale con una base biologica.

Pro e contro

La società odierna spesso non consente questo tipo di flessibilità, quindi dobbiamo adeguarci agli orari sonno/veglia di oggi. Si ritiene generalmente che un sonno ininterrotto di 7-9 ore sia probabilmente il migliore per sentirsi riposati. Tale programma potrebbe non essere adatto ai nostri ritmi circadiani, tuttavia, poiché desincronizzamo con il ciclo luce/buio esterno di 24 ore.

Per mantenere con successo un programma di sonno diviso, devi ottenere i tempi giusti, ovvero iniziare a dormire quando c’è un forte desiderio di dormire e durante un punto circadiano basso, per addormentarti rapidamente e mantenere il sonno.

Alcuni dei principali vantaggi di un programma di sonno diviso includono la flessibilità che consente con il lavoro e il tempo della famiglia (dove questa flessibilità è offerta). Alcuni individui nella società moderna hanno adottato questo tipo di programma in quanto fornisce due periodi di maggiore attività, creatività e prontezza durante il giorno, piuttosto che avere un lungo periodo di veglia in cui la sonnolenza si accumula durante il giorno e la produttività diminuisce.

A sostegno di ciò, vi sono prove crescenti che suggeriscono che i sonnellini possono avere importanti benefici per la memoria e l’apprendimento, aumentando la nostra vigilanza e migliorando gli stati d’animo. Alcuni credono che i disturbi del sonno, come l’insonnia per il mantenimento del sonno, siano radicati nella preferenza naturale del corpo per il sonno diviso. Pertanto, orari del sonno divisi possono essere un ritmo più naturale per alcune persone.

Implicazioni per il lavoro a turni

Gli orari del sonno divisi hanno recentemente iniziato a emergere come una potenziale alternativa al lavoro notturno continuo. Lavorare di notte ha i problemi combinati di veglia prolungata (spesso lavorando su turni da 8 a 12 ore) e disallineamento circadiano (lavorando in un momento della notte in cui normalmente dormiresti).

I lavoratori a turni spesso lamentano affaticamento e ridotta produttività sul lavoro e sono a maggior rischio di malattie croniche come obesità, diabete di tipo 2 e malattie cardiache.

Alcune industrie hanno impiegato orari con opportunità di sonno più brevi ma più frequenti, partendo dal presupposto che la spinta al sonno sarà minore con il tempo ridotto. Ad esempio, 6 ore di accensione/6 ore di riposo, 4 ore di accensione/8 ore di riposo e 8 ore di accensione/8 ore di riposo, limitando il tempo di turno e riducendo i lunghi periodi di veglia.

I programmi di sonno/lavoro suddivisi dividono la giornata in più cicli di lavoro/riposo in modo che i dipendenti lavorino su più turni brevi, suddivisi con brevi periodi di inattività ogni 24 ore.

Gli orari a turni intermedi che mantengono un tempo di sonno adeguato per 24 ore possono essere utili per il sonno, le prestazioni e la sicurezza. Numerosi studi recenti hanno scoperto che il sonno diviso offre vantaggi comparabili per le prestazioni a un sonno abbondante, se il tempo di sonno totale per 24 ore è stato mantenuto (a circa 7-8 ore di sonno totale per 24 ore).

Tuttavia, come ci si potrebbe aspettare, le prestazioni e la sicurezza possono comunque essere compromesse se l’ orario di sveglia e di inizio del lavoro è nelle prime ore del mattino . E non sappiamo se questi programmi offrano benefici per la salute e riducano il rischio di malattie croniche.

Anche se le sfide del lavoro notturno non possono essere eliminate, il vantaggio di alcuni programmi a turni divisi è che tutti i lavoratori hanno almeno qualche opportunità di dormire la notte e non devono mantenere la vigilanza per più di 6-8 ore.

Sebbene aspiriamo ad avere un sonno consolidato, questo potrebbe non essere adatto all’orologio biologico o all’orario di lavoro di tutti. Potrebbe, in effetti, essere un ritorno a un modello di sonno bi-modello dei nostri antenati preindustriali e potrebbe forse funzionare bene in un moderno ambiente industriale.

Una versione di questa storia è stata pubblicata per la prima volta nel giugno 2016.

Melinda Jackson , Senior Research Fellow presso la School of Health and Biomedical Sciences, RMIT University e Siobhan Banks , Senior Research Fellow, Center for Sleep Research, University of South Australia .

Questo articolo è stato originariamente pubblicato da  The Conversation . Leggi l’ articolo originale .

Categorie:Equilibrio

Con tag:,

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.