Tecno

Il chip inserito sotto la pelle può identificare meglio i pazienti a rischio di ictus ricorrente

chip, icon, micro

Photo by sinisamaric1 on Pixabay

#stroke #Medtronic I risultati della prova STROKE AF indicano che un chip inserito può migliorare il rilevamento della frequenza cardiaca irregolare

BOSTON – Per i pazienti che hanno avuto alcuni tipi comuni di ictus, un piccolo chip inserito sotto la pelle può aiutare i medici a prevedere la loro probabilità di avere un secondo ictus, e quindi la loro probabilità di beneficiare della terapia preventiva. I risultati provengono da un recente studio clinico pubblicato sul Journal of American Medical Association e guidato da ricercatori del Massachusetts General Hospital (MGH) e della Northwestern University Feinberg School of Medicine.

Pubblicità e progresso

Ogni anno, negli Stati Uniti si verificano circa 800.000 ictus e fino a un quarto si verifica in persone che hanno avuto un precedente ictus. Gli investigatori hanno cercato modi per identificare i pazienti che potrebbero avere un ictus ricorrente, poiché questi individui potrebbero essere candidati per l’assunzione di determinati farmaci come i fluidificanti del sangue. Un gruppo di pazienti che affronta un rischio elevato di ictus ricorrenti è quello con fibrillazione atriale, una frequenza cardiaca irregolare e spesso rapida, che spesso non viene rilevata e non trattata. (I battiti cardiaci irregolari possono consentire al sangue di accumularsi nel cuore, il che può causare la formazione di coaguli e il viaggio verso il cervello.)

Recenti ricerche hanno dimostrato che un piccolo chip inserito sotto la pelle può monitorare la frequenza cardiaca e il ritmo e aiutare i medici a rilevare la fibrillazione atriale in pazienti che in precedenza hanno avuto quello che viene chiamato un ictus criptogenetico, senza causa identificata nonostante i test approfonditi del paziente. Ora gli investigatori hanno testato il chip: meno di 1¾? lungo e 1/6? spesso e chiamato monitor cardiaco inseribile – in pazienti che hanno avuto un ictus causato dal restringimento di una grande arteria come l’arteria carotide, o dal blocco di una piccola arteria profonda nel cervello dove la fibrillazione atriale sarebbe inaspettata.

Nello studio Stroke of Known Cause and Underlying Atrial Fibrillation (STROKE AF), 492 pazienti sono stati randomizzati e hanno completato 12 mesi di follow-up dopo aver ricevuto un monitor cardiaco inseribile entro 10 giorni da un ictus iniziale o cure usuali consistenti in monitoraggio cardiaco esterno attraverso elettrocardiogrammi o altri metodi di tracciamento.?

Il chip ha rilevato la fibrillazione atriale nel 12,1% dei pazienti, rispetto all’1,8% rilevato attraverso le cure abituali. Il team ha notato che gli episodi di fibrillazione atriale non sono stati brevi, con la maggior parte della durata di almeno un’ora. La maggior parte degli esperti di ictus raccomanderebbe che i pazienti con questo grado di fibrillazione atriale inizino a prendere anticoagulanti per prevenire un ictus futuro.

“Abbiamo scoperto che una minoranza significativa di pazienti con ictus non ritenuto correlato alla fibrillazione atriale ha effettivamente la fibrillazione atriale, ma possiamo trovarla solo con un monitor impiantabile”, afferma l’autore principale Richard A. Bernstein, MD, PhD, professore di Neurologia presso la Northwestern University Feinberg School of Medicine.

Aggiunge l’autore senior Lee H. Schwamm, MD, C. Miller Fisher Chair of Vascular Neurology presso MGH: “Sulla base dei risultati dello studio, riteniamo che i pazienti con ictus simili a quelli dello studio STROKE AF dovrebbero ora essere sottoposti a lungo termine monitoraggio cardiaco con un monitor cardiaco inseribile per identificare la fibrillazione atriale insospettata”.

Schwamm osserva che per ogni otto pazienti monitorati, i medici potrebbero aspettarsi di trovare la fibrillazione atriale in uno di essi nel primo anno. “Questo potrebbe cambiare drasticamente le raccomandazioni sul trattamento da parte del loro medico”, dice.

I prossimi passi in questa ricerca includono l’identificazione dei fattori del paziente che predicono lo sviluppo della fibrillazione atriale e la durata e l’estensione dell’aritmia. Ulteriori studi sono in corso per comprendere ulteriormente l’associazione tra fibrillazione atriale silente e ictus ricorrente di tutti i tipi.

###

Schwamm è professore di neurologia alla Harvard Medical School e vice presidente di Virtual Care presso Mass General Brigham. I coautori sono Hooman Kamel, MD, di Weill Cornell Medicine a New York City; Christopher B. Granger, MD, e Jonathan P. Piccini, MD, del Duke University Medical Center; Pramod P. Sethi, MD, del Cone Health Stroke Center e Guilford Neurologic Research Associates a Greensboro, North Carolina; Jeffrey M. Katz, MD, del North Shore University Hospital di Manhasset, New York; e Carola Alfaro Vives, MS, Paul D. Ziegler, MS, e Noreli C. Franco, PhD, di Medtronic.

Questo studio è stato supportato da Medtronic.

Categorie:Tecno

Con tag:,