Terapie

Gli studi sul dasiglucagone mostrano la sicurezza per i bambini e gli adulti che soffrono di ipoglicemia grave

S

Un analogo del glucagone di nuova generazione ha fornito un trattamento rapido ed efficace dell’ipoglicemia grave per bambini e adulti con diabete di tipo 1, senza la necessità di ricostituire la polvere liofilizzata utilizzata nei tradizionali kit di salvataggio del glucagone.

“Il dasiglucagone ha fornito un’inversione rapida ed efficace dell’ipoglicemia negli adulti con diabete di tipo 1, con sicurezza e tollerabilità simili a quelle riportate per l’iniezione di glucagone ricostituito”, Ronnie Aronson MD, FRCPC, FACE, chief medical officer per LMC Diabetes and Endocrinology a Toronto, mi ha detto. “La formulazione acquosa pronta all’uso di dasiglucagon offre il potenziale per fornire un trattamento rapido e affidabile per l’ipoglicemia grave. Lo studio ha mostrato un’inversione dell’ipoglicemia – con un tempo medio di recupero di 10 minuti – con il 99% dei partecipanti allo studio che ha raggiunto il recupero entro 15 minuti. Sappiamo che i minuti contano in termini di trattamento dell’ipoglicemia grave e i risultati di questo studio sono molto promettenti”.

Pubblicità e progresso

Dasiglucagon (Zegalogue, Zealand Pharma), un analogo del glucagone umano, ha un profilo di stabilità unico in una soluzione acquosa pronta all’uso, secondo l’azienda. Come riportato in precedenza da Il Mio Diabete a marzo la FDA ha approvato il dasiglucagone come autoiniettore o siringa preriempita per il trattamento dell’ipoglicemia grave nelle persone con diabete di età pari o superiore a 6 anni. L’approvazione dell’iniezione di dasiglucagone 0,6 mg si basa sui risultati di tre studi con bambini e adulti con diabete, che hanno mostrato un tempo mediano per il recupero della glicemia da ipoglicemia grave di 10 minuti.

Dati di sicurezza

Aronson e colleghi hanno analizzato i dati di 170 adulti con diabete di tipo 1, ciascuno assegnato in modo casuale a una singola dose sottocutanea di 0,6 mg di dasiglucagone, placebo o 1 mg di glucagone ricostituito durante l’ipoglicemia controllata e indotta da insulina. L’endpoint primario era il tempo di recupero del glucosio plasmatico, definito come un aumento di 20 mg/dL rispetto al basale senza glucosio IV di salvataggio. Il confronto primario era dasiglucagon vs placebo; il glucagone liofilizzato ricostituito è stato incluso come riferimento.

Il tempo mediano di recupero è stato di 10 minuti per dasiglucagone rispetto a 40 minuti per il placebo ( P < .001); il risultato corrispondente per il glucagone ricostituito è stato di 12 minuti.

Nel gruppo dasiglucagone, il recupero del glucosio plasmatico è stato raggiunto entro 15 minuti in tutti i partecipanti tranne uno, superiore al placebo (99% vs 2%; P < .001) e simile al glucagone (95%). Risultati simili sono stati osservati per gli altri punti temporali esaminati a 10, 20 e 30 minuti dopo la somministrazione. I risultati sono stati pubblicati su Diabetes Care.

In un secondo studio pubblicato su Pediatric DiabetesTadej Battelin , MD, PhD, professore di pediatria e capo del dipartimento di endocrinologia pediatrica, diabete e metabolismo presso l’Ospedale pediatrico universitario di Lubiana in Slovenia, e colleghi hanno assegnato casualmente 42 bambini e adolescenti di 6 anni a 17 anni una singola iniezione sottocutanea di 0,6 mg di dasiglucagone, placebo o glucagone ricostituito, anche durante ipoglicemia indotta da insulina. L’endpoint primario era il tempo di recupero del glucosio plasmatico, definito come il primo glucosio plasmatico di almeno 20 mg/dL dopo l’inizio del trattamento senza glucosio di salvataggio IV. Il confronto primario era dasiglucagon vs placebo; il glucagone fungeva da riferimento.

Per quello studio, il tempo mediano per il recupero del glucosio dopo l’iniezione è stato di 10 minuti per dasiglucagone rispetto a 30 minuti per il placebo ( P < .001); il tempo mediano per il glucagone era di 10 minuti, che non includeva il tempo impiegato per ricostituire la polvere liofilizzata. Il recupero del glucosio è stato raggiunto tra tutti i partecipanti ai gruppi dasiglucagone e glucagone entro 20 minuti dalla somministrazione rispetto a due su 11 pazienti (18%) con placebo. Per entrambi gli studi, gli effetti avversi più frequenti sono stati nausea e vomito, complicazioni note del trattamento con glucagone.

Vantaggi della penna di salvataggio

“I prodotti di glucagone iniettabili esistenti richiedono la miscelazione di un prodotto a base di glucagone in polvere con diluente, l’elaborazione in una siringa e quindi l’iniezione”, mi ha ha detto Aronson. “Anche tra gli operatori sanitari formati, il processo ha avuto ostacoli documentati in termini di complessità, portando a ritardi amministrativi con un tempo medio di consegna di 2,5 minuti. Gli studi di simulazione hanno scoperto che anche fino all’88% delle volte, la dose non viene erogata completamente o per niente”.

Aronson ha affermato che una siringa o un dispositivo iniettore, preriempito con un prodotto a base di glucagone stabile come il dasiglucagone, ha il potenziale di rimuovere gli ostacoli legacy dei precedenti prodotti a base di glucagone.

“Le persone con diabete e i loro operatori sanitari avranno maggiori probabilità di riempire le loro prescrizioni e fornire una dose con maggiore sicurezza e precisione, in queste situazioni urgenti e stressanti”, ha affermato Aronson. “I potenziali benefici sono meno chiamate ai servizi medici di emergenza, meno ricoveri ospedalieri, con conseguente riduzione dei costi sanitari e miglioramento della qualità della vita per questi individui”.

Divulgazioni: la Zealand Pharma ha sponsorizzato entrambi gli studi ed è stata coinvolta nella progettazione dello studio, nell’analisi e nell’interpretazione dei dati. Gli autori non riportano informazioni finanziarie rilevanti. Aronson riferisce di aver ricevuto supporto per la ricerca da Becton Dickinson Technologies, Dexcom, Eli Lilly, Insulet, Novo Nordisk, Tandem Diabetes, Xeri e Zealand Pharma, e compensi per consulenti da Boehringer Ingelheim, Eli Lilly, Gilead, Novo Nordisk e Sanofi. Si prega di consultare gli studi per le informazioni finanziarie rilevanti di tutti gli altri autori.