Comunicazione

Capire l’emicrania

Giugno è il mese della consapevolezza dell’emicrania e del mal di testa, il che lo rende un buon momento per saperne di più sull’emicrania.

L’emicrania può causare un forte dolore lancinante o una sensazione pulsante, solitamente su un lato della testa, spesso accompagnata da nausea, vomito ed estrema sensibilità alla luce e al suono. Un’emicrania di solito dura da quattro a 72 ore, se non trattata. L’emicrania potrebbe verificarsi raramente o colpire più volte al mese e il dolore può essere così grave da interferire con le attività quotidiane.

Pubblicità e progresso

L’emicrania è tre volte più comune nelle donne che negli uomini e colpisce oltre il 10% delle persone in tutto il mondo, secondo il National Institute of Neurological Disorders and Stroke. Le emicranie possono iniziare a qualsiasi età, anche se spesso si manifestano per la prima volta durante l’adolescenza.

Per alcune persone, un sintomo premonitore noto come aura si verifica prima o con il mal di testa . Un’aura può includere disturbi visivi , come lampi di luce o punti ciechi, o altri disturbi, come formicolio su un lato del viso, o in un braccio o una gamba, e difficoltà a parlare. Un’aura di emicrania può verificarsi anche senza un mal di testa associato.

Il termine “emicrania oculare” è spesso usato in modo intercambiabile per riferirsi a due diverse condizioni: l’aura emicranica che comporta disturbi visivi, che di solito non è grave, e l’emicrania retinica, che potrebbe segnalare qualcosa di serio e richiede cure mediche immediate. Un’emicrania retinica è una condizione rara che si verifica in una persona che ha manifestato altri sintomi di emicrania. L’ emicrania retinica comporta ripetuti attacchi di visione ridotta e di breve durata o cecità. Questi attacchi possono precedere o accompagnare un mal di testa.

I fattori scatenanti dell’emicrania possono includere cambiamenti ormonali nelle donne; stress; cambiamenti del sonno; e alcuni alimenti, additivi alimentari e farmaci. Alcune persone che soffrono di emicrania sembrano essere più sensibili ai cambiamenti climatici, tra cui la luce solare intensa, il caldo o il freddo estremi, i cambiamenti della pressione barometrica e il tempo ventoso o tempestoso.

Potrebbe esserci un legame tra l’emicrania e l’intestino. La ricerca suggerisce che le persone con frequenti mal di testa possono avere maggiori probabilità di sviluppare disturbi gastrointestinali. E la ricerca ha dimostrato che le persone che manifestano regolarmente sintomi gastrointestinali, come reflusso, diarrea, stitichezza e nausea, hanno una maggiore prevalenza di mal di testa rispetto a coloro che non hanno sintomi gastrointestinali.

Vivere con l’emicrania può essere una sfida quotidiana. I farmaci sono un modo comprovato per trattare e prevenire l’emicrania, ma i farmaci sono solo una parte della storia. È anche importante prendersi cura di sé stessi, compresa la dieta, l’esercizio fisico e la gestione dello stress. Scopri di più su come combinare i farmaci con misure comportamentali e stile di vita può essere il modo più efficace per gestire l’emicrania.

Categorie:Comunicazione

Con tag: