Ricerca

Diabete tipo 2: un nuovo batterio, prodotto in Belgio

Tutto è iniziato quando Patrice Cani, ricercatore FNRS presso l’Università di Lovanio (UCLouvain), e il suo team hanno ripetutamente osservato che un batterio (chiamato Subdoligranulum) è quasi assente nelle persone obese e diabetiche, mentre è sistematicamente presente nelle persone sane. Quindi, hanno deciso di dare un’occhiata più da vicino a questa “famiglia” di batteri.

C’è ancora un solo ceppo coltivato di questa famiglia disponibile nel mondo (l’unico membro conosciuto di una grande famiglia) e, senza fortuna, non è il ceppo che è stato osservato essere diminuito nei malati. Questo non è insolito: quasi il 70% dei batteri nell’intestino non è stato ancora identificato (questa è chiamata la materia oscura dell’intestino).

Pubblicità e progresso

Nel 2015, il team ha quindi deciso di isolare il batterio stesso per conoscere la sua azione sul corpo umano, sapendo che è presente solo nelle persone sane. Per 2 anni, gli scienziati hanno cercato, isolato e coltivato quasi 600 batteri dall’intestino, nel tentativo di trovare un secondo membro della famiglia. Tutto invano. Invece, il team dell’UCLouvain ha scoperto un batterio di un nuovo tipo, ancora sconosciuto fino ad allora. Questo risultato è già di per sé straordinario: pochissimi scienziati hanno l’opportunità nella loro carriera di scoprire un nuovo genere di batteri e di dargli un nome. Il nome che hanno scelto? Dysosmobacter welbionis. Dysosmo (“che ha un cattivo odore”, in greco), bacter (batterio) è il batterio che puzza (!), “Perché, quando lo coltivi, ha un leggero odore”. Welbionis per WELBIO,

La particolarità di questo batterio? Per cominciare, produce butirrato. Nulla di eccezionale finora, molti altri batteri producono questa molecola che è nota per diminuire il rischio di cancro al colon, ad esempio rafforzando la barriera intestinale e potenziando le difese immunitarie. Ma il team ha anche osservato che Dysosmobacter welbionis era meno presente nelle persone con diabete di tipo 2.

I ricercatori dell’Università di Lovanio (UCLouvain) hanno scoperto un nuovo batterio nell’intestino umano, chiamato Dysosmobacter welbionis. Gli scienziati dell’UCLouvain hanno anche scoperto gli effetti positivi di questo batterio sul diabete di tipo 2, sull’obesità e sull’infiammazione.

Attraverso l’analisi di 12.000 campioni fecali (microbiota) provenienti da tutto il mondo (cioè un campione di popolazione molto rappresentativo), gli scienziati dell’UCLouvain hanno osservato che il batterio è presente nel 70% della popolazione (che è enorme). Una scoperta sorprendente. Con una tale presenza, come mai non è mai stata scoperta prima? Parte della risposta risiede probabilmente nelle migliori tecniche di coltivazione sviluppate dal team UCLouvain.

Il team dell’UCLouvain, che comprendeva Emilie Moens de Hase (studentessa di dottorato) e Tiphaine Le Roy (borsista post-dottorato), ha quindi testato l’azione del Dysosmobacter welbionis nei topi. I risultati? I batteri hanno aumentato il numero di mitocondri (una sorta di centrali elettriche all’interno delle cellule che bruciano i grassi), abbassando così i livelli di zucchero e il peso, oltre ad avere forti effetti antinfiammatori. Tutti questi effetti sono molto promettenti per i soggetti diabetici di tipo 2 e obesi e ricordano quelli di Akkermansia, un batterio benefico che è al centro della ricerca nel laboratorio di Patrice Cani.

Un’altra osservazione? Gli effetti dei batteri non si limitano all’intestino: gli scienziati hanno scoperto che alcune molecole prodotte da Dysosmobacter migrano intorno al corpo e hanno anche azioni a distanza. Questo è promettente e probabilmente spiega gli effetti dei batteri sui tessuti adiposi, ma apre anche le porte a un possibile impatto su altre malattie come l’infiammazione e il cancro. Questo è attualmente oggetto di indagine da parte del team.

Il prossimo passo? Testare l’azione di Dysosmobacter welbionis accoppiata a quella di Akkermansia, per vedere se la loro associazione permette di cumulare i loro effetti sulla salute, tenendo sempre presente la lotta al diabete di tipo 2, alle malattie infiammatorie, all’obesità e al cancro. “Questo è il divertimento della ricerca: scavi alla ricerca di ossa di dinosauro e finisci per trovare un tesoro”, afferma con entusiasmo Patrice Cani.

L’originalità di queste scoperte? Identificare un nuovo batterio e dargli un nome che sarà poi utilizzato in tutto il mondo: il numero di volte che questo è stato raggiunto in Belgio si conta sulle dita di entrambe le mani. Ma non è tutto, lo stesso team di ricerca ha anche individuato gli effetti di questo batterio sull’organismo e il suo potenziale interesse nella lotta contro alcune malattie. Si tratta di un ulteriore passo, estremamente raro, che pochissimi scienziati hanno compiuto in Belgio. In effetti, questo è il primo, guidato da un team di UCLouvain, e pubblicato sulla prestigiosa rivista scientifica Gut !