Batticuore

La dieta a base vegetale protegge da ipertensione, preeclampsia

(da sinistra) Dott. John Henry Dasinger, Justine M. Abais-Battad e David L. Mattson.
CREDITO: Michael Holahan, Università Augusta

Una dieta a base vegetale sembra offrire una protezione significativa ai ratti allevati per diventare ipertesi con una dieta ricca di sale, riferiscono gli scienziati. Quando i ratti rimangono incinti, la dieta a base di cereali integrali protegge anche le madri e la loro prole dalla preeclampsia mortale.

Sebbene tutti abbiamo sentito dire di evitare la saliera, si stima che il 30-50% di noi abbia un aumento significativo della pressione sanguigna in risposta a un’assunzione elevata di sale, percentuali che sono ancora più alte e di impatto nei neri.

Pubblicità e progresso

I due nuovi studi forniscono ulteriori prove che il microbiota intestinale, che contiene trilioni di microrganismi che ci aiutano a digerire il cibo e svolge un ruolo chiave nella regolazione della risposta del nostro sistema immunitario, è anche un attore nella risposta malsana al sale, i ricercatori del Il Medical College of Georgia e il Medical College of Wisconsin riportano nelle riviste ACTA PHYSIOLOGICA e Pregnancy Hypertension: An International Journal of Women’s Cardiovascular Health .

I risultati forniscono ulteriori prove del “potere potenziale” dell’intervento nutrizionale per migliorare il microbiota intestinale e, di conseguenza, la nostra salute a lungo termine, afferma il dott. David L. Mattson, presidente del Dipartimento di Fisiologia MCG, Georgia Research Alliance Eminent Scholar in Ipertensione e autore senior dei due studi.

Derivano dall’osservazione inaspettata che la protezione funziona anche in un modello consolidato di ipertensione sensibile al sale: il ratto sensibile al sale di Dahl.

Come indica il loro nome, questi roditori sono allevati per sviluppare ipertensione e malattia renale progressiva con una dieta ricca di sale. Nel 2001, il Medical College of Wisconsin ha condiviso la sua colonia di ratti Dahl SS, alimentati con una dieta proteica a base di latte, con i Charles Rivers Laboratories. Una volta che i topi sono arrivati ??come Charles River Laboratories, con sede a Wilmington, nel Massachusetts, sono stati passati a una dieta a base di cereali. Entrambe le diete sono relativamente povere di sodio, anche se la dieta a base di proteine, o caseina, ha in realtà un po’ meno sale.

È stato presto notato che quando un alto contenuto di sale è stato aggiunto alla loro dieta, i roditori trasferiti hanno sviluppato una pressione sanguigna significativamente inferiore e un danno renale correlato rispetto alle colonie di ratti rimaste nel Wisconsin.

“La gente li ha ordinati e usati con l’idea che avrebbero studiato l’ipertensione e non ne hanno sviluppato quasi nessuno”, dice Mattson. Più di un decennio di ricerche hanno documentato queste differenze, scrivono Mattson e i suoi colleghi di MCG e MCW, e ora hanno dimostrato loro che lo sviluppo di ipertensione sensibile al sale non è solo una questione di consumo di sodio.

“La proteina animale ha amplificato gli effetti del sale”, afferma Mattson, un ricercatore di lunga data sull’ipertensione, che insieme alla dott.ssa Justine M. Abais-Battad, fisiologo e postdoc dott. John Henry Dasinger, è venuto a MCG dal Wisconsin due estati fa .

“Dal momento che il microbiota intestinale è stato implicato in malattie croniche come l’ipertensione, abbiamo ipotizzato che le alterazioni dietetiche spostano il microbiota per mediare lo sviluppo dell’ipertensione sensibile al sale e delle malattie renali”, scrivono sulla rivista ACTA PHYSIOLOGICA .

Il microbioma intestinale è progettato per metabolizzare ciò che mangiamo, scomporlo e metterlo in una forma che ci dia nutrimento, dice il primo autore Abais-Battad, e riflette reciprocamente ciò che mangiamo.

Quando hanno guardato i microbiomi nei ratti: “Abbastanza sicuro, erano diversi”, dice.

Hanno sequenziato il materiale genetico di entrambe le colonie di ratti e hanno scoperto che erano “praticamente identiche”, ma la loro risposta a una dieta ricca di sale era tutt’altro, dice Mattson.

Come avevano previsto in questo frangente, i ratti del Wisconsin hanno sviluppato danni renali e infiammazioni – entrambi indicatori di ipertensione arteriosa – ma con la stessa dieta ricca di sale, i ratti del fiume Charles hanno sperimentato significativamente meno di questi risultati malsani. Le distinte differenze che hanno visto nel loro microbiota, riflettevano la differenza nell’incidenza e nella gravità della malattia.

Quando hanno somministrato ai ratti protetti parte del caratteristico microbiota intestinale dei ratti del Wisconsin, tramite trapianto fecale, i ratti hanno sperimentato aumenti della pressione sanguigna, danni ai reni e del numero di cellule immunitarie che si spostano nei reni, organi che svolgono un ruolo enorme nella regolazione della pressione sanguigna regolando l’equilibrio dei liquidi, in parte determinando la quantità di sodio trattenuta. Ha anche cambiato la composizione del loro microbiota.

Ma quando hanno condiviso il microbiota dei ratti protetti con i ratti del Wisconsin, non ha avuto molto impatto, potenzialmente perché i nuovi microrganismi non potevano prosperare di fronte alla dieta proteica a base animale, dicono gli scienziati.

La preeclampsia è un problema potenzialmente letale durante la gravidanza in cui la pressione sanguigna della madre, che in genere era normale prima, aumenta e organi come i reni e il fegato mostrano segni di danno. Ci sono prove che anche con una dieta povera di sale, i ratti sensibili al sale di Dahl sono inclini a sviluppare la preeclampsia.

Per esaminare l’impatto della dieta in questo scenario, i ratti Dahl SS sono stati tenuti con la loro rispettiva dieta proteica a base vegetale o animale, che di nuovo sono ciascuno relativamente a basso contenuto di sale, ed entrambi i gruppi hanno avuto tre gravidanze e parti separati.

I ratti del mangime a base di grano intero erano protetti dalla preeclampsia mentre circa la metà dei ratti della dieta a base di caseina animale ha sviluppato questa significativa complicazione della gravidanza, afferma Dasinger, primo autore dello studio sulla preeclampsia. Hanno sperimentato un aumento significativo della proteina versata nelle loro urine, un indicatore di problemi ai reni, che peggiorava con ogni gravidanza; aumento dell’infiammazione, causa dell’ipertensione; aumento della pressione all’interno dell’arteria renale; e ha mostrato segni significativi di distruzione renale quando gli organi sono stati studiati al follow-up. Sono morti per problemi come ictus, malattie renali e altri problemi cardiovascolari.

“Ciò significa che se la mamma sta attenta a ciò che mangia durante la gravidanza, aiuterà durante la gravidanza, ma anche con la sua salute a lungo termine e potrebbe fornire effetti protettivi per i suoi figli”, afferma Dasinger. Gli scienziati notano che questo rafforza il messaggio che medici e scienziati hanno inviato alle future mamme per decenni.

Hanno in programma di esaminare più direttamente l’impatto della dieta sulla prole e se la protezione viene trasmessa ai bambini attraverso il latte materno, afferma Dasinger. Poiché sanno che la funzione delle cellule immunitarie è influenzata dalla dieta, vogliono anche esaminare ulteriormente la funzione delle cellule immunitarie che si manifestano e hanno già alcune prove che le cellule T, driver della risposta immunitaria, sono un fattore nella sviluppo della preeclampsia.

Il lavoro che Abais-Battad, Dasinger e Mattson hanno già svolto mostra che una differenza chiave tra le diverse diete prodotte è che la dieta a base di proteine ??produce più molecole proinfiammatorie, mentre la dieta a base vegetale sembra effettivamente sopprimere questi fattori.

Stanno anche esplorando ulteriormente l’impatto della dieta sul sistema renina-angiotensina, che aiuta a regolare la pressione sanguigna. Vogliono anche analizzare meglio i batteri che aumentano la pressione sanguigna e i fattori che producono.

L’ipertensione è il più grande fattore di rischio modificabile per lo sviluppo di malattie cardiovascolari e, secondo le più recenti linee guida di gruppi come l’American Heart Association, che affermano che una sistolica o il numero massimo di 120+ è elevato e il numero massimo di 130-139 è l’ipertensione al primo stadio, quasi la metà di noi è ipertesa. La dieta, inclusa una dieta ricca di sale, è uno dei principali fattori di rischio modificabili per l’ipertensione e le malattie cardiovascolari, affermano gli scienziati. È stato scoperto che gli esseri umani e gli animali ipertesi hanno un microbiota intestinale sbilanciato e meno diversificato rispetto a quelli con pressione sanguigna normale.

###

La ricerca è stata supportata dal National Heart, Lung and Blood Institute, dall’American Heart Association e dalla Georgia Research Alliance.

Leggi gli studi qui e qui .