Reni

Lo studio evidenzia alti tassi di malattie renali tra gli adulti con diabete

Dr. Tomás Griffin, consulente endocrinologo specializzato nella cura del diabete presso gli ospedali universitari di Galway, docente senior onorario presso NUI Galway e ricercatore capo dello studio, insieme all’infermiera della sperimentazione clinica Michelle Hennessy con il paziente Brian Curran all’UHG. Credito Aengus McMahon.

Una ricerca della National University of Ireland Galway rileva che quasi la metà dei pazienti diabetici che frequentano una clinica dedicata ha segni di danni ai reni

Circa il 42% dei pazienti che frequentano una clinica dedicata al diabete presenta segni di malattia renale cronica accertata, ha rivelato la prima ricerca dettagliata del suo genere in Irlanda.

Pubblicità e progresso

Lo studio è stato condotto da accademici della NUI Galway e medici dell’University Hospital Galway Diabetes Center e ha coinvolto più di 4.500 pazienti nell’Irlanda occidentale.

I risultati suggeriscono che, nonostante un’attenta gestione medica, una percentuale relativamente alta di persone con diabete in Irlanda sta sviluppando una malattia renale cronica nel tempo ed è a rischio di insufficienza renale e altre complicanze della scarsa funzionalità renale.

Il diabete è ora la prima causa di malattia renale cronica e insufficienza renale in tutto il mondo.

Almeno una persona su 15 in Irlanda ha il diabete, tre quarti dei quali sono adulti con diabete di tipo 2.

Il professor Matthew Griffin, consulente nefrologo presso gli ospedali universitari di Galway e ricercatore presso il College of Medicine, Nursing and Health Sciences di NUI Galway, ha dichiarato: “Quando compaiono prove di malattia renale cronica dovuta al diabete, di solito indica un danno ai reni che non può essere invertito e potrebbe peggiorare nel tempo”.

La ricerca, pubblicata sulla rivista BMJ Open Diabetes Research and Care , è la prima analisi completa del carico complessivo della malattia renale cronica tra le persone con diabete in Irlanda.

Ha rilevato che:

  • Il 42% dei pazienti presso la clinica aveva evidenza di funzionalità renale anormale, sulla base dei risultati degli esami del sangue e delle urine comunemente eseguiti.
  • Il tasso di malattia renale cronica tra i pazienti diabetici è più frequente di quanto precedentemente riconosciuto.
  • La frequenza della malattia renale cronica era più alta – quasi il 50% – in quelli con diabete di tipo 2.
  • La funzione renale di oltre un quarto di tutti i pazienti e quasi un terzo di quelli con diabete di tipo 2 stava diminuendo a un ritmo più rapido del previsto.

Il team di ricerca ha affermato che i risultati della prevalenza e del tasso di malattia renale cronica sono particolarmente preoccupanti perché il numero di persone affette da diabete di tipo 2 è in costante aumento in tutto il mondo. Nei prossimi 20 anni si prevede di raggiungere quasi 700 milioni di persone.

Il dottor Tomás Griffin, consulente endocrinologo specializzato nella cura del diabete presso gli ospedali universitari di Galway, docente senior onorario al NUI Galway e ricercatore capo dello studio, ha dichiarato: “I risultati ci dicono che gli adulti che vivono con il diabete in Irlanda hanno tassi di malattia renale cronica e rapida declino della funzione renale paragonabile o superiore a quello delle popolazioni che sono state studiate nel Regno Unito, in altri paesi europei, negli Stati Uniti e in Asia.

“Lo studio fornisce informazioni importanti per le persone con diabete perché stanno emergendo nuovi trattamenti e interventi che possono offrire una migliore protezione della funzione renale nel tempo quando introdotti nelle prime fasi della malattia renale cronica”.

Il professor Griffin ha aggiunto: “È preoccupante che molte persone con diabete non siano a conoscenza delle prime prove di malattia renale diabetica che possono essere identificate nei loro esami del sangue e delle urine. Questa ricerca fa luce sulla necessità di una maggiore consapevolezza di questi test durante le prime fasi. della gestione del diabete e una cura più collaborativa da parte di specialisti del diabete e dei reni”.

Il professor Francis Finucane, coautore dello studio e consulente endocrinologo specializzato nella gestione dell’obesità e del diabete presso gli ospedali universitari di Galway, ha dichiarato: “Più possiamo fare per prevenire il diabete di tipo 2 e i fattori che contribuiscono ad esso incoraggiando una dieta più sana. e le abitudini di attività fisica, maggiori sono le nostre possibilità di ridurre il carico della malattia renale”.


Lo studio è stato condotto mediante un’analisi retrospettiva di 4.606 pazienti adulti che hanno frequentato il Diabetes Center da giugno 2012 a dicembre 2016.

Mirava a definire la frequenza della malattia renale cronica in questa coorte. Lo studio ha anche monitorato i modelli della funzione renale dei pazienti ambulatoriali per una media di cinque anni e mezzo. Le caratteristiche di base del paziente, le informazioni relative al diabete, le condizioni mediche e i trattamenti associati e una serie di risultati di diversi test di laboratorio sono stati estratti dalle cartelle cliniche elettroniche al momento della visita ambulatoriale più recente (indice) dei pazienti durante il periodo di studio.

Lo studio non ha incluso bambini con diabete o donne che hanno sviluppato il diabete durante la gravidanza.

Il documento di ricerca è pubblicato su BMJ Open Diabetes Research and Care

Categorie:Reni

Con tag:,