Mangiare e bere

Non è mai troppo presto per iniziare abitudini alimentari sane

cherries, fruit, food Photo by OpenClipart-Vectors on Pixabay

Il nuovo studio randomizzato mostra la promozione di risultati di linee guida salutari

 I ricercatori della Columbia University Mailman School of Public Health e dell’Universidade Federal de Ciências da Saúde de Porto Alegre, in Brasile, hanno scoperto che quando gli operatori sanitari sono stati formati per promuovere pratiche di alimentazione salutare per i bambini alle donne in gravidanza, i loro bambini hanno consumato meno grassi e carboidrati all’età di 3 anni e aveva misure di grasso corporeo inferiori all’età di 6. Lo studio è il primo a dimostrare che le radici dell’obesità iniziano nel primo anno di vita, dopo che le madri smettono di allattare. I risultati sono pubblicati online sul Journal of Human Nutrition and Dietetics .

Pubblicità e progresso

“Il primo anno dopo la nascita è una finestra fondamentale per la creazione di abitudini che influenzeranno i modelli di salute per tutta la vita, ha affermato Caroline N. Sangalli, nel corso di laurea in scienze della salute, Universidade Federal de Ciências da Saúde de Porto Alegre, Brasile, e primo autore. “Il messaggio in tutto il mondo è che per evitare l’obesità più avanti nella vita non si può iniziare troppo presto ad aiutare le madri a nutrire bene i propri figli. E questo studio è una prova di principio che è possibile cambiare il comportamento di una madre”.

“La cosa più sorprendente è stata che le madri nel nostro studio randomizzato hanno offerto alimenti ultra-elaborati, ad alto contenuto di zuccheri e grassi, già a partire dai 6 mesi di età”, ha affermato Ma?rcia Vitolo, Graduate Program in Pediatrics: Child and Adolescent Health Care , Universidade Federal de Ciências da Saúde de Porto Alegre, Brasile, e co-autore senior. “Questo comportamento può essere spiegato dalle influenze culturali e dal forte marketing degli alimenti per l’infanzia trasformati che continua a livello globale”.

I ricercatori hanno condotto lo studio randomizzato a Porto Alegre, in Brasile, in 31 centri che forniscono servizi di assistenza prenatale, infantile e di altro tipo a famiglie a basso reddito. L’intervento si è basato sulle nascite dal maggio 2008 al febbraio 2009 e consisteva in un programma di formazione per aumentare la conoscenza degli operatori sanitari di base incentrato sui “ Dieci passi per un’alimentazione sana per i bambini brasiliani dalla nascita ai due anni di età ”, la dieta brasiliana orientamento.

Tutte le famiglie sono state informate sugli alimenti complementari che non dovrebbero essere offerti ai bambini di età inferiore ai 2 anni (es. biscotti, snack, bibite e dolciumi) tramite poster nelle sale d’attesa. Intervistatori formati hanno misurato la crescita dei bambini e altri risultati all’età di 6 mesi, 12 mesi, 3 anni e 6 anni alle successive visite domiciliari. Sono stati inoltre registrati dettagli su tipi di alimenti, quantità e metodi di preparazione.

L’assunzione di energia a tutte le età era inferiore nel gruppo di intervento rispetto al gruppo di controllo con una differenza statisticamente significativa all’età di 3 anni. Inoltre, i bambini del gruppo di intervento a 3 anni avevano un consumo inferiore di carboidrati e grassi totali rispetto al gruppo di controllo e a 6 anni avevano accumulato meno grasso corporeo misurato da una circonferenza della vita più piccola e pieghe cutanee più sottili. “Abbiamo scoperto che l’assunzione di energia in entrambi i gruppi di studio era al di sopra del fabbisogno in tutte le fasce di età; tuttavia, l’assunzione di energia in eccesso era inferiore nel gruppo di intervento”, ha osservato Sangalli, che ha analizzato i risultati dello studio con il Dr. LH Lumey alla Columbia Mailman School of Public Health con una borsa di studio del governo brasiliano. “Sebbene la disparità fosse lieve all’inizio, a lungo termine,

I risultati sono stati particolarmente sorprendenti per quanto riguarda le calorie dei biscotti e del cioccolato in polvere, importanti fonti di carboidrati e grassi. Durante la formazione degli operatori sanitari, lo zucchero, i dolci, le bibite, gli snack salati, i biscotti e gli alimenti ultralavorati sono stati enfatizzati come alimenti da evitare per i loro bambini fino ai 2 anni di età.

Il gruppo di intervento a 6 anni di età aveva un grasso corporeo inferiore su diverse misurazioni, ma questa differenza non si rifletteva nei punteggi BMI, una misura meno sensibile dell’adiposità. “Tuttavia, con la prevalenza del sovrappeso nel gruppo di intervento al 7% inferiore rispetto al gruppo di controllo a 6 anni, questo suggerisce un prezioso impatto sulla salute pubblica, soprattutto perché le stime indicano che la riduzione dell’1% della prevalenza dell’obesità tra i bambini fino all’età 6 anni farebbero risparmiare $ 1,7 miliardi in spese mediche”, ha affermato Vitolo.

“Molte persone tra cui Alice Waters, Jamie Oliver e Michelle Obama hanno dedicato sforzi per migliorare i pasti scolastici e le abitudini alimentari dei bambini in età scolare per aiutare nella lotta contro l’obesità”, ha affermato il dott. Lumey, professore di epidemiologia e co-autore senior . “Tutti questi sforzi devono essere applauditi e incoraggiati. Ciò che questo studio suggerisce è che potremmo dover pensare anche prima. Le pratiche di alimentazione all’inizio della vita possono già avere un impatto significativo sulle dimensioni corporee dei bambini in età prescolare”.

###

I coautori sono Paula Leffa e Ju?lia Valmo?rbida, Universidade Federal de Ciências da Saúde de Porto Alegre, Brasile.