Telemedicina

Diabete: un manifesto per l’agenda dell’UE sulla salute digitale

Da International Diabetes Federation Europe

La digitalizzazione sta trasformando la cura del diabete, più e più velocemente di qualsiasi altra area terapeutica. Il diabete mette in mostra le promesse della salute digitale per le malattie croniche e dispiega tutto il potenziale dei dati. Le soluzioni basate sull’intelligenza artificiale (AI) stanno ora aprendo la strada alla cura personalizzata del diabete e alla medicina di precisione. 

Pubblicità e progresso

A cento anni dalla scoperta dell’insulina, c’è ancora molto da fare per migliorare la vita dei 32 milioni di persone che convivono con il diabete (PwD) nell’Unione Europea. Se l’accesso all’insulina rimane un problema in molti paesi a basso reddito (LIC), nella maggior parte dell’Europa, la sfida oggi per la PwD è più quella di raggiungere livelli ottimali di glucosio nel sangue, prevenire il diabete di tipo 2 (T2D) e prevenire/ritardare il diabete. complicanze correlate che incidono pesantemente sulla qualità della vita. Il diabete pone anche un notevole onere economico sui bilanci sanitari, stimato a circa il 9% della spesa sanitaria dell’UE nel 2019.  

Come la digitalizzazione sta trasformando tutti gli aspetti della cura del diabete

Le terapie digitali per il diabete, inclusi dispositivi connessi, applicazioni digitali e algoritmi, stanno trasformando rapidamente tutti gli aspetti della cura del diabete.  

I dispositivi connessi come i monitor glicemici continui (CGM), i dispositivi per la somministrazione automatica di insulina (AID) (chiamati anche sistemi di pancreas artificiale) e le penne intelligenti hanno dimostrato di migliorare gli esiti clinici come l’abbassamento dell’HbA1c (che determina i livelli medi di zucchero nel sangue in un periodo di tre mesi) e un miglioramento del tempo nell’intervallo (la quantità di tempo che la PwD trascorre con i propri livelli di glucosio nel sangue in un intervallo target raccomandato). Tendono anche a ridurre l’onere psicologico della gestione di questa condizione permanente che richiede una gestione 24 ore su 24, 7 giorni su 7.

Le applicazioni digitali e le tecnologie sanitarie connesse offrono molte opportunità per le persone con disabilità e per i loro operatori sanitari (HCP). Hanno il potenziale, ad esempio, di supportare la PwD per monitorare la loro attività fisica, pianificare i pasti e le dosi di insulina e registrare i dati sul glucosio. Sia le persone che vivono con il diabete che i loro operatori sanitari possono interagire con i dati, in tempo reale e retrospettivamente. I dati possono essere visualizzati graficamente e aiutano a trovare modelli nelle letture glicemiche e generare approfondimenti per identificare le aree di miglioramento e migliorare l’autogestione.

L’intelligenza artificiale è un punto di svolta

Il vero punto di svolta, che sblocca il valore dei recenti progressi tecnologici, è l’IA. L’intelligenza artificiale è sempre più utilizzata per supportare la prevenzione del diabete di tipo 2 e delle complicanze legate al diabete attraverso modelli predittivi di stratificazione del rischio di popolazione. È anche ampiamente utilizzato per scopi diagnostici, ad esempio per lo screening della retinopatia, ed è fondamentale per migliorare l’autogestione, personalizzare il trattamento e far progredire la medicina di precisione.

Per mantenere le promesse digitali, le politiche sanitarie devono coinvolgere le persone con diabete a tutti i livelli, migliorare l’alfabetizzazione sanitaria e le competenze digitali e promuovere un accesso equo alle tecnologie per il diabete. Per sfruttare la potenza dei dati, sono necessari l’interoperabilità, gli standard digitali e una serie comune di indicatori per superare la frammentazione degli approcci nazionali. Devono essere messi in atto quadri normativi per l’uso, il riutilizzo e lo scambio di dati sanitari tra gli Stati membri, comprese regole relative all’accesso e al controllo delle persone affette da PwD ai loro dati. Un forte coinvolgimento delle PwD nell’affrontare questioni etiche garantirà che eventuali lacune nella fiducia saranno colmate. 

Categorie:Telemedicina

Con tag:,,