Complicanze varie/eventuali

Tassi di riamputazione elevati nei pazienti con diabete

Quasi quattro su 10 pazienti con diabete che hanno subito amputazioni iniziali secondarie al diabete avranno una riamputazione entro cinque anni, secondo una recensione pubblicata online il 10 giugno su BMJ Open Diabetes Research & Care .

Rongqi Liu, di Podimetrics Inc. a Somerville, Massachusetts, e colleghi hanno condotto una revisione sistematica della letteratura per valutare le tendenze nei tassi di riamputazione nelle persone con diabete . La meta-analisi comprendeva 22 studi.

Pubblicità e progresso

I ricercatori hanno scoperto che a un anno, il tasso di riamputazione per tutte le riamputazioni controlaterali e ipsilaterali era del 19%, che è cresciuto fino al 37,1% a cinque anni. Per la riamputazione controlaterale, il tasso era del 20,5% a cinque anni. I ricercatori non hanno osservato alcuna evidenza di cambiamento nei tassi di riamputazione in più di due decenni di letteratura analizzata.

“Questi allarmanti tassi di riamputazione non hanno fatto progressi in due decenni, anche se soluzioni sanitarie innovative hanno dominato il mercato”, ha affermato in una nota il coautore dello studio Gary Rothenberg, MD, della University of Michigan Medical School di Ann Arbor. “Per ridurre questi tassi e alla fine eliminare le amputazioni, dobbiamo essere più concentrati sulla cura preventiva”.

Diversi autori hanno rivelato legami finanziari con Podimetrics.