Ricerca

Scoperto i dettagli dietro la risposta del corpo allo stress

Una nuova ricerca rivela come le proteine ??chiave interagiscono per regolare la risposta del corpo allo stress
CREDITO: Ospedale McLean

I risultati porteranno a nuovi trattamenti per il disturbo da stress post-traumatico e altre condizioni

Punti salienti dello studio

Pubblicità e progresso
  • Una nuova ricerca rivela come le proteine ??chiave interagiscono per regolare la risposta del corpo allo stress
  • Prendere di mira queste proteine ??può aiutare a trattare o prevenire i disturbi psichiatrici legati allo stress

I meccanismi biologici alla base delle condizioni psichiatriche legate allo stress, tra cui il disturbo depressivo maggiore e il disturbo da stress post-traumatico (PTSD), sono poco conosciuti.

Una nuova ricerca ora dettaglia l’interazione tra le proteine ??coinvolte nel controllo della risposta allo stress del corpo e indica potenziali bersagli terapeutici quando questa risposta va storta. Lo studio, condotto da un team internazionale guidato da ricercatori del McLean Hospital, è apparso sulla rivista Cell Reports.

“Una risposta allo stress disregolata del corpo può essere dannosa per il cervello e promuovere la suscettibilità ai disturbi dell’umore e dell’ansia”, ha affermato l’autore principale Jakob Hartmann, PhD . Hartmann è un assistente neuroscienziato nel Neurobiology of Fear Laboratory presso McLean e un istruttore in psichiatria presso la Harvard Medical School.

“Una regione chiave del cervello coinvolta nella regolazione della risposta allo stress è l’ippocampo”, ha detto Hartmann. “L’idea per questo studio ci è venuta quando abbiamo notato interessanti distinzioni nella localizzazione ippocampale di tre importanti proteine ????regolatrici dello stress”.

Gli esperimenti dei ricercatori nel tessuto non umano e nel tessuto cerebrale post mortem hanno rivelato come queste proteine, il recettore dei glucocorticoidi (GR), il recettore dei mineralcorticoidi (MR) e la proteina 51 che si lega all’FK506 (FKBP5), interagiscono tra loro.

Nello specifico, i MR, piuttosto che i GR, controllano la produzione di FKBP5 in condizioni normali. FKBP5 riduce la sensibilità dei GR al legame degli ormoni dello stress durante le situazioni stressanti. FKBP5 sembra mettere a punto la risposta allo stress agendo come mediatore dell’equilibrio MR:GR nell’ippocampo.

“I nostri risultati suggeriscono che il targeting terapeutico di GR, MR e FKBP5 può essere complementare nella manipolazione della regolazione centrale e periferica dello stress”, ha affermato l’autore senior Kerry J. Ressler, MD, PhD . Ressler è il responsabile scientifico del McLean Hospital , capo della Divisione di depressione e disturbi d’ansia di McLean e professore di psichiatria alla Harvard Medical School.

“Inoltre, i nostri dati sottolineano ulteriormente il ruolo importante ma in gran parte non apprezzato della segnalazione MR nei disturbi psichiatrici legati allo stress”, ha aggiunto Ressler. “I risultati di questo studio apriranno nuove direzioni per la ricerca futura”.

Categorie:Ricerca

Con tag: