Complicanze varie/eventuali

Recupero della chetoacidosi diabetica nei giovani con diabete di tipo 1 di nuova diagnosi e accertato

L’obiettivo di questo studio, condotto dal Dipartimento di Pediatria Schneider di Israele, Petach Tikva, era descrivere le differenze nei parametri metabolici e nel tempo di recupero dalla chetoacidosi del diabete (DKA), tra bambini e adolescenti con diabete di nuova diagnosi rispetto al diabete di tipo 1 accertato (T1DM).

Questo è stato uno studio retrospettivo monocentrico. La coorte era composta da 356 bambini e adolescenti con diabete di tipo 1 che hanno avuto DKA nel periodo 2008-2018. I dati sono stati ottenuti dalle cartelle cliniche dei pazienti. Il recupero della DKA è stato definito come la risoluzione dell’acidosi (pH >7,3 e bicarbonato >15 meq/L).

Pubblicità e progresso

Risultati: Il tempo medio di recupero dalla DKA era significativamente più lungo nei pazienti con diabete di nuova diagnosi rispetto a quelli con diabete accertato (13± contro 8,5± h) (p <0,001). Questa differenza è stata mantenuta in un’analisi in base alla gravità della DKA: lieve, moderata e grave. Il pH alla presentazione non differiva tra i gruppi, ma il bicarbonato alla presentazione era significativamente più basso nei pazienti con diabete di nuova diagnosi rispetto a quelli con diabete accertato, 9,9± contro 12± mmol/L (p <0,001). I livelli di potassio e fosforo erano più bassi e i livelli di sodio e cloruro erano più alti nei pazienti con diabete di nuova diagnosi rispetto a quelli con diabete accertato (p <0,001).

In sintesi: la DKA è associata a un tempo di recupero più breve nei pazienti con diabete accertato rispetto al diabete di nuova diagnosi. Ciò può avere implicazioni sul trattamento delle persone con diabete accertato.

Impatto: la DKA è associata a un tempo di recupero più breve nei pazienti con diabete accertato rispetto al diabete di nuova diagnosi. In qualsiasi gravità di DKA è stato osservato un tempo di recupero più breve in un paziente con diabete accertato rispetto al diabete di nuova diagnosi. Il tempo di recupero dalla DKA non differiva significativamente tra i pazienti trattati con un microinfusore di insulina e quelli trattati con più iniezioni giornaliere. I fattori scatenanti della DKA tra i pazienti con diabete accertato erano la scarsa compliance al trattamento, l’infezione, la disfunzione della pompa e la disidratazione.

Pubblicato si Pediatric Research il 19 giugno 2021.:

Riferimenti

    1. Morgan, E. et al. Mortalità nel diabete di tipo 1 diagnosticato nell’infanzia in Irlanda del Nord durante il 1989-2012: uno studio di coorte basato sulla popolazione. Pediatra Diabete 19, 166-170 (2018). – DOI
    1. Vicinanza, A., Messaaoui, A., Tenoutasse, S. & Dorchy, H. Chetoacidosi diabetica nei bambini con nuova diagnosi di diabete mellito di tipo 1: ruolo delle caratteristiche demografiche, cliniche e biochimiche insieme ai marcatori genetici e immunologici come fattori di rischio. Un’esperienza di 20 anni in un centro terziario belga. Pediatra Diabete 20, pedi.12864 (2019). – DOI
    1. Cengiz, E. et al. Ipoglicemia grave e chetoacidosi diabetica tra i giovani con diabete di tipo 1 nel registro della clinica di scambio T1D. Pediatra Diabete 14, 447-454 (2013). – DOI
    1. Wolfsdorf, JI et al. Chetoacidosi diabetica e stato iperosmolare iperglicemico: una dichiarazione di consenso della International Society for Pediatric and Adolescent Diabetes. Pediatra Diabete https://doi.org/10.1111/pedi.12701 (2018).
    1. Rewers, A. et al. Predittori di complicanze acute nei bambini con diabete di tipo 1. JAMA 287, 2511 (2002). – DOI