Benessere

L’ormone giusto: la secretina induce sazietà attivando il grasso bruno

Immagini fMRI, che mostrano una ridotta attività dei circuiti di ricompensa durante un compito di indicazione del cibo dopo l’infusione di secretina.
CREDITO
Sanna Laurila, Lihua Sun, Minna Lahesmaa et al.

I ricercatori del Centro PET di Turku e dell’Università tecnica di Monaco hanno scoperto un nuovo meccanismo che controlla la sazietà. Secondo lo studio recentemente pubblicato, l’ormone secretina induce sazietà attivando il tessuto adiposo bruno.

Il tessuto adiposo bruno è noto per la sua capacità di generare calore in risposta all’esposizione al freddo. È stato dimostrato che la sua attività è collegata al peso normale e al metabolismo del glucosio, nonché a minori rischi di malattie cardiovascolari. È stato anche dimostrato che i pasti aumentano la termogenesi nel grasso bruno, ma il significato di questo fenomeno non è stato chiaro.

Pubblicità e progresso

– La secretina è un ormone secreto nella circolazione sanguigna dall’intestino e stimola la produzione di succhi peptici nel pancreas durante i pasti. Nella nostra ricerca, abbiamo scoperto i recettori della secretina nel tessuto adiposo bruno di persone sane, il che ha suggerito che la secretina colpisce anche il grasso bruno. Le infusioni di secretina non solo hanno aumentato l’assorbimento del glucosio nel tessuto adiposo bruno, ma hanno anche aumentato il dispendio energetico in tutto il corpo, afferma il dottorando, la cardiologa Sanna Laurila dell’Università di Turku.

Utilizzando la risonanza magnetica, i ricercatori hanno scoperto che la secretina riduceva anche l’attività del sistema di ricompensa nel cervello quando i soggetti guardavano deliziose foto di cibo. La diminuzione dell’appetito dei soggetti potrebbe anche essere verificata con un questionario e il tempo tra i pasti è cresciuto di 40 minuti.

Il grasso bruno genera grande interesse dal punto di vista del controllo del peso perché ha la capacità di bruciare il grasso invece di immagazzinarlo. Tuttavia, gli esseri umani hanno una quantità relativamente piccola di grasso bruno, il che significa che i vantaggi metabolici probabilmente non possono essere attribuiti esclusivamente all’aumento del consumo di energia.

– Questa catena di messaggi recentemente confermata che colpisce la sazietà nelle persone può essere una delle ragioni alla base degli effetti metabolici benefici del grasso bruno, riassume il professor Pirjo Nuutila.

– Questo studio sottolinea l’importanza funzionale del grasso bruno umano nel controllo dell’equilibrio energetico poiché influenza sia l’assunzione di cibo che il dispendio energetico, commenta il professor Martin Klingenspor dell’Università tecnica di Monaco.

Il nuovo meccanismo di controllo della sazietà apre nuove opportunità per la ricerca sullo sviluppo, la prevenzione e il trattamento dell’obesità. Sono necessarie ulteriori ricerche per indagare più in dettaglio che tipo di ruolo ha la secretina nei disturbi metabolici come la sindrome metabolica, l’obesità e il diabete di tipo 2.

###

Nel 2018, i ricercatori dell’Università tecnica di Monaco e del Centro PET di Turku hanno scoperto utilizzando modelli murini un nuovo meccanismo mediato dal tessuto adiposo bruno e che influenza la sazietà, e i risultati della ricerca sono stati pubblicati sulla rivista Cell: https:/ doi. org/ 10. 1016/ j. cellula. 2018. 10. 016

Il gruppo di ricerca di Pirjo Nuutila fa parte di InFLAMES Flagship, un’iniziativa congiunta dell’Università di Turku e dell’Università di Åbo Akademi. L’obiettivo del Flagship è integrare le attività di ricerca immunologica e immunologica per sviluppare e sfruttare nuovi strumenti diagnostici e terapeutici. https:/ / si infiamma. ut. fi/

Categorie:Benessere

Con tag: