ADA2021

#ADA2021 Centenario dell’insulina, i principali risultati della ricerca sono al centro dell’incontro annuale dell’ADA

Le sessioni scientifiche dell’American Diabetes Association di quest’anno evidenzieranno il centenario della scoperta dell’insulina, nonché le implicazioni di COVID-19 per il diabete e i risultati di numerosi studi di grandi dimensioni.

Il secondo incontro completamente virtuale dell’ADA, che si è svolto da venerdì a martedì, è stato ancora una volta modellato dalla pandemia globale di COVID-19, che ha costretto gli organizzatori l’anno scorso a interrompere tutti i piani di persona e a passare rapidamente a un nuovo formato di incontro. Quest’anno, gli organizzatori hanno lavorato per sviluppare il formato virtuale trovando più modi per consentire a partecipanti e relatori di interagire.

Pubblicità e progresso
Fonte: Adobe Stock

“Questo è il più grande incontro internazionale del mondo sul diabete”, Dana Dabelea, MD, PhD, il Conrad M. Riley Endowed Professor, direttore del Lifecourse Epidemiology of Adipity and Diabetes (LEAD) Center presso la School of Public Health dell’Università del Colorado, e presidente del comitato di pianificazione delle riunioni dell’ADA, ha detto. “Quest’anno abbiamo sviluppato molte grandi sessioni e il vantaggio di passare al virtuale per la seconda volta è che consente ai partecipanti di partecipare alle sessioni con i propri tempi, ovunque si trovino. Inoltre, tutte le sessioni registrate sono disponibili fino a 90 giorni dopo la riunione. Sarebbe impossibile vedere tutti questi contenuti dal vivo durante una riunione di 5 giorni”.

Diverse sessioni affronteranno l’interazione tra diabete e COVID-19, ha affermato Dabelea, incluso un simposio di ADA Diabetes Care sull’apprendimento per ridurre al minimo i rischi per le persone con diabete durante la pandemia. I relatori discuteranno anche di salute pubblica e fiducia pubblica, gravidanza, obesità e problemi pediatrici in relazione al diabete nell’era del COVID-19.

Telesalute e telemedicina, anch’esse colpite in molti modi dalla pandemia, sono temi ricorrenti nel programma. Le sessioni esploreranno questioni come il monitoraggio remoto, l’equità e il rimborso nel contesto della telemedicina.

Gli organizzatori hanno notato molti altri punti salienti dell’incontro di quest’anno:

  • Efficacia e sicurezza di Dapagliflozin in pazienti con e senza diabete di tipo 2 ricoverati in ospedale con COVID-19: risultati dello studio controllato randomizzato globale DARE-19;
  • Risultati degli approcci di riduzione glicemica nel diabete: uno studio sull’efficacia comparativa (GRADE);
  • Tirzepatide—Un nuovo Dual GIP/GLP-1RA—Risultati dei primi studi clinici di fase 3 SURPASS;
  • Aggiornamento sugli studi sugli esiti cardiovascolari e renali SCORED e SOLOIST.

“Alla gente è piaciuto quello che abbiamo inventato l’anno scorso, ma ovviamente a tutti mancano le interazioni in tempo reale”, ha detto Dabelea. “Questa è una delle lezioni apprese. Le persone vogliono opportunità di interazione, anche in formato virtuale. Quest’anno abbiamo ampliato le opportunità per i partecipanti di interagire con relatori, espositori e altri. Tutte le sessioni includono una funzione di chat per facilitare domande e commenti. Quest’anno, abbiamo anche un componente di domande e risposte video dal vivo da accompagnare a determinate sessioni”.

L’incontro comprenderà anche diverse sessioni incentrate su questioni relative ai determinanti sociali della salute nel diabete, ha affermato Dabelea.

“Ci sono sessioni sulla sicurezza alimentare e abitativa, gli effetti dell’ambiente costruito, la violenza strutturale e il razzismo e l’assistenza sanitaria come questione di giustizia sociale”, ha detto Dabelea. “Queste sono sessioni importanti.”

Lo staff de Il Mio Diabete fornirà una copertura da ADA 2021 con report sulle sessioni, interviste video e molto altro. Per ulteriori informazioni sull’agenda e sulla registrazione dell’ADA, visitare professional.diabetes.org/scientific-sessions .