Educazione

#ADA2021 Valutare il valore del coaching digitale per il diabete di tipo 2

consulting, training, learn

Photo by geralt on Pixabay

L’uso di sistemi di coaching digitale per il diabete continua ad espandersi e un dibattito durante le sessioni scientifiche esaminerà il valore di questi sistemi.

Sostienici con un acquisto o donazione

Dibattito—Sistemi di coaching digitale per il diabete di tipo 2: valgono il costo? si svolgerà dalle 13:45 alle 14:45 ET sabato 26 giugno. Anne L. Peters, MD, Professor of Clinical Medicine, Keck School of Medicine della University of Southern California, e Kasia J. Lipska, MD , MHS, Professore Associato di Medicina, Yale School of Medicine, sono gli oratori presenti e hanno offerto ad ADAMeetingNews.org un’anteprima della loro discussione.

Cosa tratterai durante la tua presentazione?

Kasia J. Lipska, MD, MHS, BS

Kasia J. Lipska, MD, MHS

Anne L. Peters, dottore in medicina

Anne L. Peters, dottore in medicina

Dr. Peters: Discuterò la storia dei sistemi e del coaching digitale prima che diventassero “una cosa”, e poi parlerò di come si sono evoluti dall’essere solo sulla glicemia o sul peso all’incorporazione di una varietà di elementi. Questi sono più integrati e comportano una gestione complessiva delle malattie croniche, in modo che aumenti il ??loro valore proprio lì. Si tratta di come integri questi sistemi in modo efficace nell’assistenza. È un pezzo di un puzzle più che la soluzione.

Dr. Lipska: Non c’è dubbio che le tecnologie digitali abbiano il potenziale per aiutare le persone con diabete a gestire meglio la loro condizione cronica. Ma dovremmo fermarci e chiederci se la rapida adozione e l’enorme investimento nel coaching digitale per i sistemi per il diabete sia davvero un buon valore. Discuterò le lacune nella base di prove e le sfide con il coaching digitale per il diabete.

Quali sono i messaggi chiave della tua presentazione?

Dr. Peters: È stato dimostrato che il coaching digitale funziona in termini di gestione del glucosio, riduzione del peso, gestione della pressione sanguigna e nel dominio psicosociale in termini di persone con depressione e ansia.

Ora ci sono una varietà di programmi tra cui scegliere. Le persone possono scegliere quale sistema preferiscono, anche se ciò è limitato in una certa misura da quanto viene rimborsato dalla loro assicurazione. E questi sistemi devono essere individualizzati. Le persone che le desiderano dovrebbero avere accesso, ma non dovrebbe essere imposto a persone per le quali questo non è il modo migliore.

La gestione del diabete è così integrata nella vita di qualcuno. Di solito non prendi solo una pillola e poi non c’è più. Devi prendere dei farmaci. Devi cambiare il tuo stile di vita. Devi essere consapevole.

Dr. Lipska: Il mercato della cura del diabete digitale varrà fino a 700 milioni di dollari nel 2022. Tuttavia, pochissimi studi clinici randomizzati hanno valutato l’efficacia del coaching digitale sul diabete. Gli studi esistenti mancano di disegni robusti e di follow-up a lungo termine. Quindi penso che stiamo andando un po’ più avanti delle prove con l’adozione diffusa di questi sistemi.

Il mio secondo punto è che il coaching motivazionale può essere prezioso per molte persone con diabete. Tuttavia, il coaching motivazionale, in particolare quando è programmato e algoritmico, non risolve i problemi che molti pazienti affrontano con la cura di sé. La cura di sé deve adattarsi a ciascun paziente nel particolare contesto della propria vita. E i problemi di “adattamento” non sono problemi di motivazione ma piuttosto di risoluzione di problemi pratici.

Infine, mentre il coaching digitale può avvantaggiare coloro che hanno le competenze tecniche e matematiche per interagire con loro, molte persone con diabete non hanno ancora accesso all’assistenza sanitaria di base e all’insulina, che salvano la vita e possono rappresentare problemi più urgenti da affrontare.

Sostienici con un acquisto o donazione
Sostienici con un acquisto o donazione