Mangiare e bere

I potenziali pericoli dei dolcificanti: uno studio ci mette in guardia

Zucchero e dolcificanti artificiali si presentano in molte forme e colori

Nuova ricerca: i dolcificanti potrebbero causare l’invasione dell’intestino da parte dei batteri intestinali

Una nuova ricerca ha scoperto che i comuni dolcificanti artificiali possono far ammalare batteri intestinali precedentemente sani e invadere la parete intestinale, portando potenzialmente a gravi problemi di salute.

Pubblicità e progresso

Lo studio, pubblicato sull’International Journal of Molecular Sciences, è il primo a mostrare gli effetti patogeni di alcuni dei dolcificanti artificiali più utilizzati – saccarina, sucralosio e aspartame – su due tipi di batteri intestinali, E. coli (Escherichia coli ) ed E. faecalis (Enterococcus faecalis).

Precedenti studi hanno dimostrato che i dolcificanti artificiali possono modificare il numero e il tipo di batteri nell’intestino, ma questa nuova ricerca molecolare, guidata da accademici dell’Anglia Ruskin University (ARU), ha dimostrato che i dolcificanti possono anche rendere i batteri patogeni. Ha scoperto che questi batteri patogeni possono attaccarsi, invadere e uccidere le cellule Caco-2, che sono cellule epiteliali che rivestono la parete dell’intestino.

È noto che batteri come E. faecalis che attraversano la parete intestinale possono entrare nel flusso sanguigno e aggregarsi nei linfonodi, nel fegato e nella milza, causando una serie di infezioni inclusa la setticemia.

Questo nuovo studio ha scoperto che a una concentrazione equivalente a due lattine di bibita dietetica, tutti e tre i dolcificanti artificiali hanno aumentato significativamente l’adesione di E. coli ed E. faecalis alle cellule Caco-2 intestinali e hanno aumentato in modo differenziale la formazione di biofilm.

I batteri che crescono nei biofilm sono meno sensibili al trattamento di resistenza antimicrobica e hanno maggiori probabilità di secernere tossine ed esprimere fattori di virulenza, che sono molecole che possono causare malattie.

Inoltre, tutti e tre i dolcificanti hanno indotto i batteri intestinali patogeni a invadere le cellule Caco-2 trovate nella parete dell’intestino, ad eccezione della saccarina che non ha avuto effetti significativi sull’invasione di E. coli.

L’autore senior dell’articolo, il dott. Havovi Chichger, docente di scienze biomediche presso l’Anglia Ruskin University (ARU), ha dichiarato: “C’è molta preoccupazione per il consumo di dolcificanti artificiali, con alcuni studi che dimostrano che i dolcificanti possono influenzare lo strato di batteri che supportano l’intestino, noto come microbiota intestinale.

“Il nostro studio è il primo a dimostrare che alcuni dei dolcificanti più comunemente presenti negli alimenti e nelle bevande – saccarina, sucralosio e aspartame – possono rendere patogeni i batteri intestinali normali e “sani”. Questi cambiamenti patogeni includono una maggiore formazione di biofilm e una maggiore adesione. e l’invasione di batteri nelle cellule intestinali umane.

“Questi cambiamenti potrebbero portare i nostri batteri intestinali a invadere e causare danni al nostro intestino, che possono essere collegati a infezioni, sepsi e insufficienza multiorgano.

“Sappiamo che il consumo eccessivo di zucchero è un fattore importante nello sviluppo di condizioni come l’obesità e il diabete. Pertanto, è importante aumentare la nostra conoscenza dei dolcificanti rispetto agli zuccheri nella dieta per comprendere meglio l’impatto sulla nostra salute”.

Categorie:Mangiare e bere

Con tag: