ADA2021

#ADA2021 Diabete tipo 1 e ricerca: i test e interventi sul sistema immunitario devono effettuarsi durante la pandemia di COVID-19?

Stethoscope and a syringe on a diabetes test

La pandemia di COVID-19 ha interrotto gli studi clinici in tutto il mondo, inclusi gli studi di intervento immunitario sul diabete di tipo 1. Alcuni studi sul diabete di tipo 1 sono ripresi, ma il dibattito sulla ripresa delle sperimentazioni di intervento immunitario rimane instabile.

Sostienici con un acquisto o donazione

Questo dibattito è continuato venerdì pomeriggio alle sessioni scientifiche durante il mini-simposio Debate – Dovrebbero verificarsi prove di intervento immunitario durante la pandemia di COVID-19? La sessione può essere visualizzata dai partecipanti alla riunione registrati ADA2021.org fino al 29 settembre 2021. Se non ti sei registrato alle virtual 81st Scientific Sessions, registrati oggi stesso per accedere a tutti i preziosi contenuti della riunione.

“Ora diseiamo informazioni e strategie di mitigazione per massimizzare i benefici e ridurre al minimo i rischi”, ha dichiarato Carla Greenbaum, MD, Diabetes Program Director, Benaroya Research Institute Center for Interventional Immunology & Diabetes, Virginia Mason University. “La potenziale analisi rischio-beneficio supporta le strategie di mitigazione degli studi clinici, compresi i requisiti per la vaccinazione contro il COVID. Dobbiamo queste prove ai nostri partecipanti e alle future generazioni di individui con diabete di tipo 1.

Adriana Weinberg, MD

Adriana Weinberg, MD

Non così veloce, ha riin contrasto Adriana Weinberg, MD, professoressa di malattie infettive e direttore medico, clinical molecular and virology laboratory, University of Colorado Hospital. Gli individui immunosoppressi sono a maggior rischio di infezione e contribuiscono allo sviluppo di varianti covid-19 più gravi, ha detto.

“Alcuni rischi noti e molte incognite giustificano la sospensione delle sperimentazioni di immunosoppressori con benefici non provati per i partecipanti fino a quando i candidati allo studio non acquisiranno protezione contro la SARS-CoV-2 attraverso la vaccinazione e / o la circolazione di SARS-CoV-2 scende al di sotto dei livelli epidemici. E a questo punto, non sappiamo quale sia quel livello”, ha detto il Dott. Weinberg.

Quattro agenti immunoterapico – idrossiclorochina, abatacept, globulina anti-timocita e rituximab – erano allo studio per il diabete di tipo 1 quando iniziò la pandemia. I ricercatori hanno sospeso tali studi a marzo 2020 a causa dei potenziali rischi di COVID-19.

“Siamo rimasti sorpresi dalla velocità della diffusione dell’infezione [SARS-CoV-2]”, ha detto il Dott. Weinberg. “L’R0 all’inizio degli Stati Uniti era di 5,7, con ogni individuo infetto che infettava altri 5,7. Ciò si confronta con un R0 di soli 1,4 a 1,6 con l’influenza H1N1 nel 2009. La malattia si è diffusa così rapidamente perché non avevamo strategie di mitigazione efficaci disponibili.

L’età è emersa come il più forte fattore determinante della grave infezione da COVID e della mortalità. Le prove attuali suggeriscono che la morte è rara nei bambini e negli individui di età inferiore ai 50 anni.

“La nostra popolazione demografica li mette a rischio estremamente basso a causa del COVID”, ha affermato il Dott. Greenbaum.

Il trattamento con la maggior parte dei biologici o inibitori del JAK (Janus chinasi) è associato a minori probabilità di ospedalizzazione da COVID, anche se qualsiasi trattamento che porti a un prolungato esaurimento delle cellule B può essere motivo di preoccupazione. Ocrelizumab è stato associato a una lieve malattia da COVID-19 mentre il rituximab è stato collegato a COVID-19 lieve, grave e fatale. Entrambi sono agenti anticorpali anti-CD20.

E mentre ci sono pochi dati da pazienti con diabete COVID-19 e di tipo 1, molteplici recensioni di letteratura di popolazioni immunosoppresse con cancro, trapianti di organi solidi, HIV e altre condizioni suggeriscono che non tutta la soppressione immunitaria è la stessa.

Per il Dr. Greenbaum, la disponibilità di vaccini COVID-19 sicuri ed efficaci ha spostato l’analisi rischio-beneficio. La rete TrialNet consiglia vivamente a tutte le persone di ricevere la vaccinazione covid, ha osservato.

La vaccinazione covid-19 è un inizio solido, ha detto il Dr. Weinberg, ma la vaccinazione non è sufficiente per riavviare in sicurezza gli studi clinici di agenti immunosoppressivi. Non ci sono buoni interventi terapeutici covid, ha osservato, e la soppressione immunitaria nei pazienti con trapianto renale è già stata osservata per favorire la selezione delle varianti SARS-CoV-2. Ci sono anche dati emergenti che mostrano che l’immunosoppressione può ridurre l’efficacia dei vaccini COVID-19.

“La soppressione immunitaria consente al virus di sviluppare resistenza agli anticorpi neutralizzanti prodotti dall’ospite”, ha detto il Dott. Weinberg. “Gli individui immuno-compromessi contribuiscono in modo significativo all’emergere di varianti gravi.”

Sia il Dr. Greenbaum che il Dr. Weinberg hanno notato i principi etici che guidano tutta la ricerca clinica: rispetto per i partecipanti e le loro famiglie, non facendo danni massimizzando i benefici e riducendo al minimo i rischi e giudicando chi dovrebbe ricevere i benefici della ricerca contro chi dovrebbe sostenere gli oneri della ricerca.

Nonostante questo terreno comune, non è stato raggiunto alcun consenso sull’opportunità di riprendere prima della fine della pandemia gli studi di intervento immunitario sul diabete di tipo 1.

Sostienici con un acquisto o donazione
Sostienici con un acquisto o donazione

Categorie:ADA2021, Ricerca

Con tag:,