ADA2021

#ADA2021 Obesità, malattie cardiovascolari preoccupano anche nel diabete di tipo 1

Un simposio del sabato pomeriggio include un dibattito tempestivo sull’uso di farmaci per il diabete di tipo 2 che hanno dimostrato benefici cardiovascolari (CV) nei pazienti con diabete di tipo 1 per prevenire le malattie cardiovascolari aterosclerotiche (CVD). Il simposio di due ore, Obesità e malattie cardiovascolari nel diabete di tipo 1, inizia alle 16:00 .m. ET.

Il simposio sarà simile a una sessione dello scorso anno che ha esplorato come diverse classi di farmaci hanno contribuito a prevenire e trattare cvd in pazienti con diabete di tipo 2, ha dichiarato Yehuda Handelsman, MD, direttore medico e ricercatore principale, The Metabolic Institute of America.

Pubblicità e progresso

In una presentazione prima del dibattito, il Dr. Handelsman cercherà di rimuovere parte della confusione coinvolta nella gestione del rischio CVD e CV nei pazienti con diabete di tipo 1. Mentre molta enfasi è stata posta sulla CVD nel diabete di tipo 2, il Dr. Handelsman e altri credono che molti pazienti con diabete di tipo 1 abbiano anche un alto rischio per la CVD. Ma mancano studi clinici sulla relazione tra diabete di tipo 1 e CVD e non ci sono linee guida per i medici per affrontare la CVD nei pazienti con diabete di tipo 1.

“L’epidemia di obesità non ha trascurato le persone con diabete di tipo 1”, ha detto il Dott. Handelsman. “Le persone con diabete di tipo 1 hanno quasi la tanto obesità del resto della popolazione. Con l’obesità, proprio come il resto della popolazione, sviluppano resistenza all’insulina, grasso viscerale, quindi sindrome metabolica, dislipidemia e altre condizioni che li mettono a rischio più elevato di malattie cardiovascolari. Ed essendo che questo gruppo ha avuto il diabete per un tempo più lungo, questo li mette ancora più a rischio.

Tina Costacou, PhD

Tina Costacou, PhD

Tina Costacou, PhD, Assistente professore di epidemiologia, University of Pittsburgh Graduate School of Public Health, discuterà le tendenze nell’obesità e altri fattori di rischio CV nei pazienti con diabete di tipo 1. L’obesità sta aumentando nei pazienti con diabete di tipo 1, ha detto il Dr. Costacou, e l’obesità e le sue sequele contribuiscono allo sviluppo di complicanze vascolari.

Gli operatori sanitari che trattano pazienti con diabete di tipo 1 devono sapere che l’obesità, anche se è il risultato della terapia insulinica, porta a esiti negativi per la salute. E per i ricercatori, questa conoscenza può aprire nuove strade per lo studio, come trovare il modo ottimale per ridurre l’aumento di peso nei pazienti trattati intensivamente per il diabete di tipo 1, ha detto il Dott. Costacou.

“Gli effetti avversi dell’obesità nella popolazione di diabete di tipo 1 non sono ben studiati, anche se le prove esistenti suggeriscono che contribuisce a esiti negativi per la salute, proprio come nella popolazione generale e nel diabete di tipo 2”, ha aggiunto. “Tuttavia, come contrastare l’obesità nei pazienti con diabete di tipo 1 non è così semplice poiché la terapia intensiva con insulina stessa promuove l’aumento di peso.”

Sophia Zoungas, MBBS (Hons), PhD, FRACP

Sophia Zoungas, MBBS (Hons), PhD, FRACP

La sessione si concluderà con un dibattito tra Sophia Zoungas, MBBS (Hons), PhD, FRACP, Responsabile della Scuola di Sanità Pubblica e Medicina Preventiva, Monash University, e Vivian A. Fonseca, MD, Professore di Medicina, Tullis-Tulane Alumni Chair in Diabetes, Capo della Sezione di Endocrinologia e Assistente Preside per la Ricerca Clinica, Tulane University School of Medicine. Il Dr. Zoungas si apposta a favore dell’uso di farmaci per il diabete di tipo 2 che hanno dimostrato benefici CV nei pazienti con diabete di tipo 1 per prevenire le malattie cardiovascolari aterosclerotiche e il Dr. Fonseca dirà il contrario.

Le prime prove stanno emergendo per alcune classi di farmaci, ma finora non ci sono stati studi definitivi sull’esito cardiovascolare (CVOT) e ci sono preoccupazioni sulla sicurezza.

“Resta da vedere quali sono i CVOT grandi e definitivi, che possono arrivare o meno, o possiamo iniziare a usare questi agenti almeno in quelli con insufficienza cardiaca o malattia renale cronica in cui la fisiopatologia sottostante può essere simile a quei gruppi che sono già stati studiati e la prognosi è scarsa?” Il dottor Zoungas ha detto.

Categorie:ADA2021, Batticuore

Con tag: