ADA2021

#ATTD2021 La telemedicina e il “selfie ai piedi” hanno aiutato i medici e operatori a fornire cure ai piedi diabetici durante la pandemia

Per le persone con complicanze del piede diabetico, l’accesso alle cure e gli esami fisici regolari sono fondamentali per ottenere buoni risultati ed evitare ricoveri ospedalieri. Entrambi sono stati una sfida nel 2020, specialmente durante i primi giorni della pandemia di COVID-19.

Durante il Mini-Simposio di venerdì L’impatto del COVID-19 sulla cura dei piedi nel diabete,due specialisti di assistenza ai piedi diabetici hanno discusso di come si sono adattati e hanno trovato modi per monitorare e fornire assistenza ai loro pazienti durante la pandemia. La sessione può essere visualizzata dai partecipanti alla riunione registrati ADA2021.org fino al 29 settembre 2021. Se non ti sei registrato alle virtual 81st Scientific Sessions, registrati oggi stesso per accedere a tutti i preziosi contenuti della riunione.

Pubblicità e progresso
Brian M. Schmidt, DPM

Brian M. Schmidt, DPM

“La pandemia di COVID-19 ha richiesto un rapido cambiamento nelle migliori pratiche di cura”, ha dichiarato Brian M. Schmidt, DPM, Assistente professore presso il Dipartimento di Medicina Interna, Divisione di Metabolismo, Endocrinologia e Diabete, University of Michigan Medical School. “Questo ha avuto un enorme impatto sui pazienti con ulcere del piede diabetico e altre complicazioni perché la maggior parte delle volte quei pazienti sono stati visti esclusivamente nelle interazioni faccia a faccia.”

Nella prima fase della pandemia all’inizio delle restrizioni sul posto, il Dr. Schmidt ha affermato che la sua istituzione ha implementato il “protocollo STRIDE”, strategie per ridurre gravi infezioni e complicanze del piede diabetico durante le epidemie.

“Gli obiettivi di questo protocollo erano mantenere i letti massimi disponibili per i pazienti affetti da COVID-19, preservare i DPI (dispositivi di protezione individuale) per gli operatori sanitari e mantenere il distanziamento fisico e sociale”, ha affermato. “Il quarto obiettivo, e non può essere sopravvalutato, è che volevamo mantenere il nostro obiettivo e la nostra visione di prevenire le amputazioni degli arti inferiori. ”

STRIDE era un sistema di cartelle cliniche elettroniche basato su triage in cui il team di assistenza iniziò esaminando le registrazioni dei pazienti che erano stati visti in clinica durante i 90 giorni precedenti gli ordini di ricovero sul posto, così come le registrazioni dei pazienti che dovevano essere visti nei prossimi 90 giorni.

“Volevamo identificare se erano ad alto rischio o se erano a basso rischio”, ha detto il Dott. Schmidt. “I pazienti a basso rischio sarebbero quindi messi in un portale di telemedicina in cui manterremo il contatto con loro attraverso visite settimanali o bisettimanali. Se in seguito fossero considerati più a rischio a un certo punto, allora sarebbero spostati nella nostra clinica limitata, ma ancora aperta.

Quando gli ordini di ricovero sul posto sono stati revocati, il Dr. Schmidt ha affermato che pazienti e fornitori sono tornati quasi all’unanimità agli incontri faccia a faccia, ma ha notato che la pandemia ha insegnato al team di assistenza importanti lezioni sul valore e la fattibilità dell’assistenza virtuale.

“L’integrazione delle cure virtuali e delle cartelle cliniche elettroniche ha dimostrato di aiutare in un rapido triage”, ha affermato. “L’assistenza virtuale è uno strumento importante nella fornitura mirata del servizio di assistenza ai piedi e di fatto può aiutare a ridurre la necessità di visite ospedaliere e può raggiungere risultati di arti e vita in pazienti motivati con complicazioni al piede.”

Laura Shin, DPM, PhD

Laura Shin, DPM, PhD

Laura Shin, DPM, PhD, Assistant Professor of Clinical Surgery, Department of Vascolar Surgery, Keck Medicine, University of Southern California, ha anche discusso di come la sua istituzione ha usato la telemedicina e altre strategie di comunicazione per rimanere in contatto e fornire assistenza ai pazienti.

“Durante il blocco covid, non solo abbiamo avuto arresti per le diverse cliniche intorno all’area, ma anche i pronto soccorso erano praticamente impossibili da raggiungere per questi pazienti”, ha detto il Dott. Shin. “I blocchi pandemici includevano la cancellazione di molti dei nostri servizi ospedalieri ambulatoriali. Ciò includeva lavori di laboratorio, studi vascolari e radiologia. Quindi prendersi cura di questi pazienti ad alto rischio che non solo sono ad alto rischio di sviluppare complicazioni legate al COVID, ma hanno anche complicazioni legate al piede diabetico è stato davvero piuttosto impegnativo.

Come parte della strategia del team di assistenza per espandere l’uso della telemedicina nell’ambiente di assistenza acuta, il Dr. Shin ha affermato che sono stati forniti pacchetti informativi a pazienti, famiglie e caregiver che includevano istruzioni per un “esame di tre minuti di piede” per assistere i fornitori nella prescrizione delle cure e nell’identificazione degli arti ad alto rischio.

“Gli esami completi del piede sono altamente raccomandati e davvero vitali per migliorare i risultati. Così, proprio come nello studio del medico, abbiamo fatto compilare questi pazienti, o i caregiver li riempiono e ci fa sapere quali pazienti erano più a rischio”, ha detto. “Gran parte di noi è stata in grado di trattare questi pazienti nel miglior modo possibile, specialmente utilizzando diverse tecnologie di telemedicina, è stato il “selfie ai piedi”. Se fossero abbastanza flessibili o agili, potrebbero scattare le foto da soli usando i loro telefoni cellulari o far scattare le foto a un familiare o a un caregiver.

Fornire risorse complete e di facile utilizzo e mantenere linee di comunicazione aperte sono state le chiavi per fornire cure ottimali ai pazienti e prevenire gravi complicazioni durante la pandemia, ha affermato il Dott. Shin.

“Con covid-19, abbiamo imparato molto sull’accesso ai pazienti”, ha detto. “L’utilizzo di diversi strumenti e strade per la telemedicina è stato estremamente utile per noi e per i nostri pazienti con diabete e esigenze di cura dei piedi diabetici. E anche se non sostituisce le visite ospedaliere, penso che siamo ancora riusciti a tenere al sicuro molti di questi pazienti, a tenerli fuori dall’ospedale e a tenerli in movimento nel mondo.”

Categorie:ADA2021

Con tag:,