ADA2021

#ADA2021 La pandemia evidenzia “l’epidemia” di iniquità che i giovani devono affrontare con il diabete, afferma il presidente dell’ADA, Health Care & Education

Gli stress inflitti al sistema sanitario statunitense durante la pandemia di COVID-19 hanno rivelato l’impatto delle disparità sanitarie sui bambini e sui giovani che vivono con il diabete, secondo il presidente dell’ADA, Health Care & Education, Cynthia E. Muñoz, PhD, MPH.

Nel suo discorso alle sessioni scientifiche di sabato 26 giugno, la Dott.ssa Muñoz ha discusso dell’impatto delle disparità sistemiche di assistenza sanitaria sui bambini con diabete e di ciò che l’ADA sta facendo per affrontare tali disparità. L’indirizzo, The Changing Face of Pediatric Diabetes — How the Pandemic Brought an Epidemic to Light, può essere visualizzato dai partecipanti alla riunione registrati dal ADA2021.org al 29 settembre 2021. Se non ti sei registrato alle virtual 81st Scientific Sessions, registrati oggi stesso per accedere a tutti i preziosi contenuti della riunione.

“Sfortunatamente, queste iniquità sono indipendenti dalla pandemia: molti di noi non le hanno mai notate fino ad ora”, ha dichiarato il Dott. Muñoz, Assistente Professore di Pediatria Clinica, University of Southern California Keck School of Medicine e psicologo pediatrico presso il Children’s Hospital di Los Angeles (CHLA). “Se sei indignato per l’impatto sugli adulti, dovresti essere ancora più indignato dal fatto che questo stia accadendo ai nostri figli.”

Pubblicità e progresso

Il Dr. Muñoz ha detto che circa l’85% dei bambini trattati dal CHLA sono neri, indigeni e persone di colore (BIPOC); Il 60% ha una conoscenza limitata dell’inglese; e il 70% è assicurato pubblicamente. Guardando specificamente ai pazienti con diabete pediatrico di tipo 2, il 94% è assicurato pubblicamente e oltre l’80% si identifica come Latinx, ha detto.

“Nella nostra comunità, come molte altre, il diabete colpisce in modo sproporzionato le persone di colore e le famiglie a basso reddito, che spesso, sfortunatamente, possono essere la stessa cosa”, ha detto il Dott. Muñoz. “La demografia del diabete nei bambini e negli adolescenti è cambiata. Il diabete di tipo 1 è in aumento, ma il tipo 2 è ancora un’entità relativamente nuova in pediatria.

Nonostante i progressi nella terapia e nella tecnologia del diabete, la tendenza di un A1C più elevato nei bambini e nei giovani è in corso mentre la diagnosi errata e la chetoacidosi diabetica continuano a essere problemi, ha detto.

“La pandemia di COVID-19 ha ulteriormente esacerbato queste tendenze”, ha aggiunto muñoz. “La diagnosi tempestiva e la gestione dei sintomi sono diventate più difficili durante la pandemia perché i bambini hanno smesso di andare a visite di benessere e c’è stata esitazione ad andare al pronto soccorso. E con le scuole chiuse, anche le famiglie non hanno avuto accesso al sostegno sanitario scolastico.

Nel frattempo, gli ordini di ricovero sul posto e le linee guida per il distanziamento fisico hanno contribuito a ridurre le opportunità di attività fisica e, con ridotte opportunità di lavoro, le famiglie hanno avuto più difficoltà ad acquistare forniture per il diabete e cibo, ha detto.

“Durante la pandemia, l’istruzione, l’assistenza sanitaria, il supporto e la maggior parte di tutti gli aspetti della vita sono diventati accessibili solo al computer”, ha detto il Dott. Muñoz. “La pandemia ha creato un divario digitale, poiché molti nelle aree con risorse inferiori avevano meno accesso alla tecnologia stessa – telesanità, istruzione, pompe per insulina e monitor continui del glucosio – necessari per gestire in modo ottimale la loro salute. ”

La pandemia ha anche illuminato le iniquità e le barriere all’assistenza sanitaria mentale e al sostegno per i bambini che vivono con diabete, in particolare quelli nelle comunità a basso reddito, ha affermato il Dr. Muñoz, notando che bambini e giovani generalmente hanno riportato una qualità della vita inferiore correlata alla salute durante la pandemia e più problemi di salute mentale, compresi livelli più elevati di ansia.

“Per soddisfare le esigenze di salute mentale della nostra crescente popolazione di diabete, dobbiamo formare più professionisti della salute mentale che lavorano in centri di trattamento sanitario comportamentale ambulatoriale, ospedaliero e residenziale sulla cura delle persone con diabete”, ha detto il Dott. Muñoz.

A tal fine, l’ADA ha collaborato con l’American Psychological Association per creare il Mental Health Provider Diabetes Education Program, un programma di formazione progettato per aumentare la capacità dei professionisti della salute mentale attrezzati per trattare in modo ottimale i pazienti diabetici. L’ADA ha anche creato una directorydi fornitori di salute mentale online ricercabile nel suo genere, che attualmente elenca più di 200 fornitori di salute mentale.

I programmi ADA in corso continuano ad affrontare altre questioni importanti che hanno un impatto sproporzionato sulle persone di comunità a colori e a basso reddito, come l’accessibilità all’insulina, l’espansione di Medicaid, l’accesso alla tecnologia e l’espansione dei servizi di telesanità per l’educazione e il supporto di auto-gestione del diabete, ha aggiunto.

Questa sessione includeva anche osservazioni del CEO di ADA Tracey D. Brown, MBA, BChE e la presentazione della Outstanding Educator in Diabetes Award Lecture di Denise Charron-Prochownik, PhD, CPNP, RN, FAAN.