ADA2021

#ADA2021 Gli operatori esortano a considerare la salute mentale dei pazienti diabetici e dei loro caregiver

bipolar disorder mind mental health connection watercolor painting illustration hand drawing design symbol

Durante il simposio della domenica mattina Preserving Mental Health through the Lifespan of Living with Diabetes (e durante COVID-19) , quattro specialisti comportamentali hanno esplorato alcune delle sfide mentali ed emotive che i pazienti diabetici e i loro caregiver affrontano nelle diverse fasi della vita.

Il simposio può essere visualizzato dai partecipanti alla riunione registrati su ADA2021.org  fino al 29 settembre 2021. Se non ti sei registrato per l’81esima sessione scientifica virtuale, registrati oggi  per accedere a tutti i preziosi contenuti della riunione.

Pubblicità e progresso
Randi Streisand, PhD, CDES

Randi Streisand, PhD, CDES

Randi Streisand, PhD, CDES, professore e capo, Divisione di psicologia e salute comportamentale, Children’s National Hospital, George Washington University School of Medicine & Health Sciences, ha condiviso i dati della ricerca sulla salute comportamentale e ha esaminato strategie e risorse per promuovere il benessere generale.

Gli studi hanno dimostrato che quasi la metà dei genitori manifesta sintomi depressivi subito dopo che a un bambino è stato diagnosticato il diabete di tipo 1. Proprio come i genitori fungono da modelli per i loro figli, gli operatori sanitari fungono da modelli per i genitori, ha affermato.

“Non vogliamo considerare il bambino nella sala d’esame come l’unico paziente. Abbiamo davvero bisogno di pensare che anche il sistema di mantenimento dei figli è seduto lì”, ha detto il dott. Streisand. “Quindi, genitore, nonno, chiunque sia il caregiver, se non stanno bene, sarà davvero difficile per loro gestire il diabete del loro bambino”.

Jessica Pierce, PhD

Jessica Pierce, PhD

Jessica Pierce, PhD, Research Scientist, Nemours Center for Healthcare Delivery Science e Professore Associato, University of Central Florida College of Medicine, ha spiegato come il diabete si adatta alle sfide generali della vita degli adolescenti e dei giovani adulti (AYA).

Esistono diversi trattamenti basati sull’evidenza per aiutare gli adolescenti con diabete, ha affermato il dott. Pierce, e alcuni trattamenti emergenti per i giovani adulti. Ciò che manca sono studi ben progettati e basati sull’evidenza sui fattori chiave nella transizione all’assistenza agli adulti, in parte a causa della difficoltà a trattenere i giovani adulti per studi prospettici e longitudinali ben progettati. Il dott. Pierce ha discusso dei nuovi strumenti per gli studi longitudinali sulla transizione nel diabete di tipo 1, progettati per identificare strategie per trattenere i giovani adulti in questi tipi di studi. Ha anche notato che i disturbi della salute mentale sono più comuni negli AYA con diabete, poiché la malattia si interseca con tutti i domini dello sviluppo.

“È importante ricordare i momenti vulnerabili dell’adolescente e del giovane adulto. Aumenterà davvero la tua empatia”, ha detto il dottor Pierce. “Trova qualcosa da apprezzare negli adolescenti e nei giovani adulti, sii curioso e connettiti con loro in modo genuino”.

Maisa Feghali, MD, MSCR

Maisa Feghali, MD, MSCR

Maisa Feghali, MD, MSCR, Assistant Professor, Division of Maternal-Fetal Medicine, Magee Womens Hospital, University of Pittsburgh, ha discusso delle sfide psicosociali della navigazione nel diabete durante la gravidanza. Mentre il diabete gestazionale è spesso pensato come una versione più lieve del diabete di tipo 2, i rischi che presenta in gravidanza sono molto significativi rispetto alle gravidanze non complicate dal diabete, ha affermato. Ciò include quasi un raddoppio del rischio di preeclampsia.

“L’impatto del diabete gestazionale è molto complesso”, ha detto il dott. Feghali. “In parte è dovuto alla tempistica molto affrettata che abbiamo tra la diagnosi di circa 28 settimane e l’esito del parto di circa 38 settimane. Questo ha davvero solo 10 settimane dopo la diagnosi di diabete gestazionale per insegnare a qualcuno sul diabete e parlare di cambiamenti nello stile di vita e monitoraggio della glicemia, avviando quegli interventi e quindi creando un impatto significativo in un breve periodo di tempo.

David G. Marrero, PhD

David G. Marrero, PhD

Il Dr. Feghali ha anche discusso della cura delle donne con diabete pre-gestazionale che rimangono incinte. Gli ostacoli alla cura includono una pressione costante per raggiungere gli obiettivi, che può portare a frustrazione e sfide quando si cerca di seguire una dieta irreggimentata. Gli operatori sanitari devono fornire supporto emotivo e incoraggiamento ed evitare l’uso di tattiche intimidatorie per soddisfare i livelli di glucosio nel sangue, ha affermato.

David G. Marrero, PhD, Direttore del Center for Border Health Disparities, University of Arizona, ha discusso alcune delle sfide di salute mentale degli adulti con diabete. Ha sostenuto un modello socio-ecologico per comprendere e integrare meglio la cura del diabete. In quel modello, l’individuo opera nel contesto della famiglia, degli amici e dei piccoli gruppi che sono, a loro volta, incorporati all’interno di strati di gruppi più grandi come organizzazioni, comunità, culture e governi.

Il Dr. Marrero ha esortato i fornitori ad essere di mentalità aperta alle scelte dei pazienti anche quando tali scelte potrebbero non essere considerate la migliore pratica; assicurare che il paziente riceva un’adeguata formazione e supporto per l’autogestione del diabete; incoraggiare la partecipazione a programmi comunitari; e riconoscere che i comportamenti coinvolti nella gestione o prevenzione del diabete sono dinamici e multidimensionali.

“La cura del diabete richiede un approccio veramente collaborativo in cui pazienti e medici si relazionano alla pari”, ha affermato. “Le scelte che influenzano la salute e il benessere di una persona con diabete sono in definitiva fatte da quella persona nel contesto della sua vita quotidiana. Finché l’individuo è stato pienamente supportato, le conseguenze di queste scelte appartengono anche alla persona”.

Categorie:ADA2021

Con tag:,

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.