ADA2021

#ADA2021 Il gruppo di esperti esamina le sfide dell’implementazione dei programmi di prevenzione del diabete tipo 2

Mike Sampson, MD

Mike Sampson, MD

 

Un gruppo internazionale di ricercatori di prevenzione del diabete ha condiviso le lezioni apprese dall’implementazione di programmi di prevenzione del diabete di tipo 2 in tutto il mondo durante un simposio mattutino lunedì 28 giugno.

Pubblicità e progresso

Prevenzione del diabete: affrontare le sfide di implementazione può essere visualizzato dai partecipanti alla riunione registrati ADA2021.org al 29 settembre 2021. Se non ti sei registrato alle virtual 81st Scientific Sessions, registrati oggi stesso per accedere a tutti i preziosi contenuti della riunione.

Mike Sampson, MD, professore e consulente presso il Dipartimento di diabete ed endocrinologia, Norfolk and Norwich University Hospitals NHS Foundation Trust, ha aperto la sessione con una discussione sul Norfolk Diabetes Prevention Study (NDPS), un programma di prevenzione del diabete di tipo 2 che si è eseguito dal 2010 al 2019 in tre contee in Inghilterra. I risultati dello studio principale NDPS sono stati pubblicati all’inizio di quest’anno su JAMA Internal Medicine.

“Abbiamo scoperto che la perdita di peso in NDPS era sostanzialmente simile a quella osservata negli studi osservazionali”, ha detto il Dott. Sampson. “Abbiamo anche scoperto che questo intervento di prevenzione del diabete di tipo 2 ha migliorato il controllo glicemico a 12 mesi nelle persone con diabete di tipo 2 rilevato dallo schermo. Quindi questo è uno dei pochi interventi sullo stile di vita che ha benefici per la prevenzione del diabete e ha anche valore come programma di gestione dello stile di vita nelle persone con diabete di tipo 2.

Kerri Lynn Knippen, PhD, MPH, RDN, LD, BC-ADM

Kerri Lynn Knippen, PhD, MPH, RDN, LD, BC-ADM

Una delle principali sfide affrontate dagli investigatori NDPS è stata la regressione a breve termine alla normoglicemia al basale, ha aggiunto.

“Pensiamo che una migliore stratificazione del rischio all’ingresso nei programmi di prevenzione avrebbe un valore reale per districare chi è a rischio davvero elevato di progredire e chi è probabile che regredisca”, ha detto il Dott. Sampson.

Kerri Lynn Knippen, PhD, MPH, RDN, LD, BC-ADM, dietologo registrato e assistente professore presso il Dipartimento di Salute Pubblica e Alleata, Bowling Green State University, ha discusso le strategie per prevenire la progressione al diabete di tipo 2 nelle donne che hanno il diabete gestazionale (GDM).

“Una meta-analisi di 20 studi ha scoperto che le donne con storia GDM avevano quasi un rischio 10 volte maggiore per lo sviluppo del diabete di tipo 2 rispetto alle donne senza quella storia”, ha detto.

La comunicazione fornitore-paziente e il coordinamento interdisciplinare delle cure sono tra le chiavi per sviluppare programmi e interventi di prevenzione efficaci per questa popolazione di pazienti, ha aggiunto.

Pilvikki Absetz, PhD

Pilvikki Absetz, PhD

“L’accesso alle cure primarie e il miglioramento della comunicazione attraverso le transizioni dalla gravidanza al periodo postpartum e oltre hanno il potenziale per aumentare il comportamento a lungo termine per prevenire il diabete di tipo 2”, ha detto il Dott. Knippen. “Interventi basati sul sistema e interdisciplinari incentrati sul coordinamento dell’assistenza avrebbero valore per questa popolazione. Quando l’assistenza è disarticolata, come può essere con GDM, il coordinamento delle cure può migliorare i processi, inclusa la condivisione e la frammentazione delle informazioni.

Pilvikki Absetz, PhD, Direttore della ricerca, Università della Finlandia orientale e professore di promozione della salute all’Università di Tampere, ha discusso le sfide uniche dell’implementazione e del mantenimento dei programmi di prevenzione del diabete nei paesi a basso e medio reddito.

Poiché la stragrande maggioranza della letteratura pubblicata sull’efficacia e l’efficacia reale dei programmi di prevenzione del diabete proviene da studi condotti in paesi ad alto reddito, il Dr. Absetz ha affermato che è importante garantire la “vestibilità culturale” dei programmi e dei modelli di intervento nei paesi a basso e medio reddito. Ha esaminato alcune delle lezioni apprese dal Kerala Diabetes Prevention Program (KDPP) in India.

Anne M. Wolf, MS, RDN

Anne M. Wolf, MS, RDN

“Questo è stato uno studio di prevenzione del diabete di tipo 2, un RCT (randomized controlled clinical trial), che mirava a tradurre i risultati dei nostri precedenti studi nei paesi ad alto reddito in India in un ambiente che era molto più limitato in termini di risorse, e anche culturalmente molto diverso dalle culture individualistiche che abbiamo nel mondo occidentale “, ha spiegato.

Il Dr. Absetz ha affermato che l’impegno del sostegno familiare e della comunità è stato identificato come fattori chiave di successo in una valutazione completa del KDDP. Dal completamento dello studio iniziale, più di 15.000 capi pari sono stati formati e quasi 400.000 donne e i loro familiari sono stati introdotti nel KDPP.

Anne M. Wolf, MS, RDN, Direttore del Virginia Center for Diabetes Prevention and Education, University of Virginia, ha discusso l’uso delle tecnologie digitali nella prevenzione del diabete. Gli studi suggeriscono che l’utilizzo della tecnologia per fornire auto-monitoraggio, feedback dei consulenti e messaggi personalizzati è efficace e supporta la perdita di peso, mentre la comunicazione generale e il supporto di gruppo non personalizzato non sono così efficaci, ha detto.

“I risultati sono migliori se viene aggiunto un componente personalizzato o informazioni personalizzate, come messaggi di testo personalizzati o tracciamento del cibo con revisione e messaggistica personalizzate”, ha detto Wolf.

Categorie:ADA2021

Con tag:

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.