ADA2021

#ADA2021 La tecnologia trova un ruolo più ampio nella cura del diabete in ambito ospedaliero

Amisha Wallia, MD, MS

Amisha Wallia, MD, MS

La pandemia di COVID-19 ha reso necessario l’uso della tecnologia in ambienti ambulatoriali in tutto il mondo, ma è servita anche come catalizzatore per l’uso esteso della tecnologia in contesti ospedalieri, secondo Amisha Wallia, MD, MS.

Pubblicità e progresso

“L’epidemia (diabete) ha incontrato una pandemia”, ha dichiarato il Dott. Wallia, Divisione di Endocrinologia, Metabolismo e Medicina Molecolare, Center for Health Services and Outcomes Research, Northwestern University Feinberg School of Medicine. “Sappiamo che ci sono così tante persone che stanno ricevendo cure non ottimale in termini di diabete, ospedaliero e ambulatoriale, perché non possiamo raggiungerle tutte. Dobbiamo davvero usare la tecnologia come base.

Il Dr. Wallia è uno dei cinque presentatori che hanno condiviso le loro esperienze di prima mano con la tecnologia ospedaliera durante il simposio Automazione e uso ampliato della tecnologia nell’ambiente ospedaliero – Un aggiornamento. La sessione, originariamente presentata lunedì 28 giugno, può essere visualizzata dai partecipanti alla riunione registrati dal ADA2021.org al 29 settembre 2021. Se non ti sei registrato alle virtual 81st Scientific Sessions, registrati oggi stesso per accedere a tutti i preziosi contenuti della riunione.

Robert J. Rushakoff, MD

Robert J. Rushakoff, MD

Addie L. Fortmann, PhD

Addie L. Fortmann, PhD

Robert J. Rushakoff, MD, Professore di Medicina, Università della California, San Francisco (UCSF), ha discusso il servizio virtuale di gestione del glucosio (vGMS) in uso presso UCSF. Il servizio automatizzato tiene traccia dei rapporti giornalieri di pazienti che hanno letture iperglicemiche o ipoglicemiche, utilizzano una pompa o hanno il diabete di tipo 1. Se il servizio determina che ulteriori cure possono essereate, apre una nota di consultazione nella cartella clinica elettronica in modo che un medico possa rivedere le informazioni e modificare gli ordini, se necessario.

Dalla sua introduzione, il vGMS ha comportato una diminuzione del 39% dei pazienti nell’elenco giornaliero dell’iperglicemia, una diminuzione del 38% delle misurazioni del glucosio inferiore a 70 mg / dL e una diminuzione del 64% dei livelli di glucosio inferiori a 40 mg / dL, ha detto il Dr. Rushakoff.

Addie L. Fortmann, PhD, Scripps Whittier Diabetes Institute, Scripps Health, ha descritto uno studio clinico randomizzato condotto da Scripps Health prima del COVID-19 che ha confrontato l’uso ospedaliero del monitoraggio continuo del glucosio (CGM) con i test del punto di cura (POC) in ospedale. Il risultato non è stato alimentato statisticamente, ma c’è stato un beneficio statisticamente significativo nel gruppo CGM per il time-in-range (da 70 mg/dL a 250 mg/dL), e il gruppo CGM ha anche raggiunto 18,5 mg/dL di glucosio medio inferiore e ha trascorso meno tempo sopra i 250 mg/dL.

“Sapere che il glucosio viene monitorato 24 ore su 24 (in un ambiente ospedaliero) può essere confortante, specialmente per qualcuno che utilizza il CGM nell’ambiente ambulatoriale”, ha detto il Dott. Fortmann. “E, naturalmente, questo limita il numero di volte in cui l’infermiera deve entrare nella stanza per ottenere un valore di punto di cura.”

David C. Klonoff, MD

David C. Klonoff,
MD

Joseph A. Aloi, MD, FACE, FACP

Joseph A. Aloi, MD, FACE, FACP

David C. Klonoff, MD, direttore medico, Diabetes Research Institute, Mills-Peninsula Medical Center e Professore clinico di medicina, UCSF, ha previsto che il CGM sarà ampiamente adottato nei reparti ospedalieri anche prima che sia ampiamente adottato nell’unità di terapia intensiva (TERAPIA INTENSIVA). I pazienti del reparto vengono solitamente valutati ogni quattro ore, molto meno spesso che in terapia intensiva, dove si noteranno sintomi di ipoglicemia e calo della glicemia, ha detto.

Tra il 7% e il 17% dei pazienti ospedalieri ha un episodio ipoglicemico, ha aggiunto il Dr. Klonoff, e ogni episodio costa $ 12,000, aggiunge una media di 4,1 giorni a una deganza ospedaliera e porta un rischio di morte 2.2 volte maggiore. Il CGM nell’ambiente ospedaliero può aiutare a prevenire questa complicazione.

“Il monitoraggio continuo del glucosio alla fine diventerà uno strumento di routine per monitorare automaticamente tutti i pazienti ospedalieri”, ha detto.

Joseph A. Aloi, MD, FACE, FACP, Chief of Endocrinology, Diabetes and Metabolism Division, Wake Forest School of Medicine, ha discusso l’uso ospedaliero di sistemi ibridi a circuito chiuso (HCL).

“Penso che abbiamo fatto molta strada quando abbiamo introdotto la tecnologia con CGM in ospedale in quanto le persone non si tolgano automaticamente pompe, V-Go® e CGM quando il paziente entra e più spesso lasciano i pazienti con i loro dispositivi fino a quando non contattano l’endocrinologo per la gestione del glucosio”, ha detto il Dott. Aloi.

Il personale infermieristico è stato un grande sostenitore di questi dispositivi perché ha visto il beneficio al capezzale per i pazienti che sono in grado di auto-gestire, ha detto il Dr. Aloi. Ma è importante sviluppare in modo proattivo politiche e procedure per governare l’uso dell’HCL, ha osservato.

Categorie:ADA2021

Con tag:,

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.