Terapie

In Gran Bretagna alcuni gruppi etnici  con diabete di tipo 2 hanno meno probabilità di aver prescritte le statine

Lo studio suggerisce che le persone di etnia dell’Asia meridionale e dell’Africa/Africa dei Caraibi con diabete di tipo 2 hanno meno probabilità di ricevere statine che riducono le complicanze cardiovascolari del diabete

Le persone di etnia dell’Asia meridionale e dell’Africa/Africa dei Caraibi hanno maggiori probabilità rispetto a quelle di etnia europea di sviluppare il diabete di tipo 2, nonché le complicanze cardiovascolari del diabete come infarti e ictus. Uno studio pubblicato sulla rivista ad accesso aperto PLOS Medicine da Sophie Eastwood presso l’University College di Londra, Regno Unito, e colleghi suggerisce che le persone di etnia afro-africana caraibica con diabete di tipo 2 e le persone di etnia dell’Asia meridionale avevano meno probabilità di ricevere le statine indicate dalle linee guida rispetto persone di etnia europea. Il trattamento con statine riduce il colesterolo nel sangue e riduce le complicanze cardiovascolari nelle persone con diabete.

Pubblicità e progresso

Il diabete di tipo 2 è un potente fattore di rischio per le malattie cardiovascolari, legato a 17,9 milioni di decessi in tutto il mondo all’anno, l’80% dei quali sono dovuti a infarti e ictus. Gli studi suggeriscono che esistono differenze etniche nella prescrizione di statine per le persone con diabete. Per indagare le differenze etniche nella prescrizione di statine indicate dalle linee guida per le persone con diabete di tipo 2, i ricercatori hanno avuto accesso a un database di 12 milioni di record di cure primarie anonime da 836 pratiche nel Regno Unito. Hanno identificato 31.039 casi di diabete di tipo 2 diagnosticati tra il 2006 e il 2019. Hanno quindi confrontato i tassi di assunzione di statine per le persone di etnia europea, dell’Asia meridionale e dell’Africa/Africa dei Caraibi, adeguandosi alle differenze socio-demografiche, all’uso dell’assistenza sanitaria e ai fattori di rischio cardiovascolare. o comorbilità nei tre gruppi.

I ricercatori hanno scoperto che le persone di etnia africana/africana caraibica con diabete di tipo 2 erano il 24% e le persone di etnia dell’Asia meridionale il 9% avevano meno probabilità di ricevere statine indicate dalle linee guida rispetto alle persone di etnia europea. Lo studio era limitato in quanto gli autori non erano in grado di identificare ragioni specifiche per l’iniquità nella prescrizione di statine tra le diverse etnie. Sono necessari studi futuri per spiegare completamente le disparità di prescrizione tra i diversi gruppi etnici.

Il Dr. Eastwood aggiunge: “Le statine abbassano il colesterolo e sono un modo cruciale per ridurre i rischi di infarto e ictus nelle persone con diabete di tipo 2; abbiamo stimato che abolendo le differenze etniche nella prescrizione di statine, si potrebbero prevenire fino a 12.600 infarti e ictus. nelle persone attualmente affette da diabete di tipo 2 nel Regno Unito”.

Gli autori concludono: “Ulteriori ricerche devono cercare urgentemente spiegazioni per la sottoprescrizione di statine, in particolare nei gruppi africani/afro-caraibici. Se i nostri risultati saranno confermati, una strategia nazionale per identificare le disuguaglianze prescrittive, fornire un’istruzione mirata e prescrivere interventi, seguita da ricontrollare fino a raggiungere l’equità, è imperativo e potrebbe portare alla prevenzione di una sostanziale morbilità cardiovascolare”.

###

Accesso al documento disponibile gratuitamente: http://journals. plo. org/ plosmedicine/ article?id= 10. 1371/ journal. pmed. 1003672

Categorie:Terapie

Con tag: