Reni

Verso la cura per la nefropatia diabetica: proteine di recente scoperta proteggono dalla progressione della terribile complicanza

Livelli elevati di tre specifiche proteine ??circolanti sono associati alla protezione contro l’insufficienza renale nel diabete, secondo una ricerca del Joslin Diabetes Center che sarà pubblicata il 30 giugno su Science Translational Medicine .

“Oltre ad agire come biomarcatori per l’avanzamento del rischio di malattie renali nel diabete, le proteine ??possono anche servire come base per future terapie contro la progressione verso i tipi più gravi di malattie renali”, ha affermato Andrzej S. Krolewski MD, PhD, autore senior di la pubblicazione, ricercatore senior presso il Joslin Diabetes Center e professore di medicina presso la Harvard Medical School. Ciò includerebbe probabilmente il ritardo e la prevenzione della malattia renale allo stadio terminale (ESRD), che è lo stadio più grave e avanzato della malattia renale diabetica.

Pubblicità e progresso

L’incidenza cumulativa della malattia renale allo stadio terminale (ESRD) in base all’indice di protezione di tre proteine, Indice=0/3 indica nessuna protezione mentre Indice=3/3 indica protezione completa.
CREDITO: Copyright Joslin Diabetes Center

Lo studio segna un passo avanti verso la ricerca di marcatori associati alla protezione, piuttosto che all’aumento del rischio individuale, per la rapida progressione della malattia renale diabetica. Ciò dovrebbe derivare più direttamente potenziali bersagli per rallentare la progressione poiché si basa sul pensiero che gli individui con progressione lenta avranno fattori protettivi di qualche tipo.

“La nostra ricerca è diventata possibile solo di recente”, ha affermato il dott. Krolewski. “Siamo stati in grado di cercare questi marcatori grazie allo sviluppo di piattaforme proteomiche ad alto rendimento. Ancora più importante, la disponibilità di campioni di biobanche che abbiamo stabilito molti anni fa nel Joslin Kidney Study era fondamentale”.

Secondo il rapporto, i ricercatori hanno profilato i livelli di poco più di 1000 proteine ??nei campioni di plasma prelevati al basale nello studio originale. Tutti avevano il diabete e una funzione renale moderatamente compromessa. Hanno usato due coorti di individui con diabete di tipo 1 o di tipo 2 che sono stati seguiti per un periodo compreso tra 7 e 15 anni.

L’obiettivo principale era identificare le proteine ??che erano elevate in individui con un declino lento o minimo della funzione renale durante il periodo di follow-up. In particolare, hanno convalidato i risultati iniziali in un’ulteriore coorte di individui con diabete di tipo 1.

Lavorando attraverso potenziali proteine ??candidate, hanno trovato tre proteine ??che sembravano offrire protezione contro il declino progressivo. Questi erano il fattore di crescita dei fibroblasti 20 (FGF20), l’angiopoietina-1 (ANGPT1) e il membro della superfamiglia del ligando del fattore di necrosi tumorale 12 (TNFSF12).

In ogni caso livelli circolanti elevati hanno ridotto le probabilità di declino progressivo del rene e progressione verso ESRD. L’effetto combinato di avere livelli elevati di tutte e tre le proteine ??si traduce in un rischio molto basso di ESRD.

“Gli effetti protettivi di queste proteine ??sembrano essere indipendenti, il che suggerisce che sono coinvolti molteplici meccanismi. Possono essere correlati causalmente al processo della malattia o rappresentare percorsi non ancora identificati coinvolti nel progressivo declino renale”, ha affermato il primo autore Zaipul Md Dom. PhD, un ricercatore nel laboratorio del Dr. Krolewski

Gli autori vanno oltre, esaminando le attuali conoscenze biologiche relative alle singole proteine ??e alle malattie renali, identificando una serie di potenziali meccanismi che potrebbero spiegare i loro effetti protettivi. Secondo il Dr. Krolewski queste sono potenziali nuove strade per la ricerca che seguiranno.

Il dott. Kevin Duffin, coautore della pubblicazione e direttore operativo di Eli Lilly, Diabetes and Diabetic Complications ha dichiarato: “Il nostro studio ha identificato proteine ??circolanti specifiche che sono state esaurite nei pazienti diabetici con malattia renale che sono progrediti a ESRD. un approccio di medicina personalizzata potrebbe essere possibile per il trattamento di pazienti con bassi livelli di proteine ??protettive. Riteniamo che la somministrazione di mimetici terapeutici proteici o trattamenti che aumentino i livelli circolanti di queste proteine ??impoverite potrebbe essere il futuro”. 

Il Dr. Krolewski ha aggiunto: “Abbiamo già iniziato a sviluppare protocolli su come misurare le concentrazioni delle proteine ??protettive in ambito clinico. Speriamo che queste proteine ??possano essere utilizzate per identificare i pazienti a rischio di progressione verso ESRD, che possono quindi essere trattati con nuove terapie».

Categorie:Reni

Con tag:,