Mangiare e bere

Mangiare all’interno di una fascia di tempo limitata può ridurre l’ipertensione correlata al diabete

checklist, clipboard, questionnaire

Photo by 472301 on Pixabay

Un nuovo studio del College of Medicine dell’Università del Kentucky suggerisce che mangiare a tempo limitato può essere in grado di aiutare le persone con diabete di tipo 2 a ridurre l’ipertensione notturna, che è caratterizzata da un’elevata pressione sanguigna durante la notte.

Lo studio pubblicato su PNAS il 22 giugno ha scoperto che il mangiare a tempo limitato, una routine in cui il mangiare è limitato a una specifica finestra di tempo durante ogni giorno, ha aiutato a prevenire e migliorare l’ ipertensione notturna correlata al diabete nei topi.

Pubblicità e progresso

Gli autori dello studio Ming Gong, Ph.D., MD, professore presso il Dipartimento di Fisiologia, e Zhenheng Guo, Ph.D., professore presso il Dipartimento di Farmacologia e Scienze Nutrizionali, sono fiduciosi che i loro risultati significheranno che un’alimentazione limitata nel tempo potrebbe offrire vantaggi simili per le persone.

“Siamo entusiasti di questi risultati e delle implicazioni che potrebbero avere in futuri studi clinici”, ha affermato Guo. “Oltre ai cambiamenti nello stile di vita come la dieta e l’esercizio fisico, il mangiare a tempo limitato potrebbe avere un impatto salutare sulle persone con diabete di tipo 2”.

Normalmente, la pressione sanguigna scende di notte e aumenta al risveglio, in linea con il ritmo circadiano del corpo. In alcuni pazienti ipertesi non si verifica la tipica diminuzione notturna. Questa pressione sanguigna “non sprofondante” è prevalente nei pazienti con diabete di tipo 2 ed è associata ad un aumento degli eventi di malattie cardiovascolari.

Lo studio ha scoperto che l’imposizione di un’alimentazione limitata nel tempo ha impedito ai topi diabetici di sviluppare la pressione sanguigna senza abbassamento. La pratica ha anche ripristinato efficacemente il ritmo circadiano della pressione sanguigna interrotto nei topi che avevano già la pressione sanguigna non diminuita.

I ricercatori hanno limitato l’accesso dei topi al cibo a otto ore durante i loro tipici momenti di veglia attiva ogni giorno. Quando la disponibilità di cibo è stata aumentata a 12 ore, la pratica era ancora efficace nella prevenzione e nel trattamento della pressione sanguigna non diminuita. Guo dice che questa è la prova che gli effetti sono stati causati dal momento dell’alimentazione e non dalla restrizione calorica .

Oltre al significato dello studio per la futura ricerca clinica nelle persone, Gong afferma che si aggiunge alla comprensione da parte degli scienziati delle cause e dei meccanismi della pressione sanguigna senza abbassamento nel diabete, che attualmente non è completamente compresa.

“Ci sono già molti studi che mostrano i benefici per la salute del mangiare a tempo limitato, in particolare per i problemi metabolici”, ha detto Gong. “Questa è la prima ricerca scientifica di base incentrata su come influisce sulla pressione sanguigna non diminuita correlata al diabete e rivela che i tempi giornalieri dell’assunzione di cibo potrebbero svolgere un ruolo fondamentale”.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.