Ricerca

Ricerca: Gli articoli di riviste mediche scritti da donne sono citati meno di quelli scritti da uomini

Gli articoli di ricerca originali con donne come autori sia primari che senior sono citati meno, secondo la ricerca di Penn Medicine

Sostienici con un acquisto o donazione

FILADELFIA– Mentre più donne stanno entrando nel campo della medicina accademica che mai, è meno probabile che vengano riconosciute come esperte e leader; hanno meno probabilità di ricevere premi prestigiosi , essere promossi a cattedre complete , ricoprire ruoli di leadership o scrivere ricerche originali o commenti su riviste importanti. Inoltre, secondo una nuova ricerca della Perelman School of Medicine e del Leonard Davis Institute of Health Economics, gli articoli pubblicati da donne su riviste mediche ad alto impatto hanno anche meno citazioni di quelli scritti da uomini, specialmente quando le donne sono autori primari e senior. presso l’Università della Pennsylvania, pubblicato oggi su JAMA Open Network.

I ricercatori hanno scoperto che dei 5.554 articoli pubblicati in 5 importanti riviste mediche accademiche tra il 2015 e il 2018, il 35,6% aveva un’autrice primaria donna e il 25,8% aveva un’autrice senior donna. Durante questo periodo, gli articoli con donne come autrici principali sono stati referenziati in altri articoli accademici una mediana di 36 volte, rispetto a 54 citazioni di articoli con autori primari di sesso maschile. La tendenza si è estesa agli articoli con autori senior di sesso femminile, citati con una media di 37 volte, mentre gli articoli di controparti maschili hanno ricevuto una media di 51 citazioni. Gli articoli originali con donne sia come autori primari che come autori senior sono stati citati il ??minor numero di volte, con una mediana di 33 citazioni, mentre gli articoli scritti da uomini come autori sia primari che senior sono stati citati di più, una mediana di 59 volte.

“Il numero di volte in cui un articolo sottoposto a revisione paritaria citato da altri ricercatori viene comunemente utilizzato come metrica per il riconoscimento accademico, l’influenza, nonché nelle valutazioni e promozioni professionali”, afferma l’autore principale Paula Chatterjee, MD, MPH, un assistente professore di Medicina Interna Generale presso Penn Medicine. “Le accademiche devono già affrontare una serie di ostacoli all’avanzamento di carriera e la disparità nelle citazioni non fa che aumentare il divario tra loro e i loro coetanei maschi”.

Gli autori notano inoltre che alcune delle riviste incluse nello studio si concentrano sul campo della medicina interna, che in genere ha una percentuale maggiore di donne rappresentate rispetto ad altre specialità cliniche. Di conseguenza, i risultati potrebbero effettivamente sottovalutare le differenze nelle citazioni di articoli accademici tra autori maschili e femminili.

“Le disparità di genere nelle citazioni sono solo un modo in cui dovrebbero essere esaminate le disuguaglianze nella medicina accademica. I nostri risultati evidenziano che le disparità derivano in parte dalle disuguaglianze nel riconoscimento e nell’amplificazione della ricerca. Questo squilibrio non sarà risolto attraverso l’assunzione e il tutoraggio di più donne da sole, “, ha affermato l’autore senior, Rachel Werner, MD, PhD, direttore esecutivo del Leonard Davis Institute for Health Economics. “Dobbiamo anche lavorare per garantire che le donne già in medicina accademica siano ugualmente valorizzate e promosse per i loro contributi e i loro successi. Dalle riviste che pubblicano questo lavoro, alle istituzioni accademiche che promuovono gli articoli una volta pubblicati, tutti dovrebbero essere investiti nel colmare questo divario di genere. “

Sostienici con un acquisto o donazione
Sostienici con un acquisto o donazione

Categorie:Ricerca

Con tag: