ADA2021

#ADA2021 La penna intelligente per insulina migliora i livelli di glucosio nel diabete scarsamente controllato

Little diabetic girl giving herself insulin injection on white background

Le persone con diabete che hanno difficoltà a raggiungere gli obiettivi glicemici erano in grado di gestire meglio i loro livelli di glucosio con una penna intelligente per insulina, secondo un relatore alle sessioni scientifiche dell’American Diabetes Association.

In un’analisi dei dati del mondo reale provenienti da più di 400 adolescenti e adulti con indicatori di gestione del diabete e del glucosio dell’8% o superiori, l’ uso della penna intelligente per insulina è stato collegato a un tempo più lungo nell’intervallo, al miglioramento del glucosio medio del sensore e alla riduzione del tempo al di sopra dell’intervallo prima dell’uso.

Pubblicità e progresso

“Le caratteristiche di InPen (Medtronic) che facilitano questo miglioramento includono l’assistenza nel calcolo della quantità corretta di insulina in bolo, il monitoraggio dell’insulina attiva e la fornitura di promemoria se viene mancata una dose bolo o una dose di insulina ad azione prolungata”, Robert A. Vigersky , MD , Chief Medical Officer of Global Medical Affairs per Medtronic Diabetes, ha dichiarato a Il Mio Diabete. “Inoltre, i report del sistema InPen a disposizione sia della persona con diabete che del suo medico curante mostrano informazioni importanti, come la quantità di insulina iniettata e l’ora dell’iniezione in relazione ai pasti. Questi dati possono essere integrati con il monitoraggio della glicemia o il monitoraggio continuo della glicemia per fornire una visione olistica delle metriche chiave del diabete”.

Vigersky e colleghi hanno raccolto dati reali da 423 adolescenti e adulti con diabete e indicatori di gestione del glucosio superiori all’8% utilizzando la penna intelligente per insulina InPen che aveva dati CGM disponibili per almeno 30 giorni prima e dopo l’inizio dell’uso della penna. I dati sono stati raccolti da gennaio 2018 a ottobre 2020. I ricercatori hanno confrontato il glucosio medio del sensore, gli indicatori di gestione del glucosio, il tempo nell’intervallo, il tempo al di sotto dell’intervallo e il tempo al di sopra dell’intervallo dopo l’inizio del pre-uso dell’uso della penna intelligente per insulina. Sono stati raccolti anche dati sulle quantità di dose di insulina, sulle dosi giornaliere e sul dosaggio totale.

Dopo 90 giorni di utilizzo della penna intelligente per insulina, la coorte dello studio ha avuto una riduzione media dello 0,1% degli indicatori di gestione del glucosio rispetto a prima dell’uso. Il tempo nell’intervallo è aumentato dal 31,1% prima dell’uso della penna per insulina al 33,4% 90 giorni dopo l’inizio e il tempo al di sopra dell’intervallo è sceso dal 67,9% prima dell’uso al 65,5% con una penna per insulina. C’è stata anche una riduzione media della glicemia del sensore di 4,3 mg/dL con l’uso della penna per insulina rispetto a prima dell’uso.

Per 103 partecipanti con indicatori di gestione del glucosio del 9,5% o superiori, ci sono stati benefici ancora più pronunciati, con una riduzione media della glicemia del sensore di 14,9 mg/dL e un aumento del 5% del tempo nell’intervallo da prima dell’uso a 90 giorni dopo l’uso della penna per insulina iniziato. Il tempo al di sopra dell’intervallo nel sottogruppo è diminuito in media del 5,1%.

La coorte dello studio ha avuto una riduzione dello 0,1% delle dosi di insulina al giorno dall’inizio dell’uso della penna per insulina fino a 90 giorni. C’è stato un aumento di 0,6 U nelle quantità di dose giornaliera e un aumento di 0,9 U nell’uso totale di insulina al giorno. Quelli con indicatori di gestione del glucosio del 9,5% o superiori hanno anche avuto una diminuzione della dose di 0,1 dell’insulina giornaliera dall’inizio dell’uso della penna per insulina fino a 90 giorni dopo l’inizio dell’uso. Il dosaggio è aumentato per il sottogruppo di 1,2 U al giorno e la quantità totale di dosaggio di insulina al giorno è aumentata di 1,7 U ( P <0,05 per tutti).

“Quelle persone con diabete che scelgono di non indossare una pompa per insulina possono migliorare il controllo glicemico utilizzando tecnologie e sistemi di supporto decisionale che in precedenza non erano disponibili per loro”, ha affermato Vigersky. “Gli operatori sanitari possono utilizzare i rapporti InPen per facilitare il processo decisionale condiviso che può portare a un migliore controllo e soddisfazione glicemica”.


Fonte: 

Vigersky RA, et al. 219-OR. Presentato a: Sessioni scientifiche dell’American Diabetes Association; 25-29 giugno 2021 (incontro virtuale).

Divulgazioni: Vigersky riferisce di essere un dipendente a tempo pieno per Medtronic. Si prega di consultare l’abstract della presentazione per le informazioni finanziarie rilevanti di tutti gli altri autori.