Ricerca

Scoperto il ruolo dei macrofagi nella rigenerazione del fegato

I medici dell’Università RUDN hanno scoperto quale ruolo svolgono i macrofagi nel recupero del fegato dopo la rimozione della sua parte significativa.
CREDITO: Università RUDN

I medici dell’Università RUDN hanno scoperto quale ruolo svolgono i macrofagi nel recupero del fegato dopo la rimozione della sua parte significativa. I risultati sono pubblicati sulla rivista Biomedicine & Pharmacotherapy .

Il fegato nei mammiferi è l’organo interno più rigenerativo. Può ripristinare le dimensioni originali a partire da un minimo del 25% del tessuto conservato. Un ruolo importante in questo processo è svolto dai macrofagi. Queste sono le cellule che possono inghiottire e digerire le particelle. È noto, ad esempio, che se il fegato è interessato da sostanze estranee, compresi i farmaci, i macrofagi migrano nel fegato, assorbono microrganismi dannosi e cellule morte, provocano infiammazione e contribuiscono quindi al ripristino dell’organo. Tuttavia, è ancora sconosciuto inequivocabilmente come i macrofagi influenzino la crescita del fegato dopo la sua resezione, ovvero la rimozione di gran parte dell’organo. I medici della RUDN University hanno studiato questo problema in un esperimento con topi di laboratorio.

Pubblicità e progresso

“Il ruolo dei macrofagi nella crescita del fegato dopo resezioni massicce è incerto. Alcuni studi rivelano la mancanza di immigrazione di macrofagi nel fegato durante il suo recupero dalla resezione parziale, mentre altri studi dimostrano tale possibilità. Quindi, abbiamo concentrato il nostro studio sui macrofagi dinamica della popolazione dopo resezione epatica del 70% in modalità topo”, Andrey Elchaninov, MD, PhD, ricercatore presso il Dipartimento di Istologia, Citologia ed Embriologia dell’Università RUDN.

I medici hanno utilizzato 184 topi di laboratorio della linea BALB/c. In 132 hanno rimosso il 70% del fegato. Subito dopo, poi un giorno dopo, tre giorni dopo e una settimana dopo, gli scienziati hanno prelevato campioni di fegato per l’analisi. Le cellule risultanti sono state studiate utilizzando un metodo immunoistochimico. Le sezioni sono state etichettate con anticorpi specifici contro le glicoproteine ??CD68, CD206 e altri composti che si trovano sulla superficie dei macrofagi. Gli anticorpi sono etichettati con coloranti fluorescenti e brillano quando attaccati ai macrofagi, così si può contare il loro numero. I medici della RUDN University hanno anche misurato il tasso di riproduzione e morte cellulare dei macrofagi.

Si è scoperto che dopo la resezione, un gran numero di macrofagi migra nel fegato. Ad esempio, un giorno dopo l’intervento, il numero di macrofagi con CD68 nel fegato aumenta di 2 volte, il che persiste dopo una settimana. Si è anche scoperto che la resezione ha portato a cambiamenti significativi nel rapporto tra diversi tipi di macrofagi. Ad esempio, la percentuale di cellule Ly6C nella settimana dopo l’intervento è aumentata di 4 volte, dal 5% al ??22%, e la percentuale di CD86 è scesa dal 50% al 15%. Il ruolo dei macrofagi è ambiguo. Da un lato, rilasciano sostanze chimiche (chemioattrattori) che attraggono i globuli bianchi responsabili della risposta infiammatoria dell’organismo. D’altra parte, regolano la riproduzione delle cellule del fegato e il metabolismo nell’organo.

“I profili corrispondenti dei macrofagi nel fegato di rigenerazione non possono essere definiti in modo univoco come pro o antinfiammatorio. Le loro caratteristiche tipiche includono un’elevata espressione di fattori chemiotattici dei leucociti e molte delle sequenze differenzialmente espresse sono correlate al controllo della crescita cellulare e dei processi metabolici in fegato.I nostri risultati hanno rivelato ruoli essenziali dei macrofagi e della proliferazione dei macrofagi nel fegato di topo durante il suo recupero da una resezione massiva”, dalla RUDN University.

Categorie:Ricerca

Con tag: