Assistenza sociosanitaria

Il controllo della glicemia, precoce e costante nel diabete di tipo 2 è cruciale per tentare di scongiurare successive criticità

overweight woman swims in swimming pool

Le persone con il diabete di tipo 2 hanno bisogno di fare il controllo della loro glicemia nel sangue, velocemente. Gli anni immediatamente successivi alla diagnosi sono straordinariamente critici in termini di rischio futuro di infarto e morte. Lo dimostra uno studio congiunto delle Università di Göteborg e Oxford.

In una collaborazione tra l’Università di Göteborg in Svezia e l’Università di Oxford nel Regno Unito, è stata studiata l’importanza dei livelli di zucchero nel sangue dal momento in cui viene diagnosticato il diabete di tipo 2 per il rischio di infarto e morte. Il progetto è stato condotto congiuntamente dal professor Marcus Lind a Göteborg e dal professor Rury Holman a Oxford.

Pubblicità e progresso

La ricerca si è basata su uno studio chiave nel diabete di tipo 2, lo UK Prospective Diabetes Study (UKPDS). Questa nuova analisi ha esaminato il ruolo dei livelli di zucchero nel sangue nei primi anni dopo la diagnosi di diabete di tipo 2 per la prognosi di infarto miocardico e morte 10-20 anni dopo.

I risultati, presentati sulla rivista scientifica Diabetes Care , mostrano che i livelli di zucchero nel sangue nelle prime fasi della malattia hanno un impatto molto maggiore sulla prognosi futura di quanto si pensasse in precedenza. Mostrano che l’obiettivo dei livelli di zucchero nel sangue secondo le linee guida di trattamento (HbA1c 52 mmol/mol o inferiore) dal momento della diagnosi è stato associato a un rischio di morte inferiore di circa il 20% 10-15 anni dopo, rispetto al targeting di un sangue più alto- livello di zucchero (HbA1c 63 mmol/mol). Inoltre, ha dimostrato che ritardare l’introduzione di buoni livelli di zucchero nel sangue fino a 10 anni dopo la diagnosi era associato a un rischio di morte inferiore solo del 3%.

“Questi ultimi risultati sono la prova che un adeguato trattamento precoce della glicemia nel diabete di tipo 2 è fondamentale per ottimizzare la cura del diabete. In precedenza non abbiamo eseguito questo tipo di analisi, né abbiamo capito quanto sia importante il controllo precoce della glicemia per la prognosi. Significano anche che è necessario concentrarsi maggiormente sulla rilevazione del diabete di tipo 2 alla prima occasione per prevenire che le persone convivono con livelli di zucchero nel sangue elevati non rilevati per diversi anni”, afferma il professor Marcus Lind.

Il professor Rury Holman, del dipartimento di medicina di Radcliffe presso l’Università di Oxford, ha dichiarato: “Questi nuovi risultati forniscono una spiegazione meccanicistica per l'”effetto legacy” glicemico, identificato per la prima volta dall’UKPDS, per cui l’istituzione di un buon controllo della glicemia nei pazienti di nuova diagnosi È stato dimostrato che il diabete di tipo 2 riduce i rischi di complicanze diabetiche e di morte fino a 30 anni. La scoperta dell'”effetto legacy” ha portato le linee guida di trattamento in tutto il mondo a raccomandare la necessità di ottenere un buon controllo della glicemia il prima possibile”.

 

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.