Equilibrio

Il corona ci stanca

Le società agiscono in modo razionale e solidale, ma sperimentano anche sempre più un senso di stanchezza, afferma uno studio di Helmholtz-Zentrum Hereon

Sostienici con un acquisto o donazione

Ogni pandemia influenza la vita e le azioni delle persone, che a sua volta controlla il corso della pandemia. Finora i fattori che determinano la nostra sfera sociale, politica e psicologica non potevano essere descritti da modelli matematici, rendendo difficile azzardare previsioni per la pandemia di Corona. Il nuovo studio migliorerà la situazione. Il ricercatore Prof. Kai Wirtz della Hereon Institution for Coastal Systems – Analysis and Modeling descrive quantitativamente i fenomeni sociali sopra accennati. “Come scienziato, il modello sociale mi ha guidato per un po’. Nel frattempo ha anche raggiunto la ricerca costiera. La sfida più grande in questo sviluppo è stata l’integrazione dell’azione umana nei modelli epidemiologici convenzionali”, afferma Wirtz.

Come il corona cambia le persone

A causa dei problemi di prevedibilità delle dinamiche sociali, Wirtz utilizza l’unicità della pandemia globale di Corona per il nuovo studio. Ciò si accompagna a una disponibilità di dati senza precedenti, come sottolinea. Lo studio utilizza una parte di questi set di dati – presentati principalmente da Apple, John Hopkins CSSE e YouGov – per testare quantitativamente un nuovo modello sulla base dei diversi modelli di corso della pandemia in 20 regioni colpite. Le regioni includono 11 paesi dell’UE come Germania, Italia e Svezia, Iran e otto stati negli Stati Uniti.

Le società colpite dalla pandemia all’inizio del 2020, per lo più paesi industrializzati occidentali, sono riuscite a ridurre i tassi di infezione attraverso misure come il distanziamento sociale. Dopo che le società hanno iniziato a revocare i blocchi imposti nel maggio 2020, alcune di esse hanno raggiunto cifre di casi molto basse, mentre altre sono state colpite da un alto tasso di mortalità duraturo. Successivamente, durante la stagione autunnale e invernale del 2020/2021, tutte queste regioni sono state colpite da una massiccia seconda e terza ondata nonostante le loro esperienze fatte durante il primo blocco.

Il modello dello studio combina equazioni classiche per la diffusione virale con semplici regole per le dinamiche sociali: come base si assume che le società agiscano razionalmente per mantenere il danno cumulativo, derivante dalla mortalità causata dal COVID 19 e dal costo socio-economico diretto del sociale. distanziamento, il più basso possibile. “Tuttavia, i risultati della simulazione mostrano che un altro meccanismo è cruciale per descrivere le dinamiche nelle 20 regioni: l’erosione della cosiddetta “coesione sociale” con una ridotta volontà ed efficacia del distanziamento sociale”, afferma Wirtz.

Coesione persa

È solo la simulazione di questo processo di erosione che produce curve dei tassi di mortalità regionali e cambiamenti di mobilità e comportamento che sono quasi esattamente identiche ai dati empirici. Pertanto, lo studio presenta il primo modello che aumenta il periodo di previsione da poche settimane fino a un anno. Inoltre, il modello può essere potenzialmente utilizzato per descrivere l’impatto di nuovi mutanti SARS-CoV-2.

Sulla base di questo studio, la seconda e la terza ondata della pandemia, diverse a livello regionale, possono essere spiegate come conseguenza delle differenze nella coesione sociale e nei fattori climatologici. I calcoli del modello mostrano che in molti paesi una strategia Zero Covid sarebbe stata possibile nell’estate del 2020. “Ma solo se la stanchezza sociale fosse stata fermata e fossero stati applicati severi divieti di viaggio“, afferma Kai Wirtz. Grazie alla validazione riuscita, il modello può fornire una guida per una pianificazione strategica a medio termine, ad esempio una distribuzione più efficiente del vaccino. Già all’inizio del 2021 il modello prevedeva per la Germania che ogni giorno di ritardo della vaccinazione di massa provoca in media 178 ulteriori decessi per Corona. Con questa ricerca, l’approccio umano nell’affrontare il virus è diventato più prevedibile.

Sostienici con un acquisto o donazione
Sostienici con un acquisto o donazione

Categorie:Equilibrio

Con tag: