Telemedicina

La telemedicina è risultata efficace per la gestione del diabete in Arabia Saudita e negli Emirati Arabi Uniti

large, data, keyboard

Photo by geralt on Pixabay

Le consultazioni di telemedicina potrebbero essere “chiave” per affrontare i crescenti costi del trattamento e della gestione del diabete nel Regno dell’Arabia Saudita (KSA) e negli Emirati Arabi Uniti (EAU), secondo un nuovo rapporto.

Lo studio, pubblicato dall’Economist Intelligence Unit (EIU), ha mostrato che nel 2020 il numero di cliniche di telemedicina per pazienti con diabete in entrambi i paesi è aumentato del 90%. Prima della pandemia, si registrava una crescita di circa il 10% annuo, con la pratica “ampiamente sottoutilizzata”.

Pubblicità e progresso

Guardando al futuro, si prevede che con l’allentamento delle restrizioni di blocco, un nuovo modello ibrido di cura diventerà la nuova norma per la gestione del diabete nei territori del GCC.

“Sarà raggiunto un equilibrio alternando i pazienti tra appuntamenti di persona e virtuali”, ha affermato il documento supportato da Abbott . “Questo è stato più semplice con l’introduzione di nuovi strumenti di automonitoraggio più facili da usare”.

IL CONTESTO PIU’ GRANDE

Secondo il rapporto, l’Arabia Saudita e gli Emirati Arabi Uniti stanno assistendo a “una crescita esplosiva della prevalenza e dell’incidenza del diabete”, con i paesi del Golfo che ospitano alcuni dei più alti tassi di malattia al mondo.

Durante il blocco, non solo la telemedicina ha svolto un ruolo importante nell’assistenza continua e connessa, ma si è anche dimostrata un’alternativa conveniente ed efficiente in termini di tempo, afferma il documento. La maggior parte degli intervistati ha riferito “un alto livello di soddisfazione per le sessioni virtuali”, con la telemedicina considerata “essenziale” per mantenere un controllo glicemico soddisfacente.

Inoltre, è stato scoperto che la telemedicina supporta il benessere psicologico durante gli eventi della pandemia, “riducendo la depressione e l’ansia” tra i pazienti con diabete.

“È diventato imperativo per la sanità nazionale, così come per i bilanci sanitari, che vengano esplorati al meglio strumenti di gestione e prevenzione migliori, più innovativi e sostenibili”, continua il rapporto.

Sebbene permangano diverse sfide, come l’accesso, oltre a problemi operativi e tecnici, il rapporto ha concluso che la telemedicina nella gestione del diabete è destinata a durare.

“Le indicazioni suggeriscono che in futuro emergeranno nuovi modelli ibridi di assistenza che coinvolgono l’assistenza di persona, l’assistenza a distanza e la modellazione predittiva a supporto dell’assistenza in tempo reale”, ha affermato.

SUL REGISTRO

“Oggi, i sistemi di monitoraggio continuo del glucosio consentono alle persone che vivono con il diabete di monitorare meglio i loro livelli di glucosio senza la necessità di punture di routine del dito e di condividere volontariamente informazioni preziose con i loro medici curanti attraverso strumenti digitali sicuri basati su cloud”, ha affermato Hani Khasati. , Direttore regionale per l’attività di cura del diabete di Abbott. “Questi sistemi che cambiano la vita aumentano il tempo di HbA1c nel range e migliorano i risultati clinici, riducendo al contempo la necessità di appuntamenti ospedalieri di persona”.

Categorie:Telemedicina

Con tag:,

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.