Vivo col Diabete

Lo studio mostra che la dieta provoca un calo dell’84% dei fastidiosi sintomi della menopausa, senza farmaci

Un nuovo studio, pubblicato dalla North American Menopause Society sulla rivista Menopause, ha scoperto che una dieta a base vegetale ricca di soia riduce le vampate di calore da moderate a gravi dell’84%, da quasi cinque al giorno a meno di una per giorno. Durante lo studio di 12 settimane, quasi il 60% delle donne è diventato totalmente privo di vampate di calore da moderate a gravi. Le vampate di calore complessive (comprese quelle lievi) sono diminuite del 79%.

Lo studio, chiamato studio WAVS, lo studio delle donne per l’attenuazione dei sintomi vasomotori, mostra che i cambiamenti nella dieta possono essere molto più efficaci per il trattamento delle vampate di calore di quanto gli scienziati avessero pensato. I sintomi vasomotori si riferiscono a sudorazioni notturne, vampate di calore e vampate.

Pubblicità e progresso

Lo studio non ha utilizzato farmaci o estratti ormonali. Invece, il team di ricerca ha testato una combinazione di una dieta a base di piante a basso contenuto di grassi più 1/2 tazza di normali semi di soia aggiunti a un’insalata o una zuppa ogni giorno.

“Questo è un punto di svolta per le donne di età pari o superiore a 45 anni, la maggior parte delle quali ora sappiamo che può ottenere un rapido sollievo dai sintomi della menopausa più gravi e preoccupanti senza farmaci”, afferma il ricercatore capo Neal Barnard, MD, presidente del Comitato dei medici e coadiuvante professore alla George Washington University School of Medicine.

Ben l’80% delle donne in postmenopausa soffre di vampate di calore. Il calore sgorga dal petto, causando arrossamento, sudorazione e brividi. Di notte, le vampate di calore interferiscono con il sonno. I farmaci a base di estrogeni erano una volta usati di routine per trattare le vampate di calore, ma hanno dimostrato di aumentare il rischio di cancro al seno e altri gravi problemi. Gli estratti di isoflavoni dai semi di soia funzionano solo in modo modesto, lasciando alle donne e ai loro medici poche opzioni efficaci.

Dettagli dello studio

Le donne in postmenopausa che hanno riportato due o più vampate di calore al giorno sono state assegnate in modo casuale a un gruppo di intervento, costituito da una dieta vegana a basso contenuto di grassi, inclusa mezza tazza di semi di soia cotti al giorno, o a un gruppo di controllo che non ha apportato modifiche alla dieta. per 12 settimane. La frequenza e la gravità delle vampate di calore sono state registrate utilizzando un’applicazione mobile e i sintomi vasomotori, psicosociali, fisici e sessuali sono stati valutati utilizzando il questionario specifico sulla qualità della vita della menopausa (MENQOL).

Ad ogni partecipante è stata data una bilancia digitale autocalibrante per monitorare il peso corporeo giorno per giorno, un’app mobile per monitorare le vampate di calore in tempo reale e una pentola istantanea per preparare i semi di soia a casa. Ogni settimana, il gruppo si è riunito con il team di ricerca tramite Zoom.

“Studi precedenti hanno dimostrato che la soia potrebbe essere utile, quindi abbiamo deciso di mettere alla prova un cambiamento nella dieta”, afferma l’autrice dello studio Hana Kahleova, MD, PhD, direttore della ricerca clinica per il Comitato dei medici. “Crediamo che la combinazione sia ciò che è importante. Alla fine dello studio, la maggior parte delle donne che seguono una dieta a base vegetale ricca di soia ha riferito di non aver più avuto vampate di calore da moderate a estreme e di aver sperimentato miglioramenti significativi nella loro qualità di vita”.

Risultati chiave

Le vampate di calore totali sono diminuite del 79% e le vampate di calore da moderate a gravi sono diminuite dell’84% nel gruppo di intervento. Alla conclusione dello studio, il 59% dei partecipanti al gruppo di intervento ha riferito di essere libero da vampate di calore moderate e gravi. Non c’è stato alcun cambiamento in questa variabile nel gruppo di controllo.

In precedenti studi randomizzati, è stato dimostrato che i prodotti a base di soia riducono moderatamente la frequenza delle vampate di calore. I ricercatori teorizzano che l’effetto potrebbe essere il risultato di prodotti a base di soia contenenti isoflavoni, che possono essere metabolizzati dai batteri intestinali in equolo, un composto non steroideo che in alcuni studi ha dimostrato di ridurre l’incidenza e la gravità delle vampate di calore. Precedenti studi hanno anche dimostrato che coloro che seguono diete vegetariane o vegane producono livelli più elevati di equolo. Il nuovo studio ha mostrato una risposta più robusta, utilizzando la combinazione di una dieta a base vegetale più soia.

Molti partecipanti allo studio hanno anche riportato miglioramenti nei sintomi sessuali, nell’umore e nell’energia generale.

“Questo è stato fondamentalmente un salvavita per me”, ha detto un partecipante allo studio. “Ho recuperato la qualità della mia vita”. Un altro ha detto: “Sto dormendo meglio e le mie vampate di calore sono diminuite enormemente”. Diversi partecipanti hanno anche notato una significativa perdita di peso e una migliore digestione.
“Prima di passare a qualsiasi tipo di farmaco, proverei questa strada, perché è facile”, ha detto un partecipante allo studio. “Chiunque può farlo.”

Lo studio si è basato sul nuovo approccio ai sintomi della menopausa descritto dal Dr. Barnard nel suo libro Your Body in Balance . Dopo che il libro è stato pubblicato nel 2020, un lettore ha contattato il dottor Barnard per fargli sapere che il suo metodo ha eliminato le sue vampate di calore entro cinque giorni. Invece di usare estratti di isoflavoni o alimenti a base di soia come latte di soia o tofu, ha usato semi di soia interi.

###

Fondato nel 1985, il Comitato dei medici per la medicina responsabile è un’organizzazione senza scopo di lucro che promuove la medicina preventiva, conduce ricerche cliniche e incoraggia standard più elevati di etica ed efficacia nell’istruzione e nella ricerca.

Categorie:Vivo col Diabete

Con tag:

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.