Assistenza sociosanitaria

Declino cognitivo nel diabete di tipo 1 di lunga data: un importante studio su Lancet Diabetes & Endocrinology

angels, demographic decline, girls

Photo by JerzyGorecki on Pixabay

Declino cognitivo nel diabete di tipo 1 di lunga data: un ruolo per l’ipoglicemia grave

Il Diabetes Control and Complications Trial (DCCT) e il suo follow-up a lungo termine, lo studio Epidemiology of Diabetes Interventions and Complications (EDIC), hanno influenzato radicalmente la gestione del diabete di tipo 1 mostrando l’importanza fondamentale di uno stretto controllo glicemico nella prevenzione delle  complicazioni del diabete tipo 1 . 1. La funzione cognitiva, che è stata valutata al basale, è stata seguita longitudinalmente, senza che siano state osservate anomalie significative a 2 e 5 anni e solo anomalie minori dopo 18 anni. 2 , 3 Alan Jacobson e colleghi ora presentano il follow-up di 32 anni della funzione cognitiva in 1051 persone della coorte DCCT originale. 4 In questo documento, pubblicato in The Lancet diabetes ed endocrinology , i potenziali ruoli delle varie caratteristiche biomediche sulla funzione cognitiva sono stati riesaminata, incluso il controllo glicemico (valutati da HbA 1c ), la pressione sanguigna e la frequenza di ipoglicemia grave. 4 Il DCCT ha fornito una pletora di preziose informazioni sulla storia naturale del diabete di tipo 1 con molte informazioni di valore intrinseco per l’assistenza clinica e questo rapporto fornisce importanti osservazioni a lungo termine.

Pubblicità e progresso

Calo delle prestazioni cognitive negli anziani con diabete di tipo 1: risultati di 32 anni di follow-up nello studio DCCT e EDIC

Con un trattamento migliore, le persone con diabete di tipo 1 vivono più a lungo, ma ci sono informazioni limitate sugli effetti del diabete di tipo 1 sulle capacità cognitive man mano che diventano anziani. Un pool di medici diabetologi USA ha seguito gli individui con diabete di tipo 1 per identificare fattori di rischio indipendenti per il declino cognitivo con l’età.
metodi.

1051 partecipanti con diabete di tipo 1 arruolati nel Diabetes Control and Complications Trial (DCCT) e nel suo studio di follow-up Epidemiology of Diabetes Interventions and Complications (EDIC). I partecipanti hanno completato le valutazioni cognitive al basale (età media 27 anni) e 2, 5, 18 e 32 anni dopo (età media 59). Sono stati valutati ripetutamente i livelli di HbA1c , la frequenza di ipoglicemia grave, i fattori di rischio non glicemici come l’elevata pressione sanguigna e le complicanze microvascolari e macrovascolari. I ricercatori hanno esaminato gli effetti di questi sulle misure della memoria e dell’efficienza psicomotoria e mentale. Questi studi sono registrati con Clinicaltrials.gov , NCT00360815 (DCCT) e NCT00360893 (EDIC).

Risultati
In 32 anni di follow-up, i ricercatori hanno riscontrato un calo sostanziale della memoria e dell’efficienza psicomotoria e mentale. Tra i 18 e i 32 anni di follow-up, il declino dell’efficienza psicomotoria e mentale è stato cinque volte maggiore del cambiamento dal basale all’anno 18. Indipendentemente dagli altri fattori di rischio e comorbilità, esposizione a livelli più elevati di HbA 1c , più episodi di grave l’ipoglicemia e l’elevata pressione sanguigna sistolica erano associate a maggiori decrementi dell’efficienza psicomotoria e mentale, che erano più evidenti entro il 32° anno (p<0,0001). L’effetto combinato della presenza di questi tre fattori di rischio equivale a 9,4 anni in più.

Interpretazione
La funzione cognitiva diminuisce con l’invecchiamento nel diabete di tipo 1. L’associazione della glicemia e dei livelli di pressione sanguigna con il declino cognitivo suggerisce che una migliore gestione potrebbe preservare la funzione cognitiva.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.