Equilibrio

Qual è la relazione tra diabete tipo 2 e demenza?

A causa dei crescenti tassi di obesità, inattività e invecchiamento della popolazione, il diabete di tipo 2 è più diffuso che mai nella nostra società. Nei paesi ad alto reddito, i decessi per diabete sono diminuiti dal 2000 al 2010, ma poi sono aumentati dal 2010 al 2016, portando a un aumento complessivo del 5% delle morti premature dal 2000. Particolarmente preoccupante è che il diabete di tipo 2 viene ora osservato frequentemente nei bambini , a causa della loro obesità e inattività.

Sostienici con un acquisto o donazione

È noto da molti anni che il diabete di tipo 2 aumenta il rischio di ictus e malattie cardiache. Studi più recenti hanno dimostrato che il diabete aumenta anche il rischio di demenza.

Ciò che non è stato studiato in precedenza, tuttavia, è se l’età di insorgenza del diabete fa la differenza nel rischio di sviluppare demenza.

Nuova ricerca sull’età di insorgenza del diabete e il rischio di sviluppare demenza

Uno studio appena pubblicato ha esaminato l’associazione tra l’età di insorgenza del diabete e lo sviluppo della demenza utilizzando un ampio studio di coorte in corso. La coorte è stata istituita nel 1985-88 tra 10.308 dipendenti di età compresa tra 35 e 55 anni (33% donne, 88% bianchi) nei dipartimenti governativi con sede a Londra. I dati sull’esposizione al diabete, inclusa la glicemia a digiuno e il punteggio di rischio del diabete finlandese, sono stati ottenuti all’età di 55, 60, 65 e 70 anni. (Il punteggio di rischio del diabete finlandese include età, storia familiare di diabete, storia personale di glicemia elevata, frutta e consumo di verdura, farmaci per la pressione sanguigna, attività fisica, indice di massa corporea e circonferenza della vita misurata.)

La demenza per qualsiasi causa era l’end point primario. Oltre al diabete, hanno anche esaminato gli effetti di età, sesso, razza, fumo, consumo di alcol, attività fisica, consumo di frutta e verdura, ipertensione, indice di massa corporea, malattie coronariche, insufficienza cardiaca, ictus, farmaci e il gene del fattore di rischio di Alzheimer, l’apolipoproteina E.

Gli effetti a lungo termine del diabete sulla demenza

Dal 1985 al 2019 sono stati registrati 1.710 casi di diabete e 639 casi di demenza. Per ogni 1.000 persone, esaminate ogni anno, i tassi di demenza erano 8,9 in quelli senza diabete all’età di 70 anni. I tassi comparabili di demenza per quelli con diabete erano 10,0 per quelli con esordio fino a cinque anni prima, 13,0 per sei a 10 anni prima, e 18.3 per più di 10 anni prima. Questi risultati sorprendenti mostrano chiaramente che prima si sviluppa il diabete, maggiore è il rischio di sviluppare la demenza.

Come il diabete può portare alla demenza

Ci sono molte ragioni per cui anni di diabete di tipo 2 possono portare alla demenza. Una ragione è legata agli effetti che il diabete ha sul cuore, poiché la salute del cuore è correlata alla salute del cervello . Le malattie cardiache e l’ ipertensione sono entrambe associate a ictus che, a loro volta, possono portare alla demenza. Tuttavia, gli ictus non sembrano essere la risposta completa, poiché alcuni studi hanno scoperto che il diabete ha portato ad un aumento del rischio di demenza anche quando gli ictus sono stati controllati per .

Un altro fattore riguarda gli episodi di ipoglicemia che comunemente si verificano nel diabete. Sebbene sia stato dimostrato che uno stretto controllo degli zuccheri nel sangue riduce i rischi a lungo termine di malattie cardiache e ictus, un controllo stretto può anche portare a ipoglicemia, perdita di memoria e demenza . Qui, il motivo è probabilmente perché è noto che i bassi livelli di zucchero nel sangue danneggiano l’ippocampo, il centro della memoria del cervello .

Una delle ipotesi più intriganti è che il diabete causi direttamente il morbo di Alzheimer . In effetti, la malattia di Alzheimer è stata persino chiamata “diabete di tipo 3” a causa delle caratteristiche molecolari e cellulari condivise tra diabete e Alzheimer. Ad esempio, l’insulina svolge un ruolo fondamentale nella formazione delle placche amiloidi e l’insulina è anche coinvolta nella fosforilazione della tau, che porta a grovigli neurofibrillari. In altre parole, mentre l’insulino-resistenza nel corpo può portare al diabete di tipo 2, l’insulino-resistenza nel cervello può portare alle placche e ai grovigli del morbo di Alzheimer.

Riduci il rischio di diabete e demenza

La buona notizia è che puoi ridurre il rischio di diabete di tipo 2 e il rischio di demenza. Parla con il tuo medico oggi se le seguenti modifiche allo stile di vita sarebbero giuste per te. Nota che questi cambiamenti di vita sono utili anche se hai una diagnosi di diabete o prediabete .

Infine, le attività sociali, un atteggiamento positivo, l’apprendimento di cose nuove e la musica possono aiutare il cervello a funzionare al meglio e ridurre il rischio di demenza.

Come servizio per i nostri lettori, Harvard Health Publishing fornisce l’accesso alla nostra libreria di contenuti archiviati. Si prega di notare la data dell’ultima revisione o aggiornamento su tutti gli articoli. Nessun contenuto di questo sito, indipendentemente dalla data, deve mai essere utilizzato come sostituto del consiglio medico diretto del proprio medico o di un altro medico qualificato.

Sostienici con un acquisto o donazione
Sostienici con un acquisto o donazione

Categorie:Equilibrio

Con tag:,