Complicanze varie/eventuali

Lo studio collega il declino cognitivo sia alla perdita ossea che al rischio di frattura

angels, demographic decline, girls

Photo by JerzyGorecki on Pixabay

Una nuova ricerca pubblicata sul Journal of Bone and Mineral Research ha scoperto che il declino cognitivo è collegato a una perdita ossea accelerata e a un aumento del rischio di fratture nelle donne.

Nello studio su 1.741 donne e 620 uomini di età ?65 anni senza demenza che sono stati seguiti dal 1997 al 2013, entrambi i sessi hanno sperimentato cali simili nella funzione cognitiva e nella massa ossea.

Pubblicità e progresso

Dopo gli aggiustamenti, il declino cognitivo è stato associato alla perdita ossea nelle donne ma non negli uomini. Inoltre, un declino cognitivo significativo e clinicamente importante nelle donne è stato associato a un rischio 1,7 volte maggiore di fratture ossee nei successivi 10 anni.

In particolare, la relazione tra perdita ossea e declino cognitivo era bidirezionale senza evidenza di una precedente all’altra. La relazione tra declino cognitivo, perdita ossea e rischio di frattura nelle donne può essere guidata da fattori di rischio condivisi.

“Questi risultati possono aiutare a perfezionare le linee guida sulle pratiche cliniche su come monitorare la perdita ossea e il declino cognitivo in età avanzata, per garantire un trattamento appropriato ed efficace”, ha affermato l’autore principale Dana Bliuc, PhD, MD, del Garvan Institute of Medical Research, in Australia. “Ciò è particolarmente importante perché sia ??la perdita ossea che il declino cognitivo sono “condizioni silenziose” che possono passare inosservate per lunghi periodi di tempo, spesso fino a quando le condizioni non sono notevolmente peggiorate”.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.