Terapie

Nuovo trattamento dietetico per l’epilessia ben tollerato e convulsioni ridotte

È stato completato con successo il primo studio clinico di un nuovo trattamento dietetico per bambini e adulti con forme gravi di epilessia, sviluppato in collaborazione dai ricercatori dell’UCL e basato sulla dieta chetogenica.

Per lo studio, pubblicato su Brain Communications , i medici hanno valutato l’uso di K.Vita®, (noto anche come Betashot), un integratore alimentare liquido orale sviluppato da UCL in collaborazione con Royal Holloway, Università di Londra e Vitaflo International Ltd.

Pubblicità e progresso

La dieta chetogenica (KD) consiste in un consumo di proteine ??ad alto contenuto di grassi, basso contenuto di carboidrati e adeguato e imita lo stato di digiuno, alterando il metabolismo per utilizzare il grasso corporeo come fonte primaria di carburante. Questo passaggio dai carboidrati al grasso per il carburante del corpo è noto come chetosi.

È ampiamente usato per trattare le epilessie resistenti ai farmaci. Tuttavia, la dieta altamente restrittiva, che può causare stitichezza, ipoglicemia e problemi di stomaco, può avere una scarsa compliance e non è adatta a tutti. Alcuni integratori KD sono anche noti per essere poco appetibili.

K.Vita si basa su nuove scoperte dei ricercatori dell’UCL*, che hanno scoperto un diverso meccanismo sottostante per spiegare perché la KD è efficace contro l’epilessia; nello sviluppo di un nuovo trattamento, i ricercatori hanno anche cercato di ridurre gli effetti collaterali negativi causati dalla KD.

L’autore corrispondente, il professor Matthew Walker (UCL Queen Square Institute of Neurology) ha dichiarato: “La dieta chetogenica è stata utilizzata per 100 anni per trattare l’epilessia, aiutando a ridurre le convulsioni sia nei bambini che negli adulti.

“Si è pensato a lungo che la dieta fosse efficace grazie alla sua produzione di chetoni**, tuttavia ora crediamo che l’aumento dei livelli di acido grasso, acido decanoico, prodotto anche dalla dieta, possa fornire i potenti effetti anticonvulsivanti.

“In questo studio abbiamo valutato un integratore di trigliceridi a catena media (tipo di grasso alimentare) di nuova concezione, progettato per aumentare i livelli di acido decanoico, riducendo anche gli effetti collaterali negativi e per essere più appetibile”.

Per la prova di fattibilità, i ricercatori hanno voluto stabilire la tolleranza dei partecipanti (effetti collaterali come gonfiore o crampi) al trattamento, accettabilità (sapore, consistenza, gusto) e conformità (quanto è facile usare K.Vita alla quantità consigliata, come parte della loro dieta quotidiana).

Come esiti secondari, hanno anche monitorato la frequenza delle crisi epilettiche o degli eventi parossistici (crisi, attacchi, convulsioni) e se la produzione di chetoni era diminuita.

In totale, 35 bambini (di età compresa tra 3 e 18 anni) con epilessia geneticamente causata e notoriamente non responsivi ai farmaci, e 26 adulti con epilessia farmacoresistente*** (DRE), hanno ricevuto integratori liquidi di K.Vita (una bevanda), da assumere con i pasti. È stato anche chiesto loro di limitare gli alimenti e le bevande zuccherate altamente raffinate dalla loro dieta.

Lo studio è durato 12 settimane con trattamenti K.Vita che sono aumentati in modo incrementale nel tempo, tenendo conto della tolleranza degli individui al trattamento.

In totale, 23/35 (66%) bambini e 18/26 (69%) adulti hanno completato lo studio, cioè hanno continuato a prendere K.Vita a 12 settimane. I disturbi gastrointestinali sono stati la ragione principale dell’interruzione e la loro incidenza è diminuita nel tempo

Oltre tre quarti dei partecipanti/caregiver hanno riferito favorevolmente sugli attributi sensoriali, come gusto, consistenza e aspetto e facilità d’uso.

Per quanto riguarda gli esiti secondari, c’è stata una riduzione media del 50% di convulsioni o eventi parossistici e meno del 10% delle persone a dieta ha prodotto chetoni significativi.

Commentando i risultati, il professor Walker, che è anche consulente neurologo presso il National Hospital for Neurology and Neurosurgery, ha dichiarato: “Il nostro studio fornisce prove precoci della tollerabilità e dell’efficacia di un nuovo integratore alimentare nelle epilessie gravi resistenti ai farmaci negli adulti e bambini e fornisce un’ulteriore opzione di trattamento in queste condizioni devastanti.

“Offre anche una dieta alternativa, più liberale, per coloro che non possono tollerare o non hanno accesso alle diete chetogeniche”.

Ha aggiunto: “Anche se questo studio non è stato progettato per includere un numero sufficiente di pazienti per valutare appieno gli effetti del supplemento sulle convulsioni, è interessante segnalare che c’è stata una riduzione statisticamente significativa del numero di convulsioni nel gruppo complessivo dopo tre mesi di trattamento.

“Inoltre, livelli elevati di chetoni non sono stati osservati in oltre il 90% dei partecipanti. Ciò indica che l’effetto della dieta era indipendente dalla chetosi; questo è importante perché alti livelli di chetoni nelle diete chetogeniche contribuiscono sia a breve che a lungo termine. effetti collaterali.”

La prima autrice, la dott.ssa Natasha Schoeler, dietista di ricerca presso l’UCL Great Ormond Street Institute of Child Health, ha commentato: “Questo nuovo approccio dietetico per la gestione dell’epilessia comporta il rispetto dei principi di una dieta sana ed equilibrata insieme all’uso di K.Vita, consentendo una maggiore libertà alimentare rispetto alle diete chetogeniche. Il nostro approccio richiede anche molto meno input da parte di un dietologo specialista rispetto a quanto richiesto dalle diete chetogeniche tradizionali, e quindi può consentire un accesso più diffuso alle persone con epilessia resistente ai farmaci”.

I ricercatori affermano che sono ora necessari studi più ampi e controllati su K.Vita per determinare le epilessie e le condizioni precise in cui l’integratore è più efficace.

###

I pazienti sono stati reclutati dal Great Ormond Street Hospital, dal Chalfont Center for Epilepsy e dal National Hospital for Neurology and Neuroscience, parte dell’UCLH. Lo studio è stato finanziato da VitaFlo International Ltd.

* Tradizionalmente si pensava che il KD aiutasse a prevenire le convulsioni attraverso la scomposizione dei grassi, imitando la fame. Tuttavia, nell’ultimo decennio, i ricercatori dell’UCL e della Royal Holloway, Università di Londra, hanno dimostrato che i grassi stessi nella dieta possono prevenire le convulsioni. Ciò ha consentito lo sviluppo di un nuovo trattamento dietetico per l’epilessia che non dipende da un regime dietetico rigoroso. Recensione pubblicata su Lancet Neurology

**Il chetone è la sostanza chimica prodotta dal fegato quando scompone i grassi. Il corpo utilizza i chetoni per produrre energia in genere durante il digiuno, lunghi periodi di esercizio o quando non si hanno tanti carboidrati

*** Epilessia resistente ai farmaci (DRE) è un termine usato per descrivere quando prove adeguate di due farmaci antiepilettici (AED) non sono riuscite a controllare le crisi di una persona. Alcune persone si riferiscono a questo anche come epilessia “refrattaria”, “intrattabile” o “incontrollata”.

Categorie:Terapie

Con tag: