Vista e dintorni

L’ONU adotta la prima risoluzione sulla vista, punta ad aiutare 1 miliardo di persone con disabilità visive

In questa foto d’archivio di sabato 29 maggio 2021, un ragazzo viene sottoposto a un esame della vista eseguito da oftalmologi volontari, a Nucsoara, in Romania. L’Assemblea generale delle Nazioni Unite ha approvato la sua prima risoluzione sulla vista venerdì 23 luglio 2021 invitando i suoi 193 paesi membri a garantire l’accesso alle cure oculistiche per tutti nei loro paesi, il che contribuirebbe a uno sforzo globale per aiutare almeno 1,1 miliardi di persone con disabilità visive che attualmente mancano di servizi oculistici entro il 2030. La risoluzione “Vision for Everyone”, sponsorizzata da Bangladesh, Antigua e Irlanda e co-sponsorizzata da oltre 100 paesi, è stata adottata per consenso dall’organismo mondiale. Credito: AP Photo/Vadim Ghirda, File

(AFP) Notizia per i menefreghisti del Bel Paese. Venerdì l’Assemblea generale delle Nazioni Unite ha approvato la sua prima risoluzione sulla vista, invitando i suoi 193 paesi membri a garantire l’accesso alle cure oculistiche per tutti nei loro paesi, il che contribuirebbe a uno sforzo globale per aiutare almeno 1,1 miliardi di persone con disabilità visive che attualmente mancanza di servizi oculistici entro il 2030.

La risoluzione “Vision for Everyone”, sponsorizzata da Bangladesh, Antigua e Irlanda e co-sponsorizzata da oltre 100 paesi, è stata adottata per consenso dall’organismo mondiale.

Pubblicità e progresso

Incoraggia i paesi a istituire un “approccio dell’intero governo alla cura degli occhi”. E invita le istituzioni finanziarie internazionali e i donatori a fornire finanziamenti mirati, in particolare per i paesi in via di sviluppo, per affrontare il crescente impatto della perdita della vista sullo sviluppo economico e sociale .

Secondo la risoluzione, “almeno 2 miliardi di persone vivono con problemi di vista o cecità e 1,1 miliardi di persone hanno problemi di vista che avrebbero potuto essere prevenuti o devono ancora essere affrontati”.

“Si prevede che le esigenze globali di cure oculistiche aumenteranno in modo sostanziale, con la metà della popolazione globale che dovrebbe vivere con problemi di vista entro il 2050”, afferma la risoluzione.

L’ambasciatore delle Nazioni Unite del Bangladesh Rabab Fatima ha presentato la risoluzione, sottolineando la sua prima attenzione in assoluto sulla visione e definendola “un riconoscimento da tempo atteso del ruolo centrale che una visione sana gioca nella vita umana e per lo sviluppo sostenibile”.

Ha detto che oltre il 90% degli 1,1 miliardi di persone in tutto il mondo con perdita della vista vive in paesi a basso e medio reddito, aggiungendo che il 55% dei non vedenti sono donne e ragazze.

In media, la perdita della vista costa all’economia globale “una quantità impressionante di 411 miliardi di dollari di produttività ogni anno”, ha detto Fatima. E l’accesso ai servizi oculistici può aumentare la spesa per capitale delle famiglie dell’88% “e le probabilità di ottenere un lavoro retribuito del 10%”.

Sebbene le risoluzioni dell’Assemblea Generale non siano giuridicamente vincolanti, riflettono l’opinione globale.

Fatima ha affermato che è fondamentale per l’assemblea trasmettere “l’impegno inequivocabile delle Nazioni Unite a garantire strutture oculistiche adeguate per tutti, ovunque, per prevenire condizioni che possono portare a danni gravi e permanenti”.

Ha definito la risoluzione “un’opportunità per cambiare la vita di milioni di persone che vivono nella cecità o con problemi di vista”.

La risoluzione sottolinea che l’accesso alle cure oculistiche è essenziale per raggiungere gli obiettivi delle Nazioni Unite per il 2030 per porre fine alla povertà e alla fame, garantire una vita sana e un’istruzione di qualità e ridurre le disuguaglianze.

Invita tutte le nazioni a mobilitare risorse e sostegno per garantire cure oculistiche a tutte le persone nei loro paesi, al fine di raggiungere almeno 1,1 miliardi di persone in tutto il mondo “che hanno problemi di vista e attualmente non hanno accesso ai servizi di cura degli occhi che loro bisogno” entro il 2030.

Il filantropo di Hong Kong James Chen, fondatore della campagna Clearly per promuovere la visione globale che ha fatto campagna per la risoluzione negli ultimi due decenni, l’ha definita “una pietra miliare significativa” e “un passo preliminare fondamentale” per raggiungere gli obiettivi delle Nazioni Unite.

“Il primo passo, ora, è garantire che i governi seguano il loro impegno nell’azione” e “considerano la correzione della vista come un’assistenza sanitaria essenziale, insieme ad altre priorità come la pianificazione familiare e l’immunizzazione infantile”, ha affermato in una dichiarazione all’Associated Press.

Con questo tipo di impegno da parte di governi e organizzazioni non governative, “gli occhiali sono convenienti e la loro distribuzione è risolvibile” e l’ambiziosa scadenza delle Nazioni Unite per il 2030 può essere rispettata, ha affermato Chen, presidente della Chen Yet-Sen Family Foundation.

Categorie:Vista e dintorni

Con tag: