Sport e movimento

Esercizio e malattie croniche: scopri i fatti

Woman in black sports bra and black shorts jumping on air under blue sky Photo by Maksim Goncharenok on Pexels

Se hai una condizione cronica, potresti avere domande sull’esercizio fisico. Quanto spesso puoi allenarti? Quali esercizi sono sicuri? Comprendere le basi dell’esercizio fisico e delle malattie croniche.

A cura del personale della Mayo Clinic

 

Se hai una malattia cronica, come una patologia cardiaca, diabete, asma o dolore alla schiena o alle articolazioni: l’esercizio fisico può avere importanti benefici per la salute. Tuttavia, è importante parlare con il medico prima di iniziare una routine di esercizi. Lui o lei potrebbe avere consigli su quali esercizi sono sicuri e tutte le precauzioni che potresti dover prendere durante l’esercizio.

Scopri cosa devi sapere sull’esercizio fisico e sulle malattie croniche.

Pubblicità e progresso

In che modo l’esercizio fisico può migliorare una condizione cronica?

Se hai una condizione cronica, un regolare esercizio fisico può aiutarti a gestire i sintomi e migliorare la tua salute.

L’esercizio aerobico può aiutare a migliorare la salute e la resistenza del cuore e aiutare nella perdita di peso. L’allenamento a intervalli ad alta intensità è generalmente sicuro ed efficace per la maggior parte delle persone e può richiedere meno tempo. Nell’allenamento ad intervalli ad alta intensità, si alternano l’esercizio ad alta intensità e l’esercizio a un livello meno intenso per brevi periodi di tempo. Anche attività come camminare a intensità più elevate contano.

L’allenamento della forza può migliorare la forza e la resistenza muscolare, rendere più facile lo svolgimento delle attività quotidiane, rallentare il declino della forza muscolare correlato alla malattia e fornire stabilità alle articolazioni.

Gli esercizi di flessibilità possono aiutarti ad avere una gamma di movimento ottimale delle articolazioni, in modo che possano funzionare al meglio, e gli esercizi di stabilità possono aiutare a ridurre il rischio di cadute.

Per esempio:

  • Malattia del cuore. L’esercizio fisico regolare può aiutare a migliorare la salute del cuore. Recenti studi hanno dimostrato che l’interval training è spesso ben tollerato nelle persone con malattie cardiache e può produrre benefici significativi.Per le persone con pressione alta, l’esercizio fisico può ridurre il rischio di morte per malattie cardiache e il rischio di progressione delle malattie cardiache.
  • Diabete. L’esercizio fisico regolare può aiutare l’insulina a ridurre in modo più efficace il livello di zucchero nel sangue. L’attività fisica può anche aiutarti a controllare il tuo peso e aumentare la tua energia. Se hai il diabete di tipo 2, l’esercizio fisico può ridurre il rischio di morire di malattie cardiache.
  • Asma. Spesso, l’esercizio fisico può aiutare a controllare la frequenza e la gravità degli attacchi d’asma.
  • Mal di schiena. Attività aerobiche regolari a basso impatto possono aumentare la forza e la resistenza della schiena e migliorare la funzione muscolare. Gli esercizi per i muscoli addominali e della schiena (esercizi di rafforzamento del core) possono aiutare a ridurre i sintomi rafforzando i muscoli intorno alla colonna vertebrale.
  • Artrite. L’esercizio fisico può ridurre il dolore, aiutare a mantenere la forza muscolare nelle articolazioni colpite e ridurre la rigidità articolare. Può anche migliorare la funzione fisica e la qualità della vita per le persone che hanno l’artrite.
  • Cancro. L’esercizio fisico può migliorare la qualità della vita delle persone che hanno avuto il cancro e può anche migliorare la loro forma fisica. L’esercizio fisico può anche ridurre il rischio di morire di cancro al seno, al colon-retto e alla prostata.
  • Demenza. L’esercizio fisico può migliorare la cognizione nelle persone con demenza e le persone che sono attive regolarmente sono a minor rischio di demenza e deterioramento cognitivo.

Quali esercizi sono sicuri?

Il medico potrebbe consigliare esercizi specifici per ridurre il dolore o aumentare la forza. A seconda delle tue condizioni, potresti anche dover evitare del tutto determinati esercizi o durante le riacutizzazioni. In alcuni casi, potrebbe essere necessario consultare un fisioterapista o un terapista occupazionale prima di iniziare a fare esercizio.

Se soffri di lombalgia, ad esempio, potresti scegliere attività aerobiche a basso impatto, come camminare e nuotare. Questi tipi di attività non affaticano e non scuotono la schiena.

Se soffri di asma indotta dall’esercizio, assicurati di tenere un inalatore a portata di mano mentre ti alleni.

Se hai l’artrite, gli esercizi più adatti a te dipenderanno dal tipo di artrite e dalle articolazioni coinvolte. Collabora con il tuo medico o un fisioterapista per creare un piano di esercizi che ti darà il massimo beneficio con il minimo aggravamento delle articolazioni.

Con quale frequenza, quanto e con quale intensità posso allenarmi in sicurezza?

Prima di iniziare una routine di esercizi, è importante parlare con il medico di quanto possono essere lunghe le sessioni di allenamento e di quale livello di intensità è sicuro per te.

In generale, cerca di accumulare circa 30 minuti di attività fisica al giorno almeno cinque giorni alla settimana. Ad esempio, prova a camminare a passo svelto per circa 30 minuti quasi tutti i giorni della settimana. Puoi anche suddividere l’attività fisica in brevi periodi di tempo distribuiti nell’arco della giornata. Qualsiasi attività è meglio di nessuna.

Se non sei in grado di svolgere tutta questa attività, fallo più che puoi. Anche un’ora alla settimana di attività fisica può avere benefici per la salute. Inizia muovendoti di più e sedendoti di meno, e fatti strada fino a muoverti di più ogni giorno.

Se non sei stato attivo per un po’, inizia lentamente e aumenta gradualmente. Chiedi al tuo medico che tipo di obiettivi di esercizio puoi impostare in sicurezza per te stesso mentre avanzi.

Devo eseguire passaggi speciali prima di iniziare?

A seconda delle tue condizioni, il medico potrebbe raccomandare alcune precauzioni prima dell’esercizio.

Se hai il diabete, ad esempio, tieni presente che l’attività fisica abbassa la glicemia. Controlla il livello di zucchero nel sangue prima di qualsiasi attività. Se prendi insulina o farmaci per il diabete che abbassano la glicemia, potresti aver bisogno di fare uno spuntino prima di allenarti per aiutare a prevenire l’ipoglicemia.

Se soffri di artrite, considera di fare una doccia calda prima di allenarti. Il calore può rilassare le articolazioni e i muscoli e alleviare il dolore che potresti avere prima di iniziare. Inoltre, assicurati di scegliere scarpe che forniscano assorbimento degli urti e stabilità durante l’esercizio.

Che tipo di disagio posso aspettarmi?

Parla con il tuo medico del tipo di disagio che potresti aspettarti durante o dopo l’esercizio, nonché di eventuali suggerimenti per ridurre al minimo il dolore. Scopri quale tipo o grado di dolore potrebbe essere normale e quale potrebbe essere un segno di qualcosa di più serio.

Se hai una malattia cardiaca, ad esempio, i segni o i sintomi che dovresti interrompere l’esercizio includono vertigini, mancanza di respiro insolita, dolore al petto o battito cardiaco irregolare.

Cos’altro devo sapere?

Iniziare una routine di allenamento regolare può essere difficile.

Per aiutarti a rispettare la tua routine, prendi in considerazione l’esercizio con un amico. Potresti anche chiedere al tuo medico di consigliare un programma di esercizi per le persone che hanno la tua condizione, magari attraverso un ospedale, una clinica o un centro benessere locale.

Per rimanere motivato, scegli attività divertenti, fissa obiettivi realistici e celebra i tuoi progressi.

Condividi eventuali dubbi che potresti avere sul tuo programma di esercizi, dall’inizio al mantenerlo, con il tuo medico.

Riferimenti

  1. Riebe D, et al., eds. Linee guida ACSM per test da sforzo e prescrizione. 10a ed. Philadelphia, Pennsylvania: Wolters Kluwer Health Lippincott Williams & Wilkins; 2018.
  2. Esercizio e artrite. Collegio Americano di Reumatologia. http://www.rheumatology.org/practice/clinical/patients/diseases_and_conditions/exercise.asp. Consultato il 6 giugno 2018.
  3. Linee guida sull’attività fisica per gli americani. 2a ed. Dipartimento della salute e dei servizi umani degli Stati Uniti. https://health.gov/paguidelines/second-edition. Consultato il 4 dicembre 2018.
  4. Suggerimenti per iniziare l’attività fisica. Istituto Nazionale di Diabete e Malattie Digestive e Renali. https://www.niddk.nih.gov/health-information/weight-management/tips-get-active/tips-starting-physical-activity. Consultato il 5 giugno 2018.
  5. Fare attività fisica. Associazione americana del cuore. http://www.heart.org/HEARTORG/Conditions/More/CardiacRehab/Getting-Physically-Active_UCM_307097_Article.jsp#.WxGyIeR1rIU%20\. Consultato il 5 giugno 2018.
  6. Morey MC. Attività fisica ed esercizio fisico negli anziani. https://www.uptodate.com/contents/search. Consultato il 5 giugno 2018.
  7. SchurPH, et al. Terapie non farmacologiche e misure preventive per i pazienti con artrite reumatoide. https://www.uptodate.com/contents/search. Consultato il 21 ottobre 2020.
  8. Chiedi a MayoExpert. Attività fisica (adulto). Rochester, Minnesota: Fondazione Mayo per l’educazione e la ricerca medica; 2017.
  9. Moore GE, et al. Gestione dell’esercizio di ACSM per le persone con malattie e disabilità croniche. 4a ed. Champaign, Ill.: Cinetica umana; 2016.

Categorie:Sport e movimento

Con tag:,