Batticuore

Tra i farmaci antipertensivi efficaci, la scelta meno popolare è leggermente più sicura

Pill isolated on white background with clipping path

Due tipi di farmaci raccomandati come primo trattamento per i pazienti con ipertensione sono risultati ugualmente efficaci nel migliorare gli esiti cardiovascolari, ma il tipo più popolare causa leggermente più effetti collaterali, rileva uno studio osservazionale multinazionale condotto da ricercatori della Columbia University Vagelos College of Physicians and Surgeons.

Lo studio, che ha analizzato le affermazioni e i dati sanitari elettronici di milioni di pazienti in tutto il mondo, è il più grande per confrontare la sicurezza e l’efficacia degli inibitori dell’enzima di conversione dell’angiotensina (ACE) e dei bloccanti del recettore dell’angiotensina (ARB), due farmaci antipertensivi comunemente prescritti.

Pubblicità e progresso

“I medici negli Stati Uniti e in Europa prescrivono in modo schiacciante gli ACE-inibitori, semplicemente perché i farmaci sono in circolazione da più tempo e tendono ad essere meno costosi degli ARB”, afferma George Hripcsak, MD, professore di Vivian Beaumont Allen e presidente di informatica biomedica alla Columbia University Vagelos College of Physicians and Surgeons e autore senior dello studio.

“Ma il nostro studio mostra che gli ARB sono associati a meno effetti collaterali rispetto agli ACE-inibitori. Lo studio si è concentrato sui neoassunti di questi farmaci. Se stai appena iniziando una terapia farmacologica per l’ipertensione, potresti considerare di provare prima un ARB. Se stai stai già assumendo un ACE-inibitore e non stai avendo alcun effetto collaterale, non abbiamo riscontrato nulla che indichi la necessità di un cambiamento”.

Lo studio è stato pubblicato online su Hypertension .

Restringere le scelte

Una volta che un medico decide di prescrivere farmaci per controllare l’ipertensione di un paziente, la decisione successiva, quale scegliere, è complicata.

“Le linee guida statunitensi ed europee sull’ipertensione elencano 30 farmaci da cinque diverse classi di farmaci come possibili scelte, ma ci sono pochissimi studi diretti per aiutare i medici a determinare quali sono i migliori”, afferma Hripcsak. “Nella nostra ricerca, stiamo cercando di colmare questa lacuna di informazioni con dati osservativi del mondo reale”.

Gli ACE-inibitori e gli ARB sono tra le scelte e hanno un meccanismo d’azione simile. Entrambi riducono il rischio di ictus e infarto, sebbene sia noto che gli ACE-inibitori sono associati a un aumento del rischio di tosse e angioedema (grave gonfiore del viso e delle vie aeree).

“Volevamo vedere se ci fossero state sorprese: entrambe le classi di farmaci erano ugualmente efficaci e gli ARB producevano effetti collaterali inaspettati se usati nel mondo reale?” dice Hripcsak. “È improbabile che vedremo studi clinici testa a testa che confrontino i due poiché siamo ragionevolmente sicuri che entrambi siano efficaci”.

Le cartelle cliniche elettroniche forniscono una risposta

I ricercatori si sono invece rivolti a grandi database per rispondere alle loro domande. Hanno analizzato le richieste di risarcimento e le cartelle cliniche elettroniche di circa 3 milioni di pazienti in Europa, Corea e Stati Uniti che stavano iniziando un trattamento antipertensivo con un ACE inibitore o un ARB.

I dati delle cartelle cliniche elettroniche e dei reclami assicurativi sono difficili da utilizzare nella ricerca. Possono essere imprecisi, incompleti e contenere informazioni che distorcono i risultati. Quindi i ricercatori hanno impiegato una varietà di tecniche matematiche all’avanguardia sviluppate dalla rete collaborativa Observational Health Data Science and Informatics (OHDSI) per ridurre drasticamente i pregiudizi e bilanciare i due gruppi di trattamento come se fossero stati arruolati in uno studio prospettico.

Utilizzando questo approccio, i ricercatori hanno monitorato quattro esiti cardiovascolari – infarto, insufficienza cardiaca, ictus e morte cardiaca improvvisa – e 51 eventi avversi nei pazienti dopo l’inizio del trattamento antipertensivo.

I ricercatori hanno scoperto che alla stragrande maggioranza dei pazienti – 2,3 milioni – è stato prescritto un ACE inibitore. Non ci sono state differenze significative tra le due classi di farmaci nel ridurre il rischio di complicanze cardiovascolari maggiori nelle persone con ipertensione. I pazienti che assumevano ACE-inibitori avevano un rischio più elevato di tosse e angioedema, ma lo studio ha anche scoperto che avevano un rischio leggermente più elevato di pancreatite e sanguinamento gastrointestinale.

“Il nostro studio ha ampiamente confermato che entrambe le classi di farmaci antipertensivi sono ugualmente efficaci, sebbene gli ARB possano essere un po’ più sicuri degli ACE-inibitori”, afferma Hripcsak. “Ciò fornisce quella prova in più che può far sentire i medici più a loro agio nel prescrivere ARB rispetto agli ACE-inibitori quando iniziano la monoterapia per i pazienti con ipertensione. E mostra che studi osservazionali su larga scala come questo possono offrire informazioni importanti nella scelta tra diversi trattamenti. opzioni in assenza di ampi studi clinici randomizzati”.


Maggiori informazioni

Lo studio, intitolato “Efficacia e sicurezza comparativa di prima linea degli inibitori dell’enzima di conversione dell’angiotensina e dei bloccanti del recettore dell’angiotensina: uno studio di coorte multinazionale”, è stato pubblicato online il 26 luglio 2021, su Hypertension .

Altri autori sono RuiJun Chen (Geisinger Health), Marc Suchard (University of California Los Angeles), Harlan Krumholz (Yale University), Martijn Schuemie (Janssen Research and Development), Steven Shea (Columbia), Jon Duke (Georgia Tech College of Computing). ), Nicole Pratt (University of South Australia), Christian Reich (OHDSI), David Madigan (Northeastern University), Seng Chan You (Ajou University School of Medicine) e Patrick Ryan (Janssen).