Benessere

Un appello per cambiare l’approccio sociale alla salute umana e ambientale

Senza azione, la disuguaglianza nella salute aumenterà in modo esponenziale insieme al riscaldamento globale e al degrado ambientale.

Molte parti del mondo sono attualmente sottoposte a restrizioni per prevenire pressioni ingestibili sugli ospedali e sui sistemi sanitari. Tuttavia, gli esperti sostengono che anche senza COVID-19 una serie di eventi catastrofici è inevitabile a lungo termine se non cambiamo il nostro approccio alla salute umana e ambientale .

Pubblicità e progresso

In una prospettiva pubblicata sulla prestigiosa rivista PLOS Medicine , un team internazionale di eminenti scienziati scrive che: “Aspettando che milioni di persone, che mangiano cibi malsani e si impegnano in stili di vita dannosi, finiscano in ambulatori o ospedali con sintomi di le malattie croniche non sono etiche e insostenibili dal punto di vista finanziario e ambientale”.

Secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità, almeno l’80% delle malattie cardiovascolari e del diabete e almeno il 40% dei tumori insieme a molte altre malattie metaboliche e infiammatorie comuni sono prevenibili, tuttavia, gli autori affermano che il nostro sistema sanitario continua a funzionare a modalità operativa dell’assistenza ai malati non efficiente, equa o addirittura praticabile.

L’autore principale, il professor Luigi Fontana, Leonard Ullmann Chair of Translational Metabolic Health presso il Charles Perkins Center dell’Università di Sydney, utilizza l’analogia dell’acquisto di una nuova auto senza istruzioni per descrivere come attualmente gestiamo la salute.

“Se acquisti un’auto nuova senza istruzioni su come mantenerla, a circa 15.000 km inizierai ad avere problemi perché l’olio motore è andato o le gomme e le pastiglie dei freni sono usurate. Quando il motore si guasta o hai un incidente , chiami il meccanico e chiedi quanto è grave il danno. Quindi, gli specialisti della riparazione dell’auto cercheranno di risolvere i problemi nel miglior modo possibile, proprio come stiamo diventando molto bravi a trovare problemi di salute come malattie cardiache e cancro e risolverli con stent, chirurgia o chemio”, ha detto il professor Fontana.

“Una carrozzeria ben tenuta, proprio come un’auto ben tenuta, durerà molto più a lungo.”

“Un sistema che funziona principalmente per trovare un nuovo farmaco per curare ogni malattia è anche intrinsecamente sbagliato, finanziariamente e socialmente, ed è insostenibile. Cosa sta succedendo a tutti questi farmaci che milioni di persone consumano quotidianamente? Stiamo scoprendo tracce di questi prodotti farmaceutici nei nostri pesci e nella nostra acqua”.

Il professor Fontana sottolinea che un nuovo approccio implica il riconoscimento che le malattie croniche sono complesse e multifattoriali e iniziano molto presto nella vita, ma la medicina clinica di solito interviene in fasi avanzate quando le opzioni terapeutiche sono limitate e le possibilità di cura sono fortemente diminuite.

“Sono più o meno gli stessi principi che hanno sostenuto l’istituzione del Charles Perkins Center dell’Università di Sydney nel 2012. La consapevolezza che, oltre alla biologia, dobbiamo guardare ai più ampi contesti psicologici, sociali e ambientali di malattie croniche come l’obesità e diabete ed è qui, attraverso la collaborazione, che risiederanno le risposte».

Qual è la risposta?

Il gruppo propone una serie di soluzioni che richiedono urgente attenzione. Quello che più appassiona al professor Fontana è il miglioramento dell’alfabetizzazione sanitaria.

Gli autori scrivono che “integrare l’alfabetizzazione sanitaria il prima possibile nell’istruzione è fondamentale perché modella la salute e il benessere nella vita delle persone. Tuttavia, nonostante la ricchezza di conoscenze meccanicistiche che collegano nutrizione, esercizio fisico, sonno, allenamento cognitivo e salute, questi argomenti ricevono poco o nessuna attenzione nell’istruzione primaria, secondaria e terziaria, comprese le scuole di medicina”.

Altre strategie che propongono includono:

  • Ridurre le tasse e i premi dell’assicurazione sanitaria per le persone con stili di vita sani e tassare non solo il carbonio, ma anche alimenti e bevande animali e ultralavorati. Le diete ricche di cibi raffinati e di origine animale hanno effetti deleteri non solo sull’uomo ma anche sulla salute dell’ambiente. L’allevamento industriale di animali rappresenta circa il 15% dei gas serra, il 20-30% dell’inquinamento da particelle (PM10), la deforestazione, la distruzione del suolo e l’inquinamento dell’acqua con pesticidi e fertilizzanti chimici.
  • Strategie incentrate sulla nutrizione come limitare la pubblicità di cibi non salutari ai bambini, implementare etichette dei nutrienti nella parte anteriore della confezione e migliorare la qualità del cibo nelle scuole per aiutare a frenare l’obesità infantile. Rendere gli alimenti sani più accessibili rispetto a quelli meno sani è anche un’importante strategia volta a ridurre le disuguaglianze sanitarie.

“I ricchi potranno permettersi cure sanitarie costose, ma la classe media e i poveri aspetteranno per mesi, il sistema sanitario sarà sopraffatto”.

“Dobbiamo riunire le migliori menti per progettare un mondo che sfrutti le nostre conoscenze scientifiche e tecnologiche. Questa conoscenza accumulata dovrebbe mirare a promuovere la salute umana e ambientale, sradicare la povertà, creare una pace sostenibile e un piano di sviluppo economico e umano globale che riorienta gli attuali sistemi economici insostenibili da un’etica individualistica della ‘crescita’ verso un’etica della ‘cura’ e della sostenibilità. Tuttavia, questi cambiamenti, saranno innescati solo dalle scelte di cittadini consapevoli e ben informati”.


Maggiori informazioni: Luigi Fontana et al, Ricerca transdisciplinare e priorità cliniche per una salute migliore, PLOS Medicine (2021). DOI: 10.1371/journal.pmed.1003699

Categorie:Benessere

Con tag:,