Assistenza sociosanitaria

Un nuovo studio rivela gravi complicazioni a lungo termine nel diabete di tipo 2 a esordio giovanile

diabetes, disease, diabetic

I ricercatori pubblicano i risultati di uno studio che descrive in dettaglio gli effetti del diabete di tipo 2 su giovani e giovani adulti per un periodo di 15 anni

Phil Zeitler, MD, PhD, cura i giovani con diabete di tipo 2 da oltre 20 anni. Lui e un team di ricercatori hanno pubblicato oggi un articolo sullo studio TODAY2 sul New England Journal of Medicine sulle complicanze a lungo termine del diabete di tipo 2. (TODAY sta per Opzioni di trattamento per il diabete di tipo 2 negli adolescenti e nei giovani. La prima fase dello studio si è svolta dal 2004 al 2011; la seconda dal 2011 al 2020. Entrambi gli studi hanno coinvolto più di 550 partecipanti provenienti da tutto il paese.)

Pubblicità e progresso

Zeitler è il presidente del gruppo di studio TODAY ed è professore di pediatria, endocrinologia presso la University of Colorado School of Medicine e direttore medico del Centro di ricerca clinica e traslazionale pediatrico presso il Children’s Hospital Colorado , entrambi situati presso l’ Università del Colorado Anschutz Medical Campus .

Lo studio TODAY2 si è concentrato sulle complicanze del diabete di tipo 2 a esordio giovanile. Nel complesso, i ricercatori hanno visto un costante calo del controllo della glicemia nell’arco di 15 anni. Inoltre,

  • Il 67% dei partecipanti aveva la pressione alta
  • quasi il 52% aveva dislipidemia o alti livelli di grassi nel sangue
  • quasi il 55% aveva una malattia renale
  • Il 32% aveva evidenza di malattia nervosa
  • Il 51% aveva una malattia agli occhi.

I tassi non differivano in base all’assegnazione del gruppo di trattamento dello studio TODAY originale.

Inoltre, alcuni partecipanti avevano una maggiore probabilità di sviluppare complicazioni multiple nel tempo, con il 28% che ne sviluppava due o più nel periodo di follow-up. I partecipanti che appartenevano a un gruppo razziale o etnico minoritario o che avevano glicemia alta, pressione alta e dislipidemia erano a maggior rischio di sviluppare una complicazione.

Lo studio mostra che non solo la malattia ha un impatto sui giovani e sui giovani adulti in giovane età, ma mostra anche un raggruppamento di complicanze. L’ottanta per cento dei partecipanti ha avuto qualche complicazione. La maggior parte ha avuto due, tre o più complicazioni.

“È davvero fondamentale che i governi, i responsabili politici e i sistemi sanitari siano preparati a ciò che questo significa in termini di utilizzo dell’assistenza sanitaria; perdita di anni di produttività; perdita della vita; impatto sulle famiglie; disoccupazione; così come i costi diretti: molti soldi saranno spesi per questi bambini attraverso dialisi, farmaci, bypass cardiaco e altro”, afferma Zeitler.

Alla domanda su cosa vuole che le persone sappiano della malattia, Zeitler dice: “Questo non è il diabete di tipo 2 della nonna”.

Spiega: “L’esordio giovanile del diabete di tipo 2 è associato a un accumulo di complicanze legate al diabete come malattie degli occhi, malattie renali, malattie nervose e altre comorbidità come ictus, malattie cardiache, amputazioni – e questo si sta verificando a almeno così rapidamente come negli adulti. Potenzialmente più rapidamente”.

E per quanto inimmaginabile possa sembrare, gli adolescenti a cui è stata diagnosticata la malattia e che hanno convissuto con essa per 10-12 anni, hanno subito ictus, insufficienza renale, infarti, amputazioni delle dita dei piedi e dei piedi, il tutto quando avevano 20 anni.

Lo studio TODAY iniziale è stato progettato per esaminare i migliori approcci terapeutici: 1) metformina o 2) metformina più rosiglitazone o 3) metformina più un intervento sullo stile di vita. I ricercatori hanno seguito i giovani per determinare il tempo alla perdita del controllo glicemico nei partecipanti che hanno avuto l’insorgenza del diabete di tipo 2 in gioventù. Il controllo glicemico è un termine medico che si riferisce ai livelli ottimali di zucchero nel sangue (glucosio) in una persona con diabete mellito.

All’inizio dello studio nel 2004, il diabete di tipo 2 era un problema relativamente recente riconosciuto negli adolescenti.

“Anche in quel momento, è stato riconosciuto che [il diabete di tipo 2] sembrava essere più aggressivo nei bambini”, afferma Zeitler. “Dal momento che vivranno più a lungo, vogliamo un buon controllo [glicemico] il prima possibile”.

I ricercatori hanno scoperto che la terapia con la sola metformina era associata a un controllo glicemico duraturo solo nella metà dei bambini e degli adolescenti con diabete di tipo 2. L’aggiunta di un secondo agente farmacologico, ma non un intervento intensivo sullo stile di vita, era superiore alla sola metformina. I ricercatori hanno scoperto che era molto difficile per i partecipanti cambiare il proprio stile di vita; molti vivevano in ambienti domestici molto difficili.

Nel 2012, il New England Journal of Medicine ha pubblicato i risultati di questo studio iniziale , considerato un punto di riferimento nel diabete di tipo 2 a esordio giovanile. Le linee guida attualmente esistenti per la gestione del tipo 2 nei giovani si basano sui risultati.

“Lo studio è stato così fondamentale che si è immediatamente tradotto in raccomandazioni terapeutiche”, afferma Ronald Sokol, MD, direttore del Colorado Clinical and Translational Science Institute (CCTSI) . Il Centro di ricerca clinica traslazionale pediatrico della CCTSI presso il Children’s Hospital Colorado è stato fondamentale per il funzionamento di questi due studi che sono durati 15 anni.

Il prossimo passo è mettere insieme una nuova coorte di bambini più piccoli per capire chi ottiene il diabete di tipo 2 per sviluppare interventi mirati. Zeitler afferma: “Se vogliamo fare qualsiasi tipo di prevenzione, dobbiamo avere un’idea migliore di chi è a rischio”.

###

Informazioni sull’Università del Colorado Anschutz Medical Campus

L’Anschutz Medical Campus dell’Università del Colorado è una destinazione medica di livello mondiale all’avanguardia nella scienza trasformativa, nella medicina, nell’istruzione e nella cura del paziente. Il campus comprende le scuole professionali dell’Università del Colorado, più di 60 centri e istituti e due ospedali indipendenti classificati a livello nazionale che curano più di due milioni di pazienti adulti e pediatrici ogni anno. Innovativi, interconnessi e altamente collaborativi, insieme forniamo trattamenti che cambiano la vita, cura del paziente, formazione professionale e conduciamo ricerche di fama mondiale. Per ulteriori informazioni, visitare www.cuanschutz.edu .