Equilibrio

Gli anziani raramente discutono del fatto che bevono con i loro medici

Molti anziani possono avere problemi con l’alcol, ma un nuovo studio mostra che meno della metà di loro discute del consumo di alcol con i propri operatori sanitari.

“Gli anziani sono ad alto rischio per i danni dell’uso di alcol , specialmente per quelli con malattie croniche esistenti e che assumono farmaci prescritti”, ha affermato l’autore principale dello studio Pia Mauro. Ciò rende “le discussioni sull’alcol con i fornitori particolarmente importanti in questa popolazione”, ha affermato. Mauro è assistente professore di epidemiologia alla Columbia University di New York City.

Pubblicità e progresso

Per lo studio, il team di Mauro ha analizzato i dati del National Survey on Drug Use and Health dal 2015 al 2019 su più di 9.600 adulti statunitensi di età pari o superiore a 65 anni (51% femmine, 49% maschi) che hanno segnalato il consumo di alcol e una visita sanitaria nell’ultimo anno per qualche ragione.

Complessivamente, il 54% non ha discusso del proprio consumo di alcol con alcun fornitore (49% degli uomini, 58% delle donne). Tra coloro che hanno discusso del consumo di alcol con il proprio fornitore, a più uomini che donne è stato chiesto di problemi con l’alcol (10% contro 7%), è stato consigliato di ridurre il consumo di alcol (7% contro 3%) o sono state offerte informazioni sul trattamento dell’alcol (2% contro 0,7%).

I risultati hanno mostrato che gli uomini avevano un tasso più alto di binge drinking (22% contro 14%) e disturbo da consumo di alcol nell’ultimo anno (4,5% contro 2%) rispetto alle donne.

Le malattie croniche erano comuni tra gli anziani nello studio: il 74% aveva almeno una malattia cronica, il 42% aveva la pressione alta , il 28% aveva malattie cardiache , il 19% aveva il cancro e il 18% aveva il diabete. Più del 35% aveva due o più malattie croniche , secondo lo studio pubblicato online il 29 luglio sulla rivista Alcoholism: Clinical & Experimental Research .

L’autore senior dello studio Benjamin Han ha affermato: “È importante che gli anziani capiscano che l’invecchiamento stesso può portare a una maggiore sensibilità all’alcol e che alcune malattie croniche possono essere esacerbate dall’uso di alcol”. Han è un assistente professore nella divisione di geriatria, gerontologia e cure palliative presso l’Università della California, San Diego.

Il consumo malsano di alcol è in aumento tra gli anziani americani, quindi è importante che gli operatori sanitari discutono dell’uso di alcol con i pazienti più anziani , in particolare quelli con malattie croniche, ha affermato Mauro in un comunicato stampa della Columbia. “Normalizzare le discussioni sull’uso di alcol con i fornitori in modo non giudicante è un passo importante per ridurre lo stigma e prevenire potenziali conseguenze negative sulla salute”, ha spiegato.

Mauro ha anche affermato che i risultati delle differenze di genere “richiedono sforzi mirati per aumentare le discussioni sull’uso di alcol tra gli anziani e i loro fornitori”.

Categorie:Equilibrio

Con tag: