Benessere

Gli aggiustamenti dello stile di vita possono migliorare la salute vascolare negli anziani con obesità

Piccoli cambiamenti nello stile di vita possono davvero fare una grande differenza nel miglioramento della salute vascolare negli anziani con obesità, secondo uno studio condotto dai ricercatori della Wake Forest School of Medicine.

L’eliminazione di appena 200 calorie al giorno combinata con 30 minuti di esercizio aerobico da moderato a vigoroso quattro giorni alla settimana è stata associata a un miglioramento significativo della rigidità aortica, una misura della salute vascolare. Lo studio è stato pubblicato nell’ultimo numero della rivista Circulation dell’American Heart Association .

Pubblicità e progresso

“Siamo rimasti sorpresi nello scoprire che la riduzione calorica moderata e l’attività aerobica hanno avuto un effetto migliore sulle arterie rispetto all’esercizio con una dieta più restrittiva”, ha affermato l’autore principale dello studio Tina E. Brinkley, Ph.D., professore associato di gerontologia e medicina geriatrica presso Scuola di Medicina della Foresta di Wake.

“Questi cambiamenti relativamente piccoli dovrebbero essere gestibili per le persone e più sostenibili a lungo termine”.

Lo studio randomizzato controllato ha incluso 160 adulti sedentari, di età compresa tra 65 e 79 anni, con obesità definita come indice di massa corporea da 30 a 45 kg/m2. L’età media dei partecipanti era di 69 anni con il 74% di sesso femminile e il 73% di razza bianca.

I partecipanti allo studio sono stati assegnati in modo casuale a uno dei tre gruppi di intervento per 20 settimane: solo esercizio fisico, esercizio più restrizione calorica moderata o esercizio più restrizione calorica più intensiva. Tutti i partecipanti allo studio hanno ricevuto un allenamento aerobico supervisionato quattro giorni alla settimana presso il Centro di ricerca geriatrica della Wake Forest School of Medicine. Per determinare la salute vascolare dei partecipanti, la struttura e la funzione dell’aorta sono state misurate e valutate mediante risonanza magnetica cardiaca.

L’aorta, l’arteria più grande del corpo, fornisce ossigeno e nutrienti vitali dal cuore agli organi chiave. Poiché l’aorta si irrigidisce nel tipico processo di invecchiamento sano, il cuore deve lavorare di più per contrarsi e pompare il sangue in tutto il corpo.

Un indice di massa corporea più elevato, peso corporeo, grasso corporeo totale e grasso addominale, nonché una circonferenza della vita più ampia sono tutti associati a una maggiore rigidità aortica, che è un fattore di rischio per eventi cardiovascolari tra cui infarto e ictus e persino la morte, ha affermato Brinkley. .

Il team di ricerca ha scoperto che la perdita di peso di circa il 10% del peso corporeo totale o circa 20 libbre durante il periodo di studio di cinque mesi è stata associata a miglioramenti significativi della rigidità aortica solo nei partecipanti assegnati all’esercizio più il gruppo di restrizione calorica moderata. Nessuna delle misure di rigidità aortica è cambiata in modo significativo nel gruppo di solo esercizio o nell’esercizio più il gruppo di restrizione calorica più intensiva.

Inoltre, le variazioni dell’indice di massa corporea, della massa grassa totale, della percentuale di grasso corporeo, del grasso addominale e della circonferenza della vita sono state maggiori in entrambi i gruppi con restrizioni caloriche rispetto al gruppo di solo esercizio. La perdita di peso è stata simile tra i gruppi con restrizioni caloriche, nonostante quasi due volte meno calorie nel gruppo più intensivo. Tuttavia, il gruppo con la dieta più restrittiva non ha mostrato alcun miglioramento della rigidità aortica anche se ha avuto diminuzioni di peso e pressione sanguigna simili a quelle del gruppo moderatamente restrittivo.

“I nostri risultati indicano che questi cambiamenti moderati dello stile di vita possono aiutare a ridurre la rigidità aortica e migliorare la salute vascolare generale negli anziani”, ha detto Brinkley.

Categorie:Benessere

Con tag: