ADA2021

#ADA2021 L’intervento immunitario per il diabete di tipo 1 potrebbe essere diretto alla pratica clinica

Jay S. Skyler, medico, MACP, FRCP

Jay S. Skyler, medico, MACP, FRCP

Fino a poco tempo fa, i tentativi di creare un’immunoterapia modificante la malattia per il diabete di tipo 1 hanno prodotto risultati negativi o un successo transitorio, ha affermato Jay S. Skyler, MD, MACP, FRCP, moderatore del simposio delle sessioni scientifiche Implementing Type 1 Diabetes Immune Intervention in Clinical Practice . Quindi, nel 2019, uno studio di Type 1 Diabetes TrialNet ha mostrato che teplizumab potrebbe ritardare lo sviluppo del diabete clinico (fase 3) di tipo 1 negli individui allo stadio 2.

Pubblicità e progresso

Il Dr. Skyler, Professore di Medicina, Pediatria e Psicologia, Università di Miami Leonard M. Miller School of Medicine, e Vice Direttore per la Ricerca Clinica e i Programmi Accademici, Diabetes Research Institute, Università di Miami, ha definito teplizumab una “prospettiva entusiasmante” che potrebbe diventare il primo intervento immunitario approvato per il diabete di tipo 1.

Stephen E. Gitelman, MD, ha affermato che gli studi TrialNet in corso stanno esaminando l’efficacia di due agenti aggiuntivi per la prevenzione del diabete di tipo 1: CTLA4 Ig (abatacept), un bloccante costimolatorio delle cellule T e idrossiclorochina.

Stephen E. Gitelman, medico

Stephen E. Gitelman, medico

Il dottor Gitelman, professore di pediatria, direttore del programma per il diabete pediatrico, e Mary B. Olney, MD/KAK Distinguished Chair in Pediatric Diabetes and Clinical Research, University of California, San Francisco, School of Medicine, hanno offerto una parola di cautela sull’uso di interventi immunitari nel diabete di tipo 1.

“Quando i pazienti e le famiglie si avvicinano a te per ricevere un intervento immunitario al di fuori degli studi clinici, il mio suggerimento è semplicemente di dire di no”, ha detto. “Non credo che siamo ancora al punto di farlo del tutto.”

Nonostante l’introduzione di nuovi analoghi dell’insulina e dispositivi come pompe per insulina e monitor continui del glucosio e miglioramenti nella prevenzione e nello screening per il diabete di tipo 1, nessun gruppo di età raggiunge costantemente gli obiettivi di controllo glicemico stabiliti dall’ADA, come evidenziato dai dati del Tipo 1 Diabetes Exchange, ha osservato il dottor Gitelman.

L’immunologo Ezio Bonifacio, PhD, Direttore, Centro per le terapie rigenerative, Technische Universität Dresden, Germania, ha discusso il ruolo dello screening genetico nell’intervento immunitario del diabete di tipo 1. Lo screening può essere utilizzato per selezionare i partecipanti per studi di storia naturale e studi di prevenzione primaria, per preselezionare i successivi test anticorpali, per identificare la positività anticorpale con tassi di progressione più rapidi e per personalizzare le terapie, ha affermato.

Ezio Bonifacio, PhD

Ezio Bonifacio, PhD

I bambini che hanno una storia familiare di diabete di tipo 1 di primo grado hanno circa il 6% di rischio di sviluppare il diabete di tipo 1 a partire dalla nascita e diminuendo con l’età. In confronto, i neonati senza una storia familiare di primo grado hanno un rischio di circa lo 0,4% di sviluppare la malattia. Questo rischio diminuisce anche con l’età. Il dottor Bonifacio ha affermato che lo screening genetico potrebbe essere utilizzato per aiutare a identificare i bambini di quest’ultimo gruppo che hanno un profilo di rischio più vicino ai bambini del primo gruppo.

Lo studio Environmental Determinants of Diabetes in the Young (TEDDY) ha dimostrato l’influenza del genotipo dell’antigene leucocitario umano (HLA) sulla suscettibilità al diabete di tipo 1 e ulteriori ricerche hanno identificato circa 80 regioni geniche che conferiscono suscettibilità, ha osservato.

“Sarà la prevenzione primaria che può essere applicata a un gran numero della popolazione che avrà davvero un impatto sul numero di incidenti del diabete di tipo 1”, ha affermato il dott. Bonifacio.

Un intervento con un’efficacia del 20% che può essere applicato a tutti i bambini preverrà lo stesso numero di casi di diabete di tipo 1 di un trattamento efficace dell’80%, se esistesse, applicato al 25% dei casi futuri, ha osservato il dott. Bonifacio.

Andrea Steck, MD

Andrea Steck, MD

Andrea Steck, MD, Professore Associato di Pediatria, Barbara Davis Center for Diabetes, University of Colorado, ha affermato che lo screening anticorpale in combinazione con il monitoraggio e l’istruzione si traduce in una significativa riduzione della chetoacidosi diabetica (DKA) alla diagnosi di diabete di tipo 1. Questo screening è sostenuto dalla standardizzazione delle misurazioni degli anticorpi delle isole attraverso workshop internazionali, come il Programma di standardizzazione degli anticorpi del diabete e il Programma di standardizzazione degli anticorpi delle isole, combinato con un’accurata valutazione e previsione del rischio per il diabete di tipo 1 con nuove definizioni delle fasi della malattia sviluppate nel 2015.

“C’è un’alta prevalenza di diabete di tipo 1 presintomatico nei bambini della popolazione generale”, ha detto. “Una volta che due anticorpi sono costantemente presenti, la progressione verso il diabete di tipo 1 sembra inevitabile”.

La malattia di stadio 1 include pazienti con anticorpi multipli e glicemia normale. La progressione allo stadio 2 è caratterizzata da anticorpi e disglicemia. Lo stadio 3, indicato anche come diabete di tipo 1 clinico o classico, indica che gli anticorpi hanno soddisfatto i criteri diagnostici.

Darrell M. Wilson, medico

Darrell M. Wilson, medico

Darrell M. Wilson, MD, Professore di Pediatria, Stanford University, ha discusso le opzioni per la valutazione della glicemia. La misura più antica, il glucosio nelle urine, gioca ancora un ruolo nella diagnosi clinica di molti pazienti con diabete di tipo 1, ha detto. Un approccio più recente, il monitoraggio continuo del glucosio (CGM), svolge un ruolo significativo nella gestione dei pazienti con diabete e i sensori sono parte integrante dei sistemi di somministrazione di insulina a ciclo chiuso, ha aggiunto.

Esiste una logica convincente per l’uso del CGM negli studi sul diabete di tipo 1 di nuova insorgenza e consolidati. Con molte cliniche che iniziano la CGM subito dopo la diagnosi, il Dr. Wilson ha notato che molti partecipanti allo studio utilizzano la tecnologia prima dell’iscrizione allo studio.

“Il CGM fornisce dati glicemici molto granulari e una raccolta completa dei minimi”, ha affermato il dott. Wilson. “Questo potrebbe dimostrare un beneficio clinico, oltre ai dati che otteniamo dalla stimolazione dei peptidi C”.

A causa della loro scarsa ripetibilità, i test di tolleranza al glucosio orale non sono ideali per valutare la glicemia, ha affermato.

Questa sessione, che è stata originariamente presentata venerdì 25 giugno, può essere vista dai partecipanti alla riunione registrati su  ADA2021.org  fino al 29 settembre 2021. Se non ti sei registrato per la 81a sessione scientifica virtuale,  registrati oggi  per accedere a tutte le preziose contenuto della riunione.