Microinfusore/CGM/Pancreas artificiale

Il monitoraggio non invasivo del glucosio può cambiare il futuro della gestione del diabete

Sono disponibili o in fase di sviluppo più di 60 prodotti per il monitoraggio del glucosio senza sangue non invasivi e minimamente invasivi e i dispositivi potrebbero diventare importanti strumenti digitali per le persone con diabete, secondo un articolo di revisione.

David C. Klonoff, MD , direttore medico del Diabetes Research Institute presso il Mills-Peninsula Medical Center di San Mateo, in California, ha affermato che i dispositivi di monitoraggio del glucosio non invasivi potrebbero cambiare le regole del gioco nel campo del diabete, ma devono essere superati diversi ostacoli per consentire di più persone ad utilizzare i prodotti.
“Abbiamo scritto questo articolo per un paio di motivi”, ha detto Klonoff. “In primo luogo era vedere cosa c’è là fuori e, per quanto ne so, nessuno ha guardato tutti i diversi prodotti in fase di sviluppo per misurare la glicemia senza sangue. No. 2, c’è un modo per misurare il glucosio che non rientra esattamente in nessuna di queste categorie. Abbiamo definito un certo tipo di metodo di test che non è né non invasivo né minimamente invasivo, chiamato campionamento del fluido non invasivo”.

Pubblicità e progresso

Klonoff e colleghi hanno condotto una revisione di tre tipi di dispositivi di monitoraggio del glucosio. Il monitoraggio ottico non invasivo del glucosio è descritto come un dispositivo in cui la radiazione viene fatta passare attraverso una regione vascolare del corpo. Il campionamento dei fluidi non invasivo include dispositivi in ??cui il fluido corporeo viene raccolto senza perforare la pelle. Il monitoraggio del glucosio minimamente invasivo include dispositivi in ??cui un sensore fornisce la concentrazione di glucosio per un lungo periodo di tempo con un singolo inserimento nella pelle con dolore minimo.

Approvazione di dispositivi non invasivi rari
I ricercatori hanno cercato su PubMed, Google Patents e le tre vetrine di avvio della Diabetes Technology Society prodotti per il monitoraggio del glucosio minimamente invasivi o non invasivi. A sette esperti nel campo del monitoraggio del glucosio è stato anche chiesto di fornire i nomi di nuovi dispositivi minimamente o non invasivi di cui avevano sentito parlare. Sono stati inclusi i dispositivi che hanno ricevuto l’autorizzazione della FDA o un marchio CE, così come i prodotti che hanno avuto un articolo di notizie o un comunicato stampa pubblicato su Google News a partire dal 2016. Tutti i prodotti sono stati classificati come ottici non invasivi, campioni di fluidi non invasivi o minimamente invasivi. Per ogni prodotto, i ricercatori hanno determinato il meccanismo di rilevamento del glucosio, dove viene effettuato il rilevamento del glucosio, accuratezza, possibile interferenza, ciclo di misurazione, prezzo, dimensioni, vantaggi e svantaggi. I risultati sono stati pubblicati nel Journal of Diabetes Science and Technology .

Sono stati esaminati 65 prodotti: 28 prodotti ottici non invasivi, sei dispositivi per il campionamento dei fluidi non invasivi e 31 prodotti per il monitoraggio del glucosio minimamente invasivi. Dei prodotti ottici e di campionamento dei fluidi non invasivi, nessuno ha ricevuto l’approvazione della FDA e quattro hanno ricevuto l’autorizzazione CE.

“In generale, è più impegnativo, più rigoroso ottenere l’autorizzazione dalla FDA rispetto all’autorizzazione CE”, ha affermato Klonoff. “L’autorizzazione della FDA richiede sicurezza ed efficacia. La CE generalmente richiede solo sicurezza. Potresti avere un prodotto, in teoria, che è sicuro, non danneggerà nessuno o li danneggerà usandolo, ma non è molto preciso, quindi non è molto efficace.

Barriere per il monitoraggio non invasivo del glucosio
I dispositivi non invasivi devono affrontare diverse barriere tecnologiche e non prima che altri vengano approvati e utilizzati da un ampio gruppo di persone con diabete. La precisione è una grande preoccupazione e richiede tecnologie di rilevamento più sensibili e algoritmi migliori per convertire i segnali del sensore in valori di glucosio, secondo Klonoff.

“Più piccolo è il prodotto, più difficile è renderlo accurato”, ha affermato Klonoff. “Mentre riduci i componenti, a volte non funzionano altrettanto bene. Forse stai usando più frequenze di luce, in un grande dispositivo, hai spazio per questo. Se crei un piccolo dispositivo che puoi indossare, non c’è abbastanza spazio per usare tutte quelle frequenze, devi sacrificare quelle frequenze”.

Un’altra barriera tecnologica è ottenere una migliore comprensione di come convertire le misurazioni senza sangue in valori di glucosio. Inoltre, i medici hanno bisogno di una migliore comprensione delle misurazioni cliniche del glucosio in fluidi diversi dal sangue.

Ci sono diversi ostacoli non tecnologici da superare, tra cui il costo dei prodotti, la facilità d’uso per chi li indossa e l’accettazione da parte delle persone di indossare un dispositivo continuo.

“La strategia generale è quella di fornire una tecnologia di rilevamento del glucosio che non richieda un ago per forare la pelle e contemporaneamente riduce gli sprechi, aumenta la praticità e consente di risparmiare denaro”, hanno scritto i ricercatori.

Secondo i ricercatori, affinché il monitoraggio del glucosio non invasivo senza sangue continui a migliorare, sono necessarie prestazioni analitiche superiori, sviluppo di algoritmi robusti, test di tracciabilità per matrici contenenti glucosio oltre al sangue e apprezzamento per il valore clinico delle misurazioni del glucosio nel fluido interstiziale. Tuttavia, ha affermato Klonoff, è solo questione di tempo prima che un’azienda sia in grado di mettere insieme tutti i pezzi.

“Sia l’hardware che il software stanno migliorando”, ha affermato Klonoff. “Esistono numerosi nuovi sensori che potrebbero essere utilizzati e nuove forme di apprendimento automatico sui chip dei computer che possono essere sfruttate. Con i miglioramenti in queste due aree, sono ottimista. Ho visto diverse aziende che sembravano promettenti, ma che devono mantenere”.


Divulgazioni: Klonoff riferisce di essere un consulente per EOFlow, Fractyl, Lifecare, Novo Nordisk, Roche Diagnostics, Samsung e Thirdwayv. Si prega di consultare lo studio per le informazioni finanziarie rilevanti di tutti gli altri autori.