Mangiare e bere

Una dieta povera di fibre può portare a infezioni intestinali anche se non sei in sovrappeso

La dieta, più della massa corporea, può avere un ruolo nel rischio di infezione intestinale e mangiare più fibre potrebbe essere la chiave per la prevenzione. Lo studio è pubblicato prima della stampa sull’American Journal of Physiology-Endocrinology and Metabolism .

L’obesità è associata allo sviluppo di condizioni croniche come diabete di tipo 2, malattie cardiache e malattie del fegato grasso. Ricerche precedenti suggeriscono che il sovrappeso può anche aumentare il rischio e la gravità dell’infezione batterica . Tuttavia, si sa meno se seguire una dieta che tende a causare obesità sia sufficiente per aumentare i rischi di infezione batterica senza essere obesi.

Pubblicità e progresso

Ricercatori canadesi hanno esaminato gli effetti della dieta e dell’obesità su un modello murino di un’infezione batterica causata da un eccesso di Escherichia coli aderente-invasivo (AIEC) nel tratto intestinale. L’AIEC è un microrganismo che può causare danni solo in determinate circostanze. Le persone che hanno il disturbo infiammatorio intestinale morbo di Crohn possono avere troppa AIEC (chiamata espansione) nel tratto digestivo, che può essere esacerbata dall’uso di antibiotici. Precedenti studi hanno scoperto che l’obesità e i fattori correlati, come una dieta ricca di grassi e zuccheri, può modificare la composizione del microbioma intestinale abbastanza da aumentare il rischio di infiammazione e infezione. Anche la tipica dieta occidentale che contiene cibi altamente trasformati tende ad essere povera di fibre. Tuttavia, non è chiaro se questo tipo di dieta sia sufficiente per predisporre le persone all’infezione batterica.

I topi obesi hanno seguito due diete ricche di grassi (60% e 45% di grassi) e povere di fibre. Tutti gli animali hanno sviluppato l’espansione AIEC nel colon. I topi con una dieta al 60% di grassi avevano una massa corporea maggiore rispetto a quelli che mangiavano il 45% di grassi, ma non c’era alcuna differenza significativa nella quantità di AIEC (carico AIEC) nei loro sistemi. “Questi dati hanno suggerito che un aspetto della composizione della dieta piuttosto che l’entità dell’obesità dell’ospite era sufficiente per promuovere l’espansione dell’AIEC intestinale”, hanno scritto i ricercatori.

Il team di ricerca ha nutrito topi magri con una dieta ricca di grassi a breve termine prima che si verificasse un’obesità significativa per esplorare l’effetto della dieta sul carico AIEC. Dopo che gli animali sono stati esposti all’AIEC, i topi magri che mangiavano la dieta ricca di grassi hanno avuto una maggiore espansione dell’AIEC rispetto ai controlli (topi magri con una dieta normale). Questi risultati “indicano che la dieta può regolare il carico infettivo dell’AIEC indipendentemente dai cambiamenti nella massa corporea che portano all’obesità”, hanno scritto i ricercatori. Infine, il team di ricerca ha scoperto che i topi che seguivano una dieta povera di grassi e di fibre avevano un carico AIEC più elevato rispetto a quelli che seguivano una dieta normale, suggerendo che il grasso alimentare non era l’ingrediente chiave, ma “l’ingestione di fibre alimentari più basse è sufficiente per promuovere espansione dell’AIEC in tutto l’intestino.”

Un risultato di questo studio è che le persone più magre possono avere rischi simili di infezione intestinale se non mangiano abbastanza fibre. “I nostri dati mostrano che la fibra alimentare è un fattore autonomo”, hanno scritto i ricercatori.

“La bassa fibra alimentare promuove l’espansione enterica di un patogeno associato alla malattia di Crohn indipendentemente dall’obesità” è pubblicato sull’American Journal of Physiology-Endocrinology and Metabolism .


Maggiori informazioni: Trevor C. Lau et al, La bassa fibra alimentare promuove l’espansione enterica di un patobiont associato alla malattia di Crohn indipendentemente dall’obesità, American Journal of Physiology-Endocrinology and Metabolism (2021). DOI: 10.1152/ajpendo.00134.2021

Categorie:Mangiare e bere

Con tag: