Mangiare e bere

Meno carne alla griglia più verdure alla griglia

shish kebab, meat skewer, vegetable skewer

Photo by moerschy on Pixabay

Mangiare più cibi vegetali può ridurre il rischio di malattie cardiache nei giovani adulti e nelle donne anziane

 Mangiare cibi più nutrienti e a base vegetale è salutare per il cuore a qualsiasi età, secondo due studi di ricerca pubblicati oggi sul  Journal of American Heart Association , una rivista ad accesso aperto dell’American Heart Association.

Pubblicità e progresso

In due studi separati che hanno analizzato diverse misure del consumo di alimenti vegetali sani, i ricercatori hanno scoperto che sia i giovani adulti che le donne in postmenopausa avevano meno attacchi di cuore e avevano meno probabilità di sviluppare  malattie cardiovascolari  quando mangiavano cibi vegetali più sani.

Le raccomandazioni sulla dieta e lo stile di vita dell’American Heart Association  suggeriscono un modello alimentare complessivamente sano che enfatizza una varietà di frutta e verdura, cereali integrali, latticini a basso contenuto di grassi, pollame e pesce senza pelle, noci e legumi e oli vegetali non tropicali. Si consiglia inoltre un consumo limitato di grassi saturi, grassi trans, sodio, carne rossa, dolci e bevande zuccherate.

Uno studio, intitolato “A Plant-Centered Diet and Risk of Incident Cardiovascular Disease durante Young to Middle Adulthood”, ha valutato se il consumo a lungo termine di una dieta incentrata sulle piante e il passaggio a una dieta incentrata sulle piante a partire dalla giovane età adulta sono associati con un minor rischio di malattie cardiovascolari nella mezza età.

“La ricerca precedente si era concentrata su singoli nutrienti o singoli alimenti, ma ci sono pochi dati su una dieta centrata sulle piante e sul rischio a lungo termine di malattie cardiovascolari”, ha affermato Yuni Choi, Ph.D., autore principale dello studio sui giovani adulti. e un ricercatore post-dottorato nella divisione di epidemiologia e salute della comunità presso la School of Public Health dell’Università del Minnesota a Minneapolis.

Choi e colleghi hanno esaminato la dieta e l’insorgenza di malattie cardiache in 4.946 adulti arruolati nello studio CARDIA (Coronary Artery Risk Development in Young Adults). I partecipanti avevano dai 18 ai 30 anni al momento dell’arruolamento (1985-1986) in questo studio ed erano liberi da malattie cardiovascolari in quel momento. I partecipanti includevano 2.509 adulti neri e 2.437 adulti bianchi (54,9% donne in totale) che sono stati anche analizzati per livello di istruzione (equivalente a più di scuola superiore rispetto a scuola superiore o inferiore). I partecipanti hanno avuto otto esami di follow-up dal 1987-88 al 2015-16 che includevano test di laboratorio, misurazioni fisiche, anamnesi e valutazione dei fattori dello stile di vita. A differenza degli studi randomizzati controllati, ai partecipanti non è stato chiesto di mangiare determinate cose e non è stato loro comunicato il loro punteggio sulle misure dietetiche, quindi i ricercatori hanno potuto raccogliere informazioni imparziali,

Dopo dettagliate interviste sulla storia della dieta, la qualità delle diete dei partecipanti è stata valutata in base al  punteggio di qualità della dieta A Priori  (APDQS) composto da 46 gruppi di alimenti negli anni 0, 7 e 20 dello studio. I gruppi alimentari sono stati classificati in alimenti benefici (come frutta, verdura, fagioli, noci e cereali integrali); cibi avversi (come patate fritte, carne rossa ad alto contenuto di grassi, snack salati, pasticcini e bibite); e cibi neutri (come patate, cereali raffinati, carni magre e crostacei) in base alla loro nota associazione con le malattie cardiovascolari.

I partecipanti che hanno ricevuto punteggi più alti hanno mangiato una varietà di cibi benefici, mentre le persone con punteggi più bassi hanno mangiato cibi più negativi. Nel complesso, valori più alti corrispondono a una dieta nutrizionalmente ricca e centrata sulle piante.

“A differenza dei punteggi di qualità della dieta esistenti che di solito si basano su un piccolo numero di gruppi di alimenti, APDQS è esplicito nel catturare la qualità complessiva della dieta utilizzando 46 singoli gruppi di alimenti, descrivendo l’intera dieta che la popolazione generale consuma comunemente. Il nostro punteggio è molto completo e ha molte somiglianze con diete come la Dietary Guidelines for Americans Healthy Eating Index (dal servizio alimentare e nutrizionale del Dipartimento dell’Agricoltura degli Stati Uniti), la dieta DASH (Dietary Approaches to Stop Hypertension) e la dieta mediterranea, “ ha affermato David E. Jacobs Jr., Ph.D., autore senior dello studio e Mayo Professor of Public Health nella divisione di epidemiologia e salute della comunità presso la School of Public Health dell’Università del Minnesota a Minneapolis.

I ricercatori hanno scoperto:

  • Durante 32 anni di follow-up, 289 dei partecipanti hanno sviluppato malattie cardiovascolari (inclusi  infarto ,  ictus ,  insufficienza cardiaca ,  dolore toracico correlato al cuore  o  arterie ostruite in  qualsiasi parte del corpo).
  • Le persone che hanno ottenuto un punteggio nel 20% superiore nel punteggio di qualità della dieta a lungo termine (il che significa che mangiavano gli alimenti vegetali più ricchi dal punto di vista nutrizionale e meno prodotti animali valutati negativamente) avevano il 52% in meno di probabilità di sviluppare malattie cardiovascolari, dopo aver considerato diversi fattori (tra cui l’età , sesso, razza, consumo calorico medio, istruzione, storia dei genitori di malattie cardiache, fumo e attività fisica media).
  • Inoltre, tra l’anno 7 e il 20 dello studio, quando i partecipanti avevano un’età compresa tra 25 e 50 anni, coloro che hanno migliorato di più la qualità della loro dieta (mangiando cibi vegetali più benefici e meno prodotti animali valutati negativamente) avevano il 61% in meno di probabilità di sviluppare problemi cardiovascolari successivi. malattia, rispetto ai partecipanti la cui qualità della dieta è diminuita di più durante quel periodo.
  • C’erano pochi vegetariani tra i partecipanti, quindi lo studio non è stato in grado di valutare i possibili benefici di una dieta vegetariana rigorosa, che esclude tutti i prodotti animali, inclusi carne, latticini e uova.

“Una dieta nutrizionalmente ricca e centrata sulle piante è benefica per la salute cardiovascolare. Una dieta centrata sulle piante non è necessariamente vegetariana”, ha detto Choi. “Le persone possono scegliere tra alimenti vegetali che siano il più vicino possibile al naturale, non altamente elaborati. Riteniamo che le persone possano includere di tanto in tanto prodotti animali con moderazione, come pollame non fritto, pesce non fritto, uova e latticini a basso contenuto di grassi”.

Poiché questo studio è osservazionale, non può dimostrare una relazione causa-effetto tra dieta e malattie cardiache.

Altri coautori sono Nicole Larson, Ph.D.; Lyn M. Steffen, Ph.D.; Pamela J. Schreiner, Ph.D.; Daniel D. Gallaher, Ph.D.; Daniel A. Duprez, MD, Ph.D.; James M. Shikany, Dr.PH; e Jamal S. Rana, MD, Ph.D.

Lo studio è stato finanziato dal National Heart, Lung and Blood Institute dei National Institutes of Health; Healthy Food Healthy Lives Institute presso l’Università del Minnesota; e il programma di sviluppo professionale MnDrive Global Food Ventures presso l’Università del Minnesota.

In un altro studio, “Relazione tra un portafoglio dietetico a base vegetale e rischio di malattie cardiovascolari: risultati dello studio prospettico di coorte della Women’s Health Initiative (WHI),” ricercatori, in collaborazione con ricercatori WHI guidati da Simin Liu, MD, Ph.D. ., presso la Brown University, ha valutato se le diete che includevano un portafoglio dietetico di alimenti a base vegetale con indicazioni sulla salute approvate dalla Food and Drug Administration statunitense per l’abbassamento dei livelli di colesterolo ” cattivo”  (noto come “dieta del portafoglio”) fossero associate a meno eventi di malattie cardiovascolari in un ampio gruppo di donne in postmenopausa.

La “dieta di portafoglio” include noci; proteine ??vegetali di soia, fagioli o tofu; fibra viscosa solubile da avena, orzo, gombo, melanzane, arance, mele e frutti di bosco; steroli vegetali da alimenti arricchiti e grassi monoinsaturi presenti nell’olio di oliva e di colza e nell’avocado; insieme a un consumo limitato di grassi saturi e colesterolo alimentare. In precedenza, due studi randomizzati hanno dimostrato che il raggiungimento di livelli target elevati di alimenti inclusi nella dieta Portfolio determinava un abbassamento significativo del colesterolo “cattivo” o  del colesterolo lipoproteico a bassa densità (LDL-C) , più di un tradizionale a basso contenuto di grassi saturi National Colesterolo e programma educativo dieta in uno studio e alla pari con l’assunzione di una   statina che abbassa il colesterolo in un altro.

Lo studio ha analizzato se le donne in postmenopausa che hanno seguito la Dieta Portfolio hanno sperimentato un minor numero di eventi di malattie cardiache. Lo studio ha incluso 123.330 donne negli Stati Uniti che hanno partecipato alla Women’s Health Initiative, uno studio nazionale a lungo termine che esamina i fattori di rischio, la prevenzione e la diagnosi precoce di gravi condizioni di salute nelle donne in postmenopausa. Quando le donne in questa analisi si sono arruolate nello studio tra il 1993 e il 1998, avevano tra i 50 ei 79 anni (età media 62) e non avevano malattie cardiovascolari. Il gruppo di studio è stato seguito fino al 2017 (tempo medio di follow-up di 15,3 anni). I ricercatori hanno utilizzato i dati dei questionari sulla frequenza alimentare auto-riferiti per valutare ogni donna in merito all’adesione alla Dieta Portfolio.

I ricercatori hanno scoperto:

  • Rispetto alle donne che hanno seguito la Dieta Portfolio meno frequentemente, quelle con l’allineamento più vicino avevano l’11% in meno di probabilità di sviluppare qualsiasi tipo di malattia cardiovascolare, il 14% in meno di probabilità di sviluppare malattie coronariche e il 17% in meno di probabilità di sviluppare insufficienza cardiaca.
  • Non c’era alcuna associazione tra il seguire più da vicino la Dieta Portfolio e il verificarsi di ictus o fibrillazione atriale.

“Questi risultati rappresentano un’importante opportunità, poiché c’è ancora spazio per le persone per incorporare più alimenti vegetali che abbassano il colesterolo nelle loro diete. Con un’adesione ancora maggiore al modello dietetico Portfolio, ci si aspetterebbe un’associazione con eventi cardiovascolari ancora minori, forse tanto quanto i farmaci che abbassano il colesterolo. Tuttavia, una riduzione dell’11% è clinicamente significativa e soddisferebbe la soglia minima di chiunque per un beneficio. I risultati indicano che la dieta Portfolio produce benefici per la salute del cuore”, ha affermato John Sievenpiper, MD, Ph.D., autore senior dello studio presso il St. Michael’s Hospital, un sito di Unity Health Toronto in Ontario, Canada, e professore associato di scienze nutrizionali e medicina presso l’Università di Toronto.

I ricercatori ritengono che i risultati evidenzino possibili opportunità per ridurre le malattie cardiache incoraggiando le persone a consumare più alimenti nella dieta Portfolio.

“Abbiamo anche trovato una risposta alla dose nel nostro studio, il che significa che puoi iniziare in piccolo, aggiungendo un componente alla volta della dieta Portfolio e ottenere maggiori benefici per la salute del cuore aggiungendo più componenti”, ha affermato Andrea J. Glenn, M. .Sc., RD, autore principale dello studio e studente di dottorato presso il St. Michael’s Hospital di Toronto e in scienze nutrizionali presso l’Università di Toronto.

Sebbene lo studio sia stato osservazionale e non possa stabilire direttamente una relazione causa-effetto tra dieta ed eventi cardiovascolari, i ricercatori ritengono che fornisca una stima più affidabile per la relazione dieta-cuore fino ad oggi grazie al suo disegno di studio (incluso cibo ben convalidato questionari di frequenza somministrati al basale e al terzo anno in una vasta popolazione di partecipanti altamente dedicati). Tuttavia, i ricercatori riferiscono che questi risultati devono essere ulteriormente studiati in ulteriori popolazioni di uomini o donne più giovani.

Categorie:Mangiare e bere

Con tag:,